Le regole

Fattura elettronica e digitalizzazione del Fisco, cosa ci aspetta nel 2022

L’estensione dell’obbligo di fattura elettronica ai soggetti in regime forfettario, il nuovo formato dell’esterometro, la situazione legata alla scadenza del servizio di conservazione Sogei: il 2022 si apre con la prospettiva di novità fiscali per imprese e professionisti, ecco quali

10 Gen 2022
Barbara Maria Barreca

Dottore commercialista e Valutatore di impatto Sociale

Luca Benotto

Dottore Commercialista

notebook-ge2fdb3762_1920

Con il 2022 arrivano nuovi obblighi in materia di digitalizzazione del fisco, già previsti o comunque prevedibili: dalla fattura elettronica per forfettari, agli obblighi legati all’esterometro e ancora la scadenza del servizio di conservazione Sogei. Novità che comporteranno per imprese e professionisti, in maniera a nostro parere assai poco gestibile, un avvio in corso d’anno problematico da diversi punti di vista.

Fattura elettronica per forfettari, operazioni sanitarie ed esterometro: tutte le novità 2022

Fattura elettronica obbligatoria per forfettari: manca la data di avvio

L’adempimento forse più temuto da molti imprenditori e professionisti minori è l’ormai prossima introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica anche per i soggetti in regime forfettario, tuttora esclusi. Il 17 dicembre 2021 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la decisione 2021/2251 del Consiglio che autorizza l’Italia a prolungare l’obbligo di fatturazione elettronica per il triennio 2022 per tutti i soggetti IVA, inclusi quelli sino ad oggi esonerati (minimi, forfettari, associazioni sottosoglia).

WHITEPAPER
Strategie e strumenti per il Digital Marketing del 2023 - la guida step by step
Dematerializzazione
Istruzione

Ovviamente, la mera autorizzazione comunitaria (necessaria in quanto l’IVA è a tutti gli effetti un’imposta europea governata dalle disposizioni unionali) non si traduce in un obbligo di legge immediato, per il quale è necessario un provvedimento interno che modifichi il D.Lgs. 127/2015 che disciplina la fatturazione elettronica obbligatoria, ma va ribadito che tale decisione appare ormai scontata. Ad oggi non sappiamo quando e come il legislatore deciderà di estendere l’obbligo a minimi e forfettari.

Tre possibili scenari

Possiamo ipotizzare tre scenari alternativi:

  1. avvio dell’obbligo a partire dal primo gennaio 2023 (scenario indubbiamente più ragionevole e preferibile per non gravare inutilmente gli interessati);
  2. avvio dell’obbligo a partire dal primo luglio 2022 (come già previsto per la FE obbligatoria con S. Marino o le comunicazioni operazioni con l’estero); scenario decisamente non ottimale, che costringerebbe gli operatori ad un cambio di modalità di fatturazione (e ricezione) in corso d’anno;
  3. avvio dell’obbligo già dal passato primo gennaio 2022, ma con periodo transitorio (ad es. il primo trimestre) durante il quale non è sanzionato l’invio tardivo (come durante l’avvio dell’obbligo di FE).

Nella decisione del Consiglio si legge che l’Italia ha richiesto la deroga perché la fatturazione elettronica per i soggetti minori permetterebbe “…all’Agenzia delle entrate di accertarsi sul rispetto da parte di tali soggetti passivi dei requisiti e delle condizioni per potersi avvalere di tale franchigia”; sulla base di questa motivazione ci sembrerebbe ragionevole che l’avvio dell’obbligo comprendesse un intero anno solare, ma non sempre in ambito fiscale le scelte del legislatore sono facilmente comprensibili ai più.

Ci preme inoltre sottolineare che l’essere obbligati alla fatturazione elettronica è ben diverso che averne la facoltà, soprattutto per quanto riguarda le fatture ricevute. Il contribuente forfettario che oggi sceglie di emettere fattura elettronica ad alcuni o a tutti i propri clienti può legittimamente continuare a ricevere fatture trattandole come analogiche e conservandole in maniera tradizionale (il faldone o la cartellina). Viceversa, nel momento in cui divenisse obbligato per legge alla fatturazione elettronica sarebbe tenuto a ricevere in elettronico le fatture di acquisto ed anche a conservarle digitalmente (eventualmente attivando il sistema di conservazione SOGEI messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate).

Esterometro, formato XML fattura elettronica dal primo luglio 2022

Con la conversione in legge del “Decreto Fisco Lavoro” (DL 146/2021) è stato rinviato al 1° luglio 2022 l’avvio dell’obbligo previsto dal comma 3-bis dell’art. 1 del D.Lgs. 127/2015 di comunicare le operazioni attive e passive con soggetti esteri non più tramite il vecchio “esterometro” periodico (un’unica trasmissione di tutti i dati delle operazioni del trimestre), ma nella forma di singoli documenti xml in formato “Fattura elettronica”, da inviare nei termini ordinari di emissione per la fatturazione attiva entro il 15° giorno del mese successivo a quello di ricevimento per la fatturazione passiva. Si tratta di modalità di comunicazione delle operazioni con l’estero che già oggi sono utilizzabili a discrezione del contribuente, sulla base della propria organizzazione amministrativa ed in effetti frequentemente utilizzate con soddisfazione nella fatturazione attiva, riducendo il carico di lavoro complessivo.

Lo stesso però non può essere detto per quanto riguarda la fatturazione passiva. Ci sia permessa una certa dose di catastrofismo, peraltro già manifestata in un nostro precedente intervento di 3 mesi fa: la comunicazione delle operazioni passive con l’estero è un grosso aggravio di attività amministrativa e la sanzione prevista per l’inadempimento (2 euro a fattura) fa seriamente pensare sia più conveniente non adempiere e subire la sanzione rispetto all’aggravio di costo interno o esterno (commercialista).

Servizio di conservazione Sogei in scadenza o scaduto: convenzione da rinnovare

Questo non è il tipico adempimento obbligatorio, ma si tratta comunque di un impegno da mettere in scadenza. Gli imprenditori e i professionisti che tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 hanno aderito al servizio gratuito di conservazione delle fatture elettroniche messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate hanno sottoscritto un accordo triennale che non prevedeva rinnovo tacito. Decorsi i 36 mesi dalla sottoscrizione, le fatture smettono di essere portate automaticamente in conservazione (ma quelle conservate nel periodo di validità restano conservate ed accessibili anche dopo la scadenza).

Se si intende continuare a fruire del servizio sarà quindi necessario effettuare una nuova adesione. In virtù della possibilità di ricomprendere nell’accordo le fatture transitate da SdI a partire dal 1° gennaio del secondo anno precedente quello di adesione, si può tranquillamente lasciar scadere il vecchio accordo e rinnovare qualche giorno (o qualche mese) dopo la scadenza, come nell’esempio (scadenza 2 luglio, nuova adesione del 7 luglio con recupero retroattivo dal 2, data di scadenza):

La necessità di rinnovare l’adesione alla conservazione vale solamente per chi ha aderito alla conservazione prima dell’adozione del nuovo testo di accordo (vers. 3.0 del 4 giugno 2021); per le adesioni successive (incluse i rinnovi) il nuovo testo di accordo ne prevede l’efficacia fino a revoca.

Utilizzo dei dati delle Fatture Elettroniche: il parere del Garante privacy

Impossibile concludere senza un accenno al recente parere espresso dal Garante della privacy sulla bozza di provvedimento dell’Agenzia delle Entrate relativa alle regole tecniche per la memorizzazione delle FE da utilizzare per l’analisi del rischio e controllo a fini fiscali e per le funzioni di polizia economica e finanziaria.

Il Garante esprime parere sostanzialmente favorevole all’utilizzo dei c.d. “dati fattura” e “dati fattura integrati” ovvero sostanzialmente tutte le informazioni quantitative (importi, in primis) nonché quelle qualitative nel caso di operazioni che non coinvolgono consumatori finali, condizionato però all’adozione da parte dell’Agenzia di procedure e limitazioni che assicurino che i dati presenti nelle fatture non possano venir utilizzati per altro che non sia il trattamento previsto dalla legge.

In effetti il Garante prescrive che in alcuni specifici settori (legale, in primis) vengano adottati accorgimenti tecnici tali da rendere inintelligibili dati ed informazioni personali contenute nelle fatture pur mantenendone l’inalterabilità. Inoltre, anche nel caso di operazioni tra soggetti professionali le informazioni qualitative dovranno essere escluse dai “dati fattura integrati”; infine, ad eccezione delle attività di controllo relative alla deduzione o detrazione di spese sostenute, nel caso di consumatori finali l’utilizzo delle informazioni contenute nelle fatture elettroniche potrà avvenire esclusivamente a seguito del manifestarsi di un rischio di evasione emerso a seguito di verifiche fiscali su soggetti IVA (venditori di beni o prestatori di servizi nei confronti del consumatore stesso).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3