MS, Cloud e Google

Sovranità dei dati cloud: le mosse delle big tech

Oggi più del 70% del mercato del cloud mondiale è in mano ai 3 big player Usa, che data la loro posizione dominante, dettano le regole. L’EU Data Boundary di Microsoft introduce una novità poiché riguarda non solo i dati del cliente, ma anche quei dati – spesso anche personali – di cui il cliente è inconsapevole

Pubblicato il 17 Gen 2023

Nadia Giusti

Data Protection & Cybersecurity Expert

Cloud,And,Edge,Computing,Technology,Concepts,Support,A,Large,Number

Dal primo gennaio 2023, i clienti Microsoft che risiedono nel territorio europeo possono archiviare i propri dati all’interno di tale regione. Ciò vale per tutti i servizi core Cloud offerti da Microsoft, non solo Azure, ma anche Microsoft 365, Dynamics 365 e la piattaforma Power BI.

Un cambiamento graduale annunciato dall’azienda sul finire dello scorso anno: con l’EU Data Boundary, quindi, Microsoft offrirà ai clienti che utilizzano i suoi servizi cloud la garanzia che tutti i loro dati archiviati in una specifica region, anche quelli prodotti da Microsoft, rimarranno unicamente disponibili in quella specifica zona.

Perché è importante questa iniziativa? Come si stanno comportando Amazon e Google, i principali competitors di Microsoft nel mondo dei servizi cloud?

Sovranità digitale: le mosse dell’Europa su dati e tecnologie strategiche

Microsoft e l’ EU Data Boundary

Come illustrato più dettagliatamente nella Understanding the Microsoft EU Data Boundary Roadmap il percorso, che si rivolge ai clienti europei del settore pubblico e commerciale, e che è iniziato il 1 gennaio 2023 per concludersi alla fine del 2024, verrà suddiviso in diverse fasi.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity

La fase 1 si occuperà di assicurare quella che Microsoft chiama la “EU Data Boundary” per i principali servizi Cloud, ovvero che i dati dei clienti siano processati e gestiti all’interno della regione europea, riducendo al minimo o eliminando trasferimenti extra EU. Nell’ambito di questa fase, che ha l’obiettivo di dare ai clienti il controllo sui propri dati, nello spirito del GDPR e del concetto di sovranità dei dati, Microsoft si impegna a pubblicare una documentazione dettagliata sulle azioni intraprese, nonché i dettagli di eventuali trasferimenti al di fuori dell’UE, ad esempio dove ciò sia necessario per mantenere la sicurezza e l’affidabilità del servizio.

La fase 2 avrà il compito di estendere l’EU Data Boundary oltre i dati dei clienti, includendo anche quei dati personali (che Microsoft afferma siano pseudonimizzati) che i sistemi Microsoft generano come parte delle operazioni del servizio.

È realizzabile un cloud “sovrano”? Ci conviene? Ecco l’analisi dei pro e dei contro

La fase 3, che inizierà presumibilmente a metà del 2024, vedrà l’estensione della EU Data Boundary anche ai quei dati che Microsoft colleziona per fornire supporto tecnico per i propri servizi Cloud. Microsoft mette in guardia che potranno comunque ancora esistere situazioni che richiedono accessi remoti ai dati, ad esempio per garantire la sicurezza dei servizi stessi, ma si impegna ad utilizzare mezzi sicuri in grado di garantire la presenza di tali dati nell’ambito del territorio europeo. Microsoft comunque pianifica di aumentare il supporto all’interno del territorio europeo, in modo da limitare, se non eliminare, le richieste di accesso remoto al di fuori del territorio europeo.

Il contesto: come i cloud provider trattano i nostri dati

Oggi i più importanti big player del cloud pubblico mondiale, quindi Amazon, Microsoft e Google, offrono alle organizzazioni che utilizzano i loro servizi Cloud la possibilità di scegliere tra molteplici “regions”, localizzate in varie zone del mondo e con differenti peculiarità e caratteristiche, dove memorizzare i propri dati utilizzati dai servizi Cloud, dati che possono anche contenere informazioni personali. Una region va intesa come un luogo fisico nel mondo in cui sono clusterizzati i data center.

Quindi, oggi una organizzazione europea che utilizza Amazon Web Services (AWS) può scegliere, ad esempio, di memorizzare i propri dati in una region come l’Irlanda, scelta piuttosto diffusa, per soddisfare i requisiti del Regolamento (EU) 2016/679 (o GDPR) e minimizzare quanto più possibile il rischio di trasferimenti transfrontalieri, magari proprio verso gli Stati Uniti, trasferimenti che, come ricorderemo, al momento sono vietati poiché non esiste né un accordo in vigore dopo l’annullamento del Privacy Shield in seguito alla ormai famosa sentenza della Corte di Giustizia Europea Schrems II del 16 Luglio 2020, né una decisione di adeguatezza, sebbene Europa e USA si stiano dando da fare in tal senso.

Sentenza Schrems è una vittoria per la sovranità digitale degli europei: ecco perché

Sappiamo bene, però, che oggi, nel nostro mondo iper tecnologico e connesso, i dati generano altri dati. Quando pensiamo al concetto di “dato” e di “dato personale”, quindi, non dobbiamo considerare solo ciò che decidiamo consapevolmente di memorizzare e gestire, ma dobbiamo anche considerare che durante l’operatività di un servizio, qualunque esso sia e in qualsiasi modo venga erogato, i dati verranno osservati, aggregati e magari completati con altri dati generati da altre fonti, dando vita a ulteriori nuovi dati, magari raccolti sotto forma di files di logs o di debugging, per esigenze di tracciabilità del servizio o per offrire supporto tecnico quando richiesto dal proprietario dei dati. Ed è facile pensare che questi “insiemi di dati” contengano a loro volta dati personali, come gli identificativi degli utenti, dettagli sugli accessi e sulla tipologia delle operazioni, e via dicendo. Nell’ambito di un servizio Cloud, che è erogato da remoto e da una non ben identificata “entità”, diventa ancora più difficile capire che ne è di queste informazioni, chi ne è responsabile, chi può accedervi, dove sono memorizzate, per quanto vengono conservate e se possono essere utilizzate da qualcuno, e in che modo. Non dimentichiamo poi che i Cloud Provider condividono quasi sempre molte delle informazioni con responsabili del trattamento che risiedono al di fuori dello spazio economico europeo, anche per operazioni di troubleshooting. Gli elenchi dei responsabili del trattamento sono solitamente pubblici, si veda ad esempio l’elenco dei Microsoft Online Service Sub Processor List, ma chi può dire, leggendo la lista, se i dati di un cliente saranno sottoposti a un trasferimento extra-EU oppure no?

Quasi mai un’organizzazione, grande o piccola che sia, ha modo oggi di ottenere informazioni ed evidenze chiare su questo tipo di trattamenti, perché generalmente i Cloud Provider non considerano i dati prodotti dai loro servizi un trattamento secondo quando definito dall’ art. 4 n. 2 del GDPR, anche quando questi dati possono essere riconducibili a dati personali; né considerano di essere responsabili di detto trattamento, questo anche in virtù della loro posizione predominante sul mercato che produce l’effetto del “prendere o lasciare”; nè tantomeno una organizzazione è in grado di intervenire su questa collezione di dati o di stabilirne criteri di raccolta, in base all’ art. 25 del GDPR Privacy by Design, in quanto non è l’organizzazione che decide quando e come raccogliere o aggregare questi dati, ma il Cloud Provider.

Va ricordato inoltre che anche la scelta di una region europea non impedisce agli Stati Uniti (si veda il Clarifying Lawful Overseas Use of Data Act (Cloud Act) del 23 Marzo 2018) di applicare meccanismi, seppur limitati, con cui richiedere i dati archiviati anche al di fuori del territorio statunitense.

La posizione di Amazon Web Services (AWS) e Google Cloud

Analogamente a Microsoft, sia Amazon Web Services (AWS) che Google Cloud offrono la possibilità ai propri clienti di selezionare la region dove i propri dati saranno memorizzati e gestiti.

AWS fa suo il concetto di sovranità dei dati garantendo che i propri servizi siano progettati opportunamente per impedire l’accesso remoto da parte del personale AWS ai dati dei clienti per qualsiasi scopo, inclusa la manutenzione del servizio, a meno che non sia richiesto dal cliente stesso oppure sia necessario per soddisfare una norma di legge specifica. Apparentemente quindi non vi è motivo per introdurre il concetto di EU Data Boundary, in quanto esso è già garantito, secondo Amazon, dalla scelta della region stessa.

Da parte sua, Google ha messo in campo alcuni servizi per supportare la sovranità dei dati in ambito europeo, come Assured Workloads, che permette di creare e mantenere carichi di lavoro con residenza dei dati nella regione scelta, e offre l’opzione di limitare il supporto e l’accesso alle persone dell’UE (EU Regions and Support) oppure offre ai propri clienti la possibilità di esercitare il controllo sui dati gestendo le proprie chiavi di crittografia e assicurandosi che le chiavi stesse siano conservate in una Region europea, e archiviandole al di fuori dell’infrastruttura Google Cloud (EU Regions and Support with sovereignty controls), peraltro possibile anche con AWS.

La stessa Amazon, del resto, dichiara poi che “un numero limitato di servizi AWS prevede il trasferimento dei dati, ad esempio, per sviluppare e migliorare quei servizi, ma l’utente può comunque rinunciare al trasferimento, oppure perché il trasferimento è una parte essenziale del servizio (come un servizio di distribuzione di contenuti)”.

Ma la sovranità dei dati comprende oltre alla residenza dei dati, cioè il sapere dove i dati sono memorizzati, anche l’elaborazione, l’accesso e la generazione dei dati derivati. Che ne è quindi di questi dati derivati, che Microsoft intende gestire nella fase 2 e 3 del suo progetto e che imputa generati dall’operatività dei suoi servizi? Come è possibile che Amazon e Google non li generino?

Conclusioni

Le tecnologie cloud sono alla base dell’accelerazione della trasformazione digitale per le nostre economie e società, le quali sono sempre più dipendenti dai dati. La sovranità dei dati è quindi un aspetto cruciale e diventa imperativo trovare un modo per garantire la fiducia degli utenti dei servizi Cloud se si vuole far sì che tali servizi siano sempre più diffusi, sia in ambito privato che pubblico, e siano in grado di semplificare e aiutare le nostre economie. Ma la fiducia si ottiene solo proponendo e sostenendo un modello basato sulla trasparenza e sulla collaborazione, sull’adesione a regole e standards, sulla possibilità di sapere dove i dati sono memorizzati e di controllare l’accesso ai dati e ai suoi derivati.

Oggi più del 70% del mercato del cloud mondiale è in mano ai 3 grandi big player americani, che approfittando della posizione dominante, dettano di fatto le regole del mercato.

L’elemento di assoluta novità nell’ EU Data Boundary di Microsoft, come evidenziato dalla sua stessa Corporate Vice President and Chief Privacy Officer, Privacy and Regulatory Affairs Julie Brill, è che il progetto riguarda non solo i dati del cliente, ma anche quei dati di cui spesso il cliente è inconsapevole, prodotti dal Cloud provider stesso per garantire l’operatività del servizio, dati che spesso, contengono anche dati personali. “Stiamo creando questa soluzione per far sentire i nostri clienti più sicuri e per far si che essi siano in grado di dimostrare alle loro autorità di regolamentazione dove i loro dati vengono elaborati e archiviati”, ha affermato Brill.

Nessuno degli altri Cloud Provider al momento si sta muovendo in questa direzione. Se guardiamo alle posizioni assunte da AWS e Google, dal loro punto di vista non sembra esservi motivo di introdurre il concetto di EU Data Boundary poichè già insito nella scelta della region e degli strumenti messi a disposizione: solo i clienti accedono ai loro dati, e i loro dati vengono memorizzati nella region specificata, con la garanzia che i dati rimarranno lì e nessuno, al di fuori del cliente o delle persone autorizzate dal cliente, potrà accedervi; i dati sono criptati at rest e in transit, e gli utenti se lo desiderano possono avere il controllo delle chiavi di crittografia; nessuno in AWS o in Google può accedere ai dati, a meno che il cliente non dia il suo consenso. Non vi è però alcuna azione o menzione verso tutti quei dati che invece possono prodotti dai loro servizi e che possono costituire a tutti gli effetti trattamenti di dati personali, come ad esempio a tutti quei dati raccolti per fornire il supporto tecnico.

Tutti i vertici europei sono impegnati a “costruire la sovranità digitale dell’europa”, definendo regole e controllando che esse vengano applicate. Microsoft è il primo dei big player a raccogliere pienamente la sfida con il suo programma EU Data Boundary, impegnandosi a fornire supporto dall’Europa e trovare una soluzione non solo per i dati utente, ma anche per quelli operativi, di cui l’utente del Cloud è spesso inconsapevole: presumibilmente, questa strada avrà delle ripercussioni anche su Amazon e Google. Certamente non possiamo non pensare che Microsoft agisca in questo modo non solo per tutelare i suoi utenti ma anche per accaparrarsi nuove quote di mercato, a scapito dei suoi competitors, facendo leva sulla sensibilità di utenti e istituzioni sulle tematiche della privacy e della protezione dei dati e sul concetto di “responsabilità” introdotto dal GDPR europeo, sensibilità sempre più in crescita negli ultimi anni. L’approccio della sovranità dei dati, insieme a quello della privacy e della security, diventerà presumibilmente a breve (perchè ad oggi non è così, anche se dovrebbe esserlo) uno degli elementi da tenere in considerazione nello scegliere un Cloud provider “affidabile”, ed è difficile pensare che AWS e Google stiano a guardare.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4