agenda digitale

Bairati (Confindustria): “Il ruolo della PA per una economia 4.0”

Favorire una cooperazione tra il mondo dell’industria e quello della formazione, incentivando quanto più possibile il rapporto scuola-università-lavoro. Lo sviluppo delle Smart City e dei servizi di pubblica utilità rappresenta un’ottima opportunità per testare le soluzioni Internet of things in modalità precommerciale. Ci sono queste tra le funzioni che ci si aspetta dalla PA per smuovere il mercato

26 Mag 2016
Andrea Bairati

Confindustria

bairati-andrea-confindustria-160302160656

Dopo aver più volte posto l’accento su come la Pubblica Amministrazione, con i suoi circa 130 mld di euro/anno spesi nell’acquisto di beni e servizi, svolga il ruolo strategico per la crescita del nostro Sistema Economico e allo stesso tempo sia in grado di influenzare e guidare il percorso di modernizzazione e di digitalizzazione indicato dalle sette iniziative faro collegate a Horizon2020, è altrettanto necessario evidenziare come la stessa PA abbia la piena responsabilità di favorire la creazione di un ”ecosistema abilitante” propedeutico allo sviluppo dell’Economia Digitale.

Infrastrutture materiali e immateriali, tecnologie abilitanti, servizi di e-government innovativi, competenze e formazione, semplificazione normativa, standard e interoperabilità tra piattaforme e banche dati, sono queste le componenti principali di quell’ecosistema necessario affinché possa svilupparsi, sempre più forte e competitiva, l’attività di impresa, alla luce dell’avvento del nuovo paradigma industria 4.0.

La Pubblica Amministrazione è chiamata a ricoprire un ruolo strategico in questo processo, la cui importanza, se ce ne fosse ancora bisogno, è stata nuovamente evidenziata nella recente iniziativa comunitaria “Strategia per la digitalizzazione dell’industria europea” dove, accanto a progetti su tematiche propedeutiche allo sviluppo del Digital Single Market (5g, cyber security, standard, big data, Internet of things), la Commissione Europea ha dedicato un action plan specifico per l’e-government, con l’obiettivo di modernizzare i servizi pubblici attraverso 20 iniziative che saranno lanciate entro la fine del 2017.

Mentre gli investimenti in infrastrutture di rete, con il Piano strategico per la banda ultralarga, e i servizi di e-government con il Piano per la Crescita Digitale, seppur passibili di miglioramenti e integrazioni in corso d’opera, hanno ben scadenziato il percorso da compiere da qui al 2020 per cercare raggiungere gli obiettivi fissati dall’Agenda Digitale Europea, è necessario affrontare un discorso a parte per quanto concerne le competenze e le tecnologie abilitanti, in particolare per quelle alla base della diffusione dell’internet delle cose, vero e proprio motore della quarta rivoluzione industriale.

Le competenze rivestono un ruolo primario e strategico per la buona riuscita del processo di digitalizzazione del Paese e dobbiamo avere tutti la consapevolezza che senza una vasta azione culturale su studenti, imprenditori e lavoratori pubblici e privati non è assolutamente pensabile di riuscire a compiere quel salto di qualità in termini di modernizzazione a cui tendono tutte le iniziative di digitalizzazione e semplificazione in atto.

Se per quanto concerne lo sviluppo della cultura digitale a livello di Scuola il Governo sembra aver intrapreso la giusta strada attraverso il Piano Scuola Digitale, nonostante vada decisamente rafforzato non solo a livello di risorse economiche destinate ma anche a livello di contenuti, introducendo ad esempio percorsi mirati di alternanza scuola-lavoro per lo sviluppo di competenze digitali nell’ottica di Industria 4.0, più delicata è la situazione per la formazione al digitale di Pubblica Amministrazione e imprese.

I nostri imprenditori, da sempre predisposti all’innovazione e agli investimenti in nuove tecnologie per migliorare processi e prodotti, devono essere sensibilizzati e accompagnati nel nuovo percorso di digitalizzazione che sta investendo non solo il contesto aziendale ma l’intero scenario economico a livello globale, facendo loro comprendere attraverso best practices e testimonianze di imprenditori di successo come il digitale sia a tutti gli effetti da considerarsi come un fattore strategico della produzione, alla stregua del capitale, della forza lavoro e delle materie prime, e non più un costo bensì un investimento in grado di apportare valore all’azienda e ad offrire opportunità di business per una rapida crescita in termini di produttività e competitività.

Il valore aggiunto quindi sta nel riuscire a comunicare agli imprenditori in maniera efficace e con un linguaggio diretto, attraverso il contributo di altri imprenditori, la correlazione diretta tra il digitale e lo sviluppo del business aziendale e i reali vantaggi connessi all’adozione delle tecnologie e alla trasformazione digitale dei processi, sia in relazione al business che sull’organizzazione del lavoro.

L’interazione uomo-macchine sarà l’asse portante dei nuovi processi produttivi, in un contesto di fabbrica evoluta, connessa, virtuale, flessibile e fortemente customer oriented; l’internet of everything, cose, persone, servizi, dati, sta modificando radicalmente il modo di fare impresa, sostituendo ai criteri di gestione basati su una forte gerarchia elementi di autonomia e flessibilità, richiedendo all’azienda nuove figure professionali in grado di gestire i processi interno e di governarne i rapporti di filiera e di mercato globale.

Proprio dalla diffusione delle tecnologie digitali legate all’internet delle cose e dalla sua applicazione a tutti i settori economici della società, processo oramai irreversibile a livello mondiale, è necessario saper cogliere le opportunità per rilanciare il Paese e accelerarne la competitività e l’attrattività, lato PA offrendo servizi ad alto contenuto innovativo a cittadini e imprese in settori quali Ambiente, Salute, Sicurezza, Trasporti, ossia l’ossatura delle smart cities, lato impresa stimolando e favorendo gli investimenti necessari per accettare la sfida con i competitors mondiali nel campo dell’Agroalimentare, dell’Edilizia, dell’Energia, del Turismo e del Manifatturiero.

Per agevolarne la diffusione e l’adozione bisogna agire su più versanti, contemporaneamente e tempestivamente e il ruolo che il Governo è chiamato a svolgere in questa partita sarà a dir poco determinante.

Anzitutto è necessario accelerare l’implementazione delle reti di connettività e favorire l’adozione della nuova tecnologia mobile 5g, abilitante principale dei servizi basati sull’internet delle cose; allo stesso tempo bisogna agire a livello normativo e regolatorio, favorendo l’adozione di standard aperti e soluzioni interoperabili al fine di evitare inutili sprechi di risorse in termini di costo, duplicazioni di investimenti in software e hardware, e di perdita di produttività e competitività, creazione di sistemi chiusi e contrari alle logiche di filiera e di mercato.

Delle competenze abbiamo già accennato ma credo che non sia affatto ridondante ricordare quanto sia importante favorire una cooperazione tra il mondo dell’industria e quello della formazione, incentivando quanto più possibile il rapporto scuola-università-lavoro, senza trascurare l’alfabetizzazione dei cittadini, con particolare focus sulla terza età.

Anche la Pubblica Amministrazione, in qualità di commitment di tecnologie e soluzioni IoT, avrà un ruolo da attore protagonista nel processo; lo sviluppo delle Smart City e dei servizi di pubblica utilità rappresenta un’ottima opportunità per testare le soluzioni IoT in modalità precommerciale, avviando progetti pilota finalizzati al miglioramento dei servizi pubblici.

Affinché questo percorso possa concretamente avviarsi ed esplicare i suoi benefici a 360° su cittadini e imprese, è necessario che il Governo lo annoveri tra le proprie priorità per la crescita del Paese; l’importanza della fase di divulgazione, in termine di comunicazione dei benefici e delle opportunità, è fondamentale ed è quanto mai prioritario predisporre un piano di comunicazione per illustrare risultati tangibili e vantaggi concreti in grado di coinvolgere nel processo sempre più attori e di catalizzare risorse e idee per agevolarne l’implementazione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3