competenze e imprese

Formazione 4.0, le priorità: proroga del credito di imposta e sostegno alle PMI

Nonostante la maggiorazione delle percentuali, a partire da maggio 2022, il credito di imposta per la Formazione 4.0 di fatto risulta depotenziato a causa di una mancata attività normativa, a cominciare dal fatto che la misura non è stata prorogata dalla scorsa Legge di bilancio ai prossimi anni

21 Set 2022
Barbara Maria Barreca

Dottore commercialista e Valutatore di impatto Sociale

bonus casalinghe - competenze digitali

L’effettiva penalizzazione della formazione erogata dalle piccole e medie imprese e la mancata proroga del credito di imposta Formazione 4.0 ai prossimi anni, mal si inseriscono nei programmi di modernizzazione tecnologica di un Paese, come il nostro, ove le Pmi rappresentano circa il 90% delle imprese attive.

Se si crede che la formazione rappresenti un volano strategico per la trasformazione tecnologica in ambito 4.0 e per il rafforzamento delle nostre Pmi sui mercati internazionali anche in termini di mantenimento e consolidamento della competitività, non si comprende la scelta del legislatore che depotenziando la misura di fatto diminuisce l’incentivo e si pone in direzione contraria anche in relazione agli obiettivi indicati nel PNRR e ci si auspica che il prossimo Governo ritorni sul tema sostenendo la formazione 4.0 con una proroga ragionata dell’agevolazione che da subito definisca compiutamente tutti gli aspetti da considerare per poter accedere all’agevolazione, dando così il tempo alle Pmi di effettuare una programmazione dei programmi formativi.

Transizione 4.0, come valorizzare il piano: formazione, PMI e ricerca, ecco i punti chiave

Formazione 4.0, cosa cambia

Il Decreto Aiuti entrato in vigore il 18 maggio 2022 sembrava aver dato nuovo impulso al credito di imposta Formazione 4.0, misura istituita in origine dalla Legge di Bilancio 2018 e prorogata, con modifiche, di anno in anno sino a tutto il 2022, ultimo periodo per poter usufruire di questa interessante iniziativa destinata a sostenere e incoraggiare le imprese a investire nella formazione per “rendere più efficace il processo di trasformazione tecnologica e digitale delle piccole e medie imprese”.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

Per i progetti formativi erogati a partire dal 18 maggio 2022 sono state infatti maggiorate le percentuali da applicare al costo del personale formato nelle tecnologie abilitanti 4.0 per le Pmi, mentre rimangono invariate quelle per le grandi imprese, in presenza di nuove condizioni da applicare alla formazione erogata.

La prima condizione è relativa ai soggetti erogatori della formazione che devono essere necessariamente soggetti qualificati esterni alle imprese, mentre la seconda riguarda i requisiti di verifica delle competenze acquisite o consolidate al termine dell’attività formativa.

Il Decreto Aiuti ha però anche previsto che per i progetti formativi che non rispettino le condizioni per la maggiorazione, le imprese dovranno applicare nuove percentuali inferiori rispetto alle precedenti del 10% per le piccole e del 5% per le medie imprese.

L’attesa del decreto del Mise

Per l’esatta definizione delle nuove condizioni in presenza delle quali è consentito applicare le nuove percentuali maggiorate del 20% per le piccole e del 10% per le medie imprese, l’articolo 22 del Decreto Aiuti (convertito dalla Legge 91 del 15 luglio 2022) rimanda ad un Decreto applicativo del Ministro dello Sviluppo Economico.

In effetti, il primo luglio scorso, il Ministro Giorgetti ha firmato il Decreto applicativo che, all’articolo 2, riporta le condizioni per l’applicazione della maggiorazione e, al comma 3, introduce due ulteriori vincoli (non presenti nel Decreto Aiuti):

  • di contenuto, ove fa riferimento alle “tecnologie abilitanti che saranno indicate in un successivo Decreto Direttoriale”
  • di durata minima delle attività formative (24 ore).

Al momento, però, il Decreto del Ministro Giorgetti non è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e del successivo Decreto Direttoriale, necessario al completamento delle disposizioni tecniche e attuative ivi previste, non c’è traccia.

Si consideri inoltre che tale misura non è stata prorogata dall’ultima Legge di Bilancio, contrariamente a quanto avvenuto per gli altri incentivi del pacchetto “Industria 4.0”.

I problemi per le PMI

Le conseguenze di tale mancata attività normativa risultano pertanto essere il depotenziamento dell’unica misura in grado di convertire in credito di imposta una parte del costo del personale impegnato in attività di formazione 4.0.

Al momento attuale nessun piano formativo erogato dalle piccole e medie imprese a partire dal 18 maggio 2022 è in grado di poter accedere alle percentuali maggiorate considerato che non sono stati definiti compiutamente i criteri per l’accesso, ma dovrà applicare percentuali inferiori a quelle originariamente previste.

Le aliquote

Ai fini del calcolo del credito di imposta formazione 4.0 spettante per il 2022 ci troviamo pertanto nella seguente situazione in relazione alle percentuali da applicare:

  • per progetti formativi erogati dall’01/01/2022 al 17/05/2022:
    • 50% delle spese ammissibili per micro e piccole imprese (con un massimale di € 300.000);
    • 40% delle spese ammissibili per medie imprese (con un massimale di € 250.000);
  • per progetti formativi erogati dal 18/05/2022 al 31/12/2022:
    • 40% delle spese ammissibili per micro e piccole imprese (con un massimale di € 300.000);
    • 35% delle spese ammissibili per medie imprese (con un massimale di € 250.000);

Diversa è invece la situazione delle grandi imprese che non sono state coinvolte dalle modificazioni introdotte dal Decreto Aiuti e per le quali permane la percentuale originaria pari al 30%.

Ricordiamo, però, che non è stata modificata la percentuale di agevolazione delle spese ammissibili sostenute per la formazione dei lavoratori svantaggiati e molto svantaggiati, così come definiti nel Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 17 ottobre 2017, pari al 60% per imprese di ogni dimensione, fermi restando i massimali previsti. E’ appena il caso di osservare che, tra gli altri, appartengono alla categoria dei cd. Svantaggiati, quei lavoratori che abbiano un’età compresa tra i 15 e i 24 anni o abbiano compiuto 50 anni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4