Open gov

I cittadini partecipano, l’amministrazione tace

Le consultazioni pubbliche per riformare la Pa si susseguono, ma senza una strategia. Manca ancora un sito web per le consultazioni governative e mancano le linee guida per le amministrazioni. Eppure la partecipazione è una delle basi principali per l’Open Government e per l’Agenda Digitale

14 Feb 2014
131011013916

Si è conclusa il 20 gennaio la consultazione pubblica sulle “100 procedure da semplificare”, nell’ambito del progetto “Burocrazia, diamoci un taglio!”. Non è ancora disponibile un rapporto di valutazione, ma solo i primi dati di partecipazione, attraverso cui apprendiamo che nel periodo di consultazione (quasi 4 mesi, da ottobre a gennaio) hanno contribuito 1953 persone di cui il 72% cittadini (e 28% imprese) e tra i cittadini un quarto dipendenti pubblici, e con una presenza generale degli under 34 al 17%. Di quanto accaduto nel periodo novembre 2010-ottobre 2013, invece, non abbiamo nessun rapporto di valutazione. Sappiamo che avevano contribuito in 2164, di cui 2124 cittadini. E basta.

I risultati forse sono ancora in elaborazione. Ma dal sito web nulla trapela.

Così come non è facile sapere quali siano le consultazioni pubbliche aperte o conoscere i risultati di quelle chiuse. C’è il sito web Linea Amica che riporta la maggior parte delle informazioni, con alcune imprecisioni e alcune mancanze, ispirato a un sito web come questo del governo UK , ma anche la ricerca di questa pagina di Linea Amica non è facilitata all’interno dei siti web governativi. Quasi ignorata.

Ed è triste vedere che l’iniziativa del progetto ConsultazionePubblica.Gov.it sia stata abbandonata nonostante rispondesse esattamente a queste esigenze e si proponesse di dare sistematicità e organicità alle iniziative di consultazione pubblica istituzionali.

Le ragioni? Cecità. Disattenzione. Timore dell’apertura e della discussione pubblica. Del render conto e di confrontarsi. Di gestire il confronto e il coinvolgimento attivo dei cittadini. Incompetenza, forse.

Sembra così continuare la “policy” di considerare le consultazioni pubbliche solo dei momenti episodici, in qualche caso di natura marketing, dai risultati non chiaramente utilizzati e utilizzabili. Con una progettazione di obiettivi e di metodi che appare approssimativa, almeno a giudicare dai risultati.

Così è anche il caso della consultazione pubblicizzata anche attraverso spot televisivi, quella sul “Piano Destinazione Italia”, che è stata aperta dal 9 ottobre al 9 dicembre 2013 e che ha portato ad una media di 7-8 commenti/segnalazioni per ciascuna delle misure contenute nel Piano. Naturalmente anche qui manca un rapporto sulla consultazione (probabilmente anche a causa dello scarso riscontro di partecipazione), ma soprattutto sembra che siano mancate le basi progettuali essenziali per una partecipazione adeguata (qual era l’obiettivo di partecipazione?), come se aprire un sito web ben fatto e accattivante e pubblicizzarlo in Tv fosse sufficiente. Ancora qui, vedendola in positivo, un’altra occasione mancata.

Partire dalle buone pratiche

Basta una rapida lettura alle guide e ai manuali sulle consultazioni pubbliche realizzate in questi anni da associazioni e studiosi, governi e nel contesto di progetti europei per avere la conferma che queste consultazioni sembrano ignorare i fondamentali di una pratica di questo tipo.

Il processo di partecipazione deve essere percorso, infatti, in tutte le sue fasi. Seguendo ad esempio il “Manuale delle migliori pratiche di e-participation”, questo significa passare attraverso le fasi di

  1. Definizione aspettative;
  2. Pianificazione del processo partecipativo;
  3. Esecuzione-azione della e-participation;
  4. Comunicazione dell’iniziativa (Fase parallela alla precedente);
  5. Decisione, Valutazione dell’iniziativa e Feedback.

E l’essenza dell’approccio è nell’attenzione ad una progettazione e ad una preparazione che possano essere indirizzate a monte (ed essere valutate a valle) da una chiara definizione degli obiettivi di partecipazione che si vogliono raggiungere.

Semplificando, l’esperienza ormai consolidata indica così che una consultazione pubblica deve essere basata su una progettazione che identifichi:

  • il livello di partecipazione che ci si propone (scegliendo tra informare, raccogliere pareri, proposte e idee, discutere-confrontare proposte e idee, coinvolgere attivamente nel processo di definizione, cercare una partnership effettiva e quindi attivare un processo di decisione collaborativa);
  • i target-attori da raggiungere (cittadini, settori di lavoratori, settori di imprese, …);
  • l’obiettivo di partecipazione adeguato (in termini di percentuale di popolazione target da coinvolgere);
  • i metodi più efficaci da utilizzare per raggiungere gli obiettivi di partecipazione (prevedendo in modo integrato e organico metodi online, via mass-media e in presenza, broadcasting e no) e di conseguenza i tempi necessari.

Negli esempi considerati, invece, non sembra apparire con evidenza uno sforzo di progettazione, forse perché si parte dal presupposto dell’arretratezza digitale italiana e che quindi qualsiasi apertura di uno spazio online di consultazione pubblica, comunque sia portato avanti, sia positivo in quanto tale. Con la distorsione di porre maggiore attenzione alla tecnologia e alla piattaforma da utilizzare piuttosto che alla progettazione del processo.

E sembra che questo sia il messaggio distorto prevalente nonostante anche in ambito parlamentare e istituzionale ci siano stati studi recenti di altro indirizzo (come quello realizzato sui Media Civici e presentato al Senato).

Rivedere profondamente l’approccio

In questo panorama si differenzia in modo significativo l’approccio seguito per la consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali, non tanto per i risultati, ma quanto per l’analisi critica che viene riportata nel Rapporto conclusivo, analisi che denota la presenza di uno sforzo progettuale significativo frustrato da una fase implementativa non allo stesso livello.

La partecipazione dei cittadini si è attestata sui 131mila (considerando che chi ha compilato il questionario approfondito era invitato a compilare prima quello breve), molto lontano dalla partecipazione alla consultazione sulla spending review (500mila) ma molto più di tutte le altre consultazioni fin qui fatte. Molto basso (irrilevante) rispetto alla popolazione italiana. Era questo il risultato atteso? C’era un risultato atteso?

La consultazione doveva, secondo la progettazione iniziale, prevedere tre livelli, che così possono essere semplificati:

  • la consultazione-sondaggio, basata su questionari (in modalità breve e approfondita) e con poca possibilità reale di fornire elementi diversi da quelli previsti nelle domande (se vogliamo, una sorta di raccolta guidata di pareri, con diverse criticità dal punto di vista della reale partecipazione);
  • la consultazione-discussione, basata sulla piattaforma online CIVICI e indirizzata alla raccolta di commenti e proposte, oltre che ad una discussione in modalità forum;
  • la consultazione sul territorio, che prevedeva l’articolazione attraverso iniziative delle scuole, di organizzazioni sociali, di enti. Un livello fondamentale alla pari degli altri due.

Cos’è successo?

  • la consultazione-sondaggio si è svolta in un periodo di tre mesi (agosto incluso), con una partecipazione squilibrata sugli uomini (66% nel questionario breve), sul Nord (42%) e sulla fascia d’età 48-57 (21%), che probabilmente sono segnali da non sottovalutare;
  • la consultazione-discussione è partita dopo due mesi (in gran parte per “ragioni tecniche”), a settembre e si è chiusa dopo soli 2 mesi, registrando in tutto 595 proposte;
  • la consultazione sul territorio si è concentrata nella “giornata della partecipazione” promossa dal Miur ma poco pubblicizzata e non eccessivamente preparata (alcune scuole hanno ricevuto la comunicazione solo qualche giorno prima), con circa un centinaio di scuole attive e con alcune iniziative della Fondazione Mondo Digitale. Molto meno di quanto previsto (dal rapporto: “Tra ottobre e novembre, era stata programmata una fase di dibattiti fisici, di difficile organizzazione nella fase estiva, incentrata in particolare nelle università come luogo privilegiato di dibattito, e arricchita da fondazioni ed organizzazioni della società civile” e, grazie all’impegno di Poste Italiane, “si era attivato il processo di organizzazione di una giornata specifica nella quale in almeno un ufficio postale centrale di 20 grandi città, sarebbe stato possibile compilare i questionari grazie all’aiuto di giovani volontari muniti di tablet.”). Le ragioni per cui queste azioni non sono state realizzate? Essenzialmente, “l’instabilità politica”.

La necessità della messa a sistema

Possiamo ancora permetterci di buttar via queste occasioni di partecipazione? E possiamo permetterci di avviare consultazioni pubbliche in modo disorganico, destrutturato o, quando invece sono progettate adeguatamente, non consentirne l’implementazione e quindi spingerle verso un risultato lontano dalle attese?

Nelle società del XXI secolo la messa a sistema della partecipazione non è un’opzione o una gentile concessione: è l’unica forma di evoluzione possibile dal punto di vista sociale ed economico, l’unico modo di sviluppare una governance efficace, uno degli assi strategici fondamentali.

Non si può lasciare al caso e all’improvvisazione, o alla volontà di pochi. Deve diventare un impegno prioritario. Prendiamo spunto dalla lucida analisi del gruppo Partecipa! e ripartiamo dall’analisi che aveva portato al progetto ConsultazioniPubbliche.Gov.It, dalle esperienze che iniziano ad esserci. Stimoliamo su questo punto un piano di azione di Open Government più ambizioso dell’attuale.

Avviamo il cantiere delle linee guida per la consultazione pubblica, apriamo un Osservatorio indipendente sulla partecipazione, diamo forma a questa strategia.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4