Lo scenario

Transizione 4.0, come valorizzare il piano: formazione, PMI e ricerca, ecco i punti chiave

Dalla prima presentazione di Industria 4.0, l’Italia ha recuperato sette posizioni nella classifica del DESI: il percorso intrapreso dal Paese è corretto, sebbene ancora lungo, e le misure previste per le imprese fino ad arrivare all’attuale piano Transizione 4.0 si sono arricchite per incontrare le esigenze

13 Set 2022
Marco Calabrò

Dirigente MISE - Ministero dello Sviluppo Economico

industria4.0

Il Piano Industria 4.0 è stato presentato per la prima volta nel 2017 quando, accompagnato da una grande campagna mediatica e da una comunicazione a tappeto, venne promosso per farlo conoscere a tutte le imprese. Inizialmente destinato in via prioritaria al manifatturiero, negli anni ha assunto una dimensione sempre più ampia, estendendo gli strumenti agevolativi anche agli altri settori così da venir ribattezzato Piano Impresa 4.0 e poi, a partire dal 2020, Piano Transizione 4.0.

Pur nella sua evoluzione semantica e con progressivi aggiustamenti, alcuni caposaldi sono rimasti invariati. Innanzitutto il suo approccio di sistema, nella consapevolezza che problemi complessi richiedono soluzioni articolate. Il Piano si compone infatti di azioni complementari che si sono arricchite e trasformate nel corso del tempo, ma che hanno da subito definito un approccio olistico in grado di supportare gli investimenti delle imprese lungo l’intero ciclo di vita: dall’acquisto dei beni strumentali, alla riorganizzazione dei processi produttivi, fino alla riqualificazione delle competenze necessarie a cogliere appieno i vantaggi della quarta rivoluzione industriale.

Transizione 4.0, quale futuro per il piano italiano: ecco le opportunità 2022

Sarebbe infatti riduttivo interpretare il Piano come una sommatoria di agevolazioni fiscali tra loro slegate o ricondurlo, come troppo spesso e semplicisticamente viene fatto, a un mero beneficio per l’acquisto di beni strumentali.

Dal 2017 in poi i vari Piani si compongono prevalentemente di misure fiscali generali, non selettive e come tali non classificabili quali aiuto ai sensi del regolamento europeo sugli aiuti di Stato; si caratterizzano per una piena neutralità in termini di dimensione di impresa, di settore di attività economica, di forma giuridica, di ubicazione e, dal 2020, anche per quanto attiene al regime fiscale di determinazione del reddito d’impresa, grazie alla trasformazione del super e iper ammortamento in credito d’imposta. Infine, in questa cornice nessuna specifica tecnologia avanzata viene privilegiata, ma le imprese possono ricorrere indifferentemente a uno o più ambiti tecnologici tra i tanti previsti.

Transizione 4.0, i dati

La risposta del mondo imprenditoriale in questi anni è stata estremamente favorevole.

Dalle dichiarazioni dei redditi dell’anno d’imposta 2020 è emerso che quasi 14 mila imprese hanno effettuato investimenti in beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati. Da notare è soprattutto la distribuzione degli investimenti sia per dimensione di impresa – gli investimenti 4.0 sono effettuati per il 13,3% dalle micro imprese, per il 33,7% dalle piccole, per il 31,6% dalla media e per il 21,3% dalla grande impresa – che per settore – nel manifatturiero soprattutto fabbricazione di prodotti in metallo; produzione macchinari; alimentari; gomma e plastica; nei servizi commercio e sanità. Anche i dati sulle compensazioni da modello F24 confermano il diffuso apprezzamento delle misure del Piano: nel 2021 sono oltre 51 mila i soggetti che hanno beneficiato del credito per i macchinari 4.0 (il dato è relativo agli investimenti effettuati nel biennio 2020-21), oltre 4 mila quelli che hanno acquistato software avanzati e, rispettivamente, poco più di 12 mila e poco meno di 13 mila le imprese che hanno fatto ricorso al credito ricerca, sviluppo e innovazione e al credito formazione 4.0.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

L’importanza delle competenze

La digitalizzazione è un percorso complesso, per essere interamente compiuto presuppone anche nuovi processi di organizzazione aziendale e un cambio culturale. Richiede costi ingenti per l’acquisto di nuove infrastrutture informatiche e nuovi macchinari, come software gestionali o ERP, sistemi IoT, soluzioni cloud, connessioni ultraveloci e altro, tutti elementi indispensabili ma non sufficienti a realizzare l’auspicata digitalizzazione.

Occorre un avanzamento di chi è a capo dei processi produttivi e gestionali: ci vogliono opportune competenze tecniche e manageriali.

Nell’Unione europea, a causa della mancanza di competenze, attualmente sono ancora vacanti ben 756.000 posti nel settore ICT (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione). In Italia – fonte Rapporto Excelsior – entro il 2025 una quota pari al 60% dei lavoratori dovrà avere competenze green o digitali: il mercato del lavoro avrà bisogno di almeno 2,2 milioni di nuovi lavoratori in grado di gestire soluzioni e sviluppare strategie ecosostenibili e di 2 milioni di lavoratori in grado di saper utilizzare il digitale. Secondo il World Economic Forum (The Future of Jobs Report 2020) nove lavori su dieci nel 2030 richiederanno digital skills avanzate.

La sfida delle competenze è pertanto cruciale ed è ancora aperta: su questo fronte molto resta ancora da fare. Investire sulle competenze digitali non rappresenta più una scelta legata ai settori ad alta intensità tecnologica, ma è indispensabile anche per quelli tradizionali, oramai condizionati pienamente dalla digitalizzazione, come dimostrano per esempio l’agricoltura o la ristorazione.

Come rendere più efficace il Piano Transizione 4.0

Il Piano ha previsto tra le sue misure anche lo strumento del credito formazione 4.0 che, dopo un avvio lento, ha registrato una significativa diffusione nel corso dell’ultimo biennio. Dall’osservatorio del MiSE, tuttavia, appare ancora caratterizzato da significative inefficienze, soprattutto tra le PMI.

Le ragioni vanno ricercate innanzitutto nella mancata consapevolezza dei fabbisogni di formazione e di innovazione da parte delle PMI. Si stima che circa il 70% dell’innovazione delle piccole imprese origini dai fornitori: ne consegue che in genere i lavoratori non sono inseriti in percorsi strutturati di formazione 4.0, bensì sono sottoposti a training mirati all’apprendimento di una specifica tecnologia o dell’uso di nuovo bene strumentale che entra in fabbrica.

Per quanto si tratti di attività indispensabili, l’ambizione del Piano è più elevata: consentire alle imprese di dotarsi delle competenze necessarie a riconvertire e gestire processi produttivi innovativi in chiave 4.0, assicurando quindi un mix di conoscenze tecniche e cosiddette soft skill per poter lavorare in un ambiente altamente digitalizzato, in cui la capacità di problem solving e l’alfabetizzazione legata agli specifici linguaggi e ai formati dedicati non sono più un’eccezione.

Per formare una generazione di lavoratori qualificati in grado di sapersi muovere agilmente all’interno di un contesto di business digitale, a monte occorre un’analisi puntuale da parte delle imprese delle competenze a disposizione e dei fabbisogni necessari. Tanto più è accurata questa diagnosi tanto più efficiente sarà l’azione di riconversione delle competenze.

Ulteriore presupposto per un’efficace azione sulla formazione e per evitare una frattura tra domanda e offerta di conoscenza è la qualificazione dei soggetti formatori, non sempre adeguati a intercettare e soddisfare pienamente i bisogni delle aziende.

L’impatto del DL Aiuti e del PNRR

Preso atto di questi punti di debolezza, con il DL Aiuti il Ministero dello sviluppo economico ha avviato un nuovo percorso certificato per sviluppare le competenze digitali dei lavoratori. In particolare, è prevista una maggiorazione delle aliquote agevolative per le piccole e medie imprese che sottopongono i propri lavoratori a un assessment iniziale delle competenze, sulla falsa riga di quello utilizzato da anni per valutare la maturità digitale. Il modello, sviluppato sulla base anche di esempi europei, permette di individuare le carenze formative ed è quindi la base per indirizzare l’impresa verso il giusto percorso di recupero delle lacune.

A esito dell’assessment infatti sarà possibile profilare il grado di conoscenza dei lavoratori così da poterli indirizzare verso gli opportuni moduli formativi previsti dalla library predisposta dal MiSE. Le attività di assessment e orientamento non saranno affidate solo ai soggetti formatori ma anche a quelli che operano in una logica di prossimità territoriale alle imprese: i Punti Impresa Digitale delle CCIAA e i Digital Innovation Hub delle associazioni datoriali. Sarà inoltre data centralità alla formazione pratica, in un mix di ore in aula e in laboratorio che intende ripercorrere il modello di successo degli ITS.

L’auspicio è che i soggetti formatori possano avviare collaborazioni per mettere a sistema i rispettivi punti di forza, spesso complementari. L’offerta di formazione si arricchirà, infatti, anche dei 50 soggetti della rete del trasferimento tecnologico previsti dalla misura M4C2 I2.3 del PNRR denominata “Rafforzamento ed estensione settoriale/territoriale dei centri per il trasferimento tecnologico per segmenti di industria”: si tratta dei Competence Center e degli European Digital Innovation Hub che per definizione sono dotati di laboratori e vetrine dimostrative per le attività di test before invest e che sono stati selezionati proprio in virtù delle elevate conoscenze negli ambiti 4.0.

Il credito formazione 4.0

In ultimo, il nuovo credito formazione 4.0 prevede una valutazione delle competenze del singolo: l’assessment e le successive fasi del percorso formativo saranno gestite attraverso una piattaforma informatica appositamente predisposta dal MiSE che consentirà, nel rispetto della normativa sulla privacy, di creare una sorta di banca dati delle competenze 4.0 dei lavoratori.

Come cambia il credito R&S&I

Il Piano, pur nella sua ormai raggiunta maturità e stabilità, apprezzata dalle imprese, si arricchisce di ulteriori novità orientate a integrare le misure e rendere sempre più efficaci le strategie di innovazione. La più recente riguarda il credito d’imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e innovazione estetica. L’agevolazione è stata oggetto di una profonda riforma e sistematizzazione nel 2020 ed è una delle sovvenzioni a costante sostegno della competitività delle imprese.

Diversamente da quanto comunemente avviene nell’ambito delle altre discipline che incentivano le attività di ricerca e sviluppo, la misura non contempla procedure istruttorie per l’ammissibilità ex ante degli investimenti. Se da un lato questo meccanismo automatico rappresenta un punto di forza dell’agevolazione, dall’altro ha esposto le imprese ai rischi di una non corretta qualificazione degli investimenti ai sensi della disciplina agevolativa.

Al fine di introdurre strumenti utili ad assicurare maggiore certezza nell’applicazione della disciplina, con l’art. 23 del decreto legge 21 giugno 2022, n.73 è stata introdotta la possibilità per le imprese di richiedere una certificazione attestante la qualificazione delle attività effettuate o da effettuare ai fini dell’ammissibilità al credito d’imposta. Per questa finalità sarà istituito presso il MiSE un albo dei certificatori in possesso dei requisiti di onorabilità, imparzialità e professionalità e dotati di una sufficiente esperienza a garanzia delle imprese.

Conclusione

Nel 2022 l’Italia avanza di due posizioni rispetto alla precedente edizione del DESI (Digital Economy and Society Index): occupa il diciottesimo posto su 27 nell’indice generale, contro il 20esimo dello scorso anno. Rispetto all’anno del lancio del primo Piano Industria 4.0 l’Italia ha recuperato ben 7 posizioni. Il percorso è ancora lungo ma la strada intrapresa è quella corretta.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4