l'analisi

Una nuova era della produttività con IA e cloud, ma all’Italia servono nuove politiche economiche

Tra i motivi di fondo per poter considerare la curva della produttività in una fase di crescita spinta nei prossimi anni, ci sono anche gli effetti delle nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale e il cloud. Ma in Italia c’è da essere ottimisti, dati i nostri ritardi? Sì, se sapremo usare davvero bene il PNRR

13 Lug 2021
Giacomo Bandini

Competere

produttività - Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Una buona parte del pensiero economico ha individuato nella crescita della produttività un fattore fondamentale per determinare la salute di un sistema economico e soprattutto della sua produzione di beni e servizi. Da questo punto di vista, l’intelligenza artificiale e nuove tecnologie digitali sono state considerate il perno di una nuova era della produttività dove i processi sarebbero cambiati e con essi le nostre società. Ancora dobbiamo vederne gli effetti e potrebbe crescere il clima di sfiducia verso l’innovazione. Ma non dobbiamo disperare.

Rinunciare all’automazione e all’innovazione delle nostre economie potrebbe rallentare definitivamente quella transizione verso un maggiore benessere diffuso, sia per noi sia per l’ambiente.

L’intelligenza artificiale per la ripresa dell’Italia: ecco sfide e opportunità

La crisi della produttività

La crisi della produttività non è comunque cosa recente. Diversi indicatori statistici mostrano questo trend negli ultimi due decenni circa. Ad esempio, negli Stati Uniti si è assistito ad una crescita dell’1,3% di media annuo dal 2006 ad oggi. Il trend è piuttosto simile anche per l’Unione Europea (27 paesi), mentre il caso italiano rimane piuttosto peculiare poiché la crescita media annuale dal 2006 a oggi è inferiore all’1% annuo con un crollo evidente nel 2009, più grave rispetto ad altri paesi. Dal 1999 al 2019, il PIL per ora lavorata in Italia è cresciuto di poco più del 4%. In Francia e Germania è aumentato di oltre il 21%. La produttività totale dei fattori, un indicatore fondamentale per capire le dinamiche di tutto il sistema economico e delle sue performance in termini di output, è diminuita del 6,2% tra il 2001 e il 2019. Per capirne la rilevanza rispetto alla crescita economica, basti pensare che durante gli anni del miracolo economico si assisteva a una crescita della TFP che toccava il 4% annuo. Eppure, nel primo trimestre del 2021 si è assistito, perlomeno negli USA, a un’inversione di tendenza piuttosto significativa: la produttività del lavoro è cresciuta del 5,2% rispetto al trimestre precedente.

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

C’è comunque da essere ottimisti?

La cosiddetta J-curve dell’innovazione potrebbe aver toccato il fondo negli ultimi tre mesi del 2020 e il rimbalzo potrebbe essere di gran lunga superiore rispetto a quanto ci si aspettava. Tale ottimismo è condiviso da Erik Brynjolfsson, professore di Stanford che ha scritto molto di industria 4.0 e digitalizzazione, e Georgios Petropoulos, ricercatore dell’istituto Bruegel. Ma perché questo ottimismo in una situazione ancora incerta a causa della pandemia e di alcuni nodi ancora irrisolti a livello globale e, talvolta, nazionale? Secondo i due esperti ci sarebbero tre motivazioni di fondo per poter considerare la curva della produttività in una fase di crescita spinta nei prossimi anni. La prima riguarda proprio gli effetti delle nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale e il cloud computing. Lo sviluppo di algoritmi di apprendimento automatico combinato con un forte calo dei prezzi per l’archiviazione dei dati e i miglioramenti nella potenza di calcolo hanno permesso alle aziende di accedere a nuove frontiere dell’innovazione. Evidentemente i risultati sui processi produttivi stanno emergendo solamente ora, anche in seguito a una fase di assorbimento in cui gli stessi manager hanno dovuto ripensare all’organizzazione delle proprie aziende.

Pandemia e trasformazione digitale

La pandemia ha avuto un impatto pesante e tragico sulle nostre vite. Eppure, nell’arco di un solo anno molte aziende hanno dovuto apportare cambiamenti significativi nel segno della trasformazione digitale.

La digitalizzazione e la stessa riorganizzazione del lavoro (si pensi al cosiddetto remote working) potrebbero essere dietro la svolta nella J-curve della produttività. E con essa un cambiamento positivo per quanto riguarda la qualificazione professionale della forza lavoro. Infine, la terza motivazione per essere ottimisti sulla produttività include le politiche espansive portate avanti dalle istituzioni globali. L’impatto dei pacchetti di sostegni durante la pandemia potrebbe aver avuto un effetto positivo non solamente sulla domanda bensì anche sul riassorbimento della disoccupazione. Bassi livelli di disoccupazione portano a salari più alti, con la conseguenza che le aziende abbiano maggiori incentivi a implementare nuove soluzioni tecnologiche e quindi migliorare ulteriormente la produttività. Rispetto a quanto concluso da Brynjolfsson e Petropoulos è necessario sottolineare come ogni paese abbia le sue peculiarità per quanto riguarda il sistema economico e il suo inserimento nella catena del valore globale. È evidente che tra USA e Italia, ma anche UE, sussistono differenze fondamentali. Con i primi in uno stato di avanzamento sotto il profilo tecnologico che li rendono leader globali insieme al gigante cinese (che però può contare su un diverso assetto istituzionale e su una popolazione più di 3 volte superiore).

Verso Industry 5.0: digitale e transizione ecologica per rinnovare le imprese

E in Italia, si può essere ottimisti?

In Italia le cause della stagnazione della produttività sono diverse. Non da ultima, come sottolineato anche nel PNRR, vi è stata una forte resistenza nel cogliere le opportunità legate alla trasformazione digitale. Il ritardo nel digitale è dovuto ad una serie di cause, tra le quali la carenza di infrastrutture adeguate, la struttura del tessuto produttivo che vede una forte prevalenza di piccole e medie imprese restie nell’adottare nuove tecnologie e muoversi verso produzioni a più alto valore aggiunto con conseguente rilevanti per la struttura del mercato del lavoro, ma anche un modello di formazione che non ha seguito le dinamiche globali. Medesima situazione, se non peggiore, per il settore pubblico. Possiamo, dunque, essere ottimisti come Brynjolfsson e Petropoulos? , se guardiamo ai tre fattori che essi indicano per vedere un rimbalzo della produttività. In particolare, al terzo, ossia la presenza condizioni di politica economica espansive e mirate a sostenere la trasformazione ecologica e tecnologica. Ed è per questo che tante speranze vengono riposte nel PNRR e in una versione “accomodante” della BCE rispetto a quanto fatto nel recente passato. Meno ottimisti se guardiamo alle condizioni di partenza che vedono l’Italia svantaggiata rispetto agli USA. Non solo per quanto riguarda la produzione e l’applicazione di nuove tecnologie. Soprattutto per quanto riguarda il sistema economico complessivo e la sua capacità di recupero dopo crisi di tipo esogeno.

In ogni caso, il ruolo delle politiche economiche sarà quanto mai fondamentale. Forse proprio per rafforzare e migliorare quelle basi che ci sono sempre mancate e investire nelle nuove tecnologie come l’AI.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati