Italia Digitale 2026

Agenda digitale, le ombre che gravano sul nuovo Governo

Il rapporto Italia Digitale 2026. Risultati 2021-2022 e azioni per 2023-2026 del MITD indica ciò che si è fatto e ciò che resta in capo al nuovo Governo fare. Con alcune avvertenze su come fare e gli errori da evitare

14 Ott 2022
Stefano da Empoli

presidente dell’Istituto per la Competitività (I-Com)

italia governo digitale

Il rapporto Italia Digitale 2026. Risultati 2021-2022 e azioni per 2023-2026, pubblicato lo scorso 12 ottobre, rappresenta il testamento dell’attuale vertice del Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale (MITD), ormai giunto alle battute finali.

Anche se continuano fino al termine gli adempimenti, tanto che il documento sembra essersi persi alcuni passaggi dell’ultimo giorno o addirittura ora (per esempio, la pubblicazione del DMA nella Gazzetta ufficiale UE e la costituzione della società pubblica 3i S.p.A., che contestualmente è data in una colonna tra le azioni da perfezionare entro il mese di ottobre e in quella accanto tra le attività completate proprio il 12 ottobre).

D’altronde, il quadro delle attività è talmente ampio e articolato (come la giusta ansia di trasmettere il migliore lascito possibile a chi verrà) che è normale che la realtà superi la relativa prova documentale.

Italia digitale, tutte le azioni che restano da fare: avviso al nuovo Governo

Tra i risultati più significativi, si possono citare le gare chiuse per la selezione delle società che realizzeranno i 6 piani relativi alla connettività (Italia a 1 Giga, i due di Italia 5G, Scuole connesse, Sanità connessa e Collegamento isole minori), quella per il Polo Strategico Nazionale nonché l’adozione dell’80% dei decreti attuativi previsti dal programma di Governo (percentuale decisamente più elevata della norma, considerando anche i tanti compiti assegnati). Ma ce ne sono tanti altri.

Il documento non è però solo un elenco dei trionfi. Anzi le parti più interessanti sono senz’altro quelle relative ai prossimi passi attuativi, elencati in dettaglio per ciascuna delle 6 aree alle quali afferiscono le tante iniziative svolte e da svolgere (connettività, migrazione al cloud e servizi digitali della PA, sanità digitale, competenze digitali, tecnologia e spazio nonché leggi e regolamentazioni nazionali ed europee) nonché, vero cuore politico del rapporto, dulcis in fundo, le opportunità e le sfide principali con tanto di suggerimenti per il prossimo Governo.

 

Italia digitale, tra tante luci qualche ombra: ecco le principali

Tra tantissime luci, che speriamo possano aumentare ulteriormente in futuro, sono principalmente quattro gli elementi a mio avviso più critici (al quinto, l’intelligenza artificiale, l’incompiuta di ognuno degli ultimi Governi che si sono succeduti dal 2018 ad oggi, dedicherò un focus a parte).

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
  • In primo luogo, a fronte di un’offerta di reti e servizi che sta aumentando vorticosamente (e che vedrà tassi di crescita ancora maggiori nei prossimi anni), la domanda è certamente indietro. Lo dimostrano i dati del DESI, a cominciare dalle reti (dove pure abbiamo fatto salti in avanti importanti, soprattutto sulla copertura 5G e altri ne faremo sulle infrastrutture fisse). Ma anche quelli casalinghi, snocciolati dal rapporto. A fronte di utenti SPID quasi raddoppiati nel periodo febbraio 2021-settembre 2022 (da 17,5 a 32 miglioni) e del numero di amministrazioni pubbliche che consentono accesso a servizi SPID più che raddoppiato (da 5.479 a 12.459), il numero di utenti abituali è sì addirittura triplicato tra 2020 e 2022 ma non va oltre quota 6 milioni. In poche parole, dopo l’effetto Green Pass, si rischia di mettere in piedi una piattaforma che rimane appannaggio di (relativamente) pochi cittadini.
  • Molto dipenderà non solo dalla disponibilità di servizi ma anche dalla facilità d’uso e dalla relativa convenienza (costi e presenza di alternative migliori o comparabili). L’esperienza certamente fin qui negativa dei Piani voucher non deve far dimenticare inoltre l’esigenza di un supporto strutturale al consumo di Internet e dei suoi servizi per chi ne ha più bisogno. Soprattutto in una fase come quella attuale di inflazione elevata e di crescenti spese per le utility.
  • Inoltre, se in alcune aree la collaborazione pubblico-privato sta dando buoni frutti, per certi versi inaspettati (vedi le iniziative di matching tra domanda e offerta di competenze ICT, grazie alla collaborazione con Anitec-Assinform), continuano a non esserci programmi precisi sull’apertura della Piattaforma Nazionale Dati ai privati, tranne alcune sperimentazioni in corso nel settore bancario. Sarebbe questo un vero e proprio salto in avanti per scaricare a terra l’intelligenza artificiale in Italia e far crescere l’ecosistema dell’innovazione digitale (coerentemente con la Strategia europea dei dati).
  • Rimane inoltre ancora molta strada da percorrere per un impatto reale dei decreti semplificazioni sulle autorizzazioni al roll-out delle reti, fisse e mobili. Molti ostacoli non sembrano ancora superati e altre misure potrebbero rendersi necessarie per evitare ritardi nel cronoprogramma del PNRR (e più in generale per gli obiettivi italiani di connettività, giustamente molto ambiziosi).
  • Infine, lascia molti dubbi la costituzione di 3i S.p.A., nuova società pubblica che dovrebbe fornire supporto alle amministrazioni pubbliche centrali con sviluppo di software e operations management, in particolare nell’ambito del welfare, a fronte peraltro dell’esistenza di altre società a controllo statale che svolgono compiti simili (su tutte Sogei e PagoPa). Il rischio concreto è che possa trattarsi di un nuovo carrozzone, destinato soprattutto ad assegnare nuove poltrone e rendite di potere.

Mochi: “Ci serve un ministro all’innovazione ed ecco come lo (la) vorrei”

I consigli per il prossimo governo

Per il nuovo Governo si leggono consigli che sembrano esprimere tre preoccupazioni principali.

  • Innanzitutto, che si perda il forte presidio e il coordinamento a livello di Presidenza del Consiglio, scegliendo di disperdere le competenze attuali del MITD o di collocarle presso un singolo Ministero con portafoglio.
  • Secondo, si teme che l’approccio basato su un mix di bastone e carota, che certamente ha dato risultati mai raggiunti in passato, venga a sfilacciarsi. Dunque, a questo riguardo, per il MITD, serve rafforzare l’autorità di design delle architetture digitali del Paese, da un lato, e dall’altro, l’attuale modello di cooperazione del territorio, basato su tre step (coinvolgimento degli enti territoriali nel design iniziale; sperimentazione su piccola scala; rapido scale-up successivo).
  • Infine, l’invito a rafforzare e stabilizzare il personale attualmente impiegato dal Ministero e soprattutto dal Dipartimento per la trasformazione digitale, che ha arricchito di molto le competenze originariamente presenti nella PA.

Naturalmente un’interpretazione malevola potrebbe prendere questi consigli come non richiesti o quantomeno molto interessati. Sulla base dell’esperienza di molti anni, possiamo tuttavia ritenerli perlopiù corretti e per certi versi doverosi.

Il prossimo Governo avrà certamente la possibilità di aggiustare e migliorare ma lo sforzo principale dovrà essere quello di proseguire e in alcuni ambiti accelerare l’implementazione del PNRR per permettere all’Italia di diventare prima della fine del decennio uno dei Paesi leader in Europa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2