L'iniziativa

Manager 4.0, così arriva nelle aziende: l’esperienza Confindustria-Federmanager

Confindustria e Federmanager hanno lanciato il progetto per individuare manager 4.0 esperti di digitale che possano supportare le sedi regionali dell’associazione e le imprese del territorio nel percorso di innovazione. L’idea trae origine dallo stesso contesto in cui si è resa necessaria la figura dell’Innovation manager

02 Ott 2019
Gianni Potti

Imprenditore della comunicazione e del digitale, Presidente Fondazione Comunica

industry-4.0

Decolla la fase di Industria 4.0 dedicata alle competenze, con cui si concretizzano le azioni per individuare e formare esperti capaci di supportare le aziende nel percorso di innovazione. In questo contesto stanno per entrare in azione gli innovation manager prospettati dalla Legge di Bilancio 2019. Per capire come hanno cominciato ad attecchire presso le aziende del territorio, può essere utile raccontare l’esperienza di Confindustria e Federmanager: stanno promuovendo la figura dell’esperto manager 4.0 dedicato alle filiali regionali delle associazioni, per poi portare queste competenze nelle aziende competitive e innovative.

Lo scenario: perché è utile un manager 4.0

La trasformazione digitale è una sfida complessa, che richiede un grande impegno per le imprese in termini di progettazione e realizzazione degli investimenti e di acquisizione delle competenze. Proprio sul nodo delle competenze, sia quelle nuove da acquisire nell’impresa, sia la riconversione di figure esperte già esistenti in azienda, si gioca buona parte della partita di Industria 4.0. È per questo che Confindustria si è attivata negli ultimi mesi per sviluppare gli strumenti più utili a sensibilizzare e diffondere la conoscenza delle opportunità che il 4.0 può offrire.

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

Grazie alla partnership tra Confindustria e Federmanager viene data la possibilità a tutte le Confindustrie regionali e ai DIH collegati di avere di un manager 4.0, opportunamente formato, a disposizione delle associazioni territoriali e delle imprese associate, per sostenere la crescita dei dirigenti delle associazioni e delle stesse imprese. Obiettivo, contribuire a generare uno sviluppo sostenibile e duraturo. Anche in Veneto stiamo acquisendo una di queste figure, con caratteristiche che ora proverò a descrivere.

Le caratteristiche del Manager 4.0

Intanto va detto che la selezione dei manager avviene sulla base delle specifiche competenze ed esperienze indicate da ogni DIH o Confindustria regionale. Il primo bacino di riferimento per l’individuazione dei manager è quello di Federmanager, che seleziona i profili più idonei e li propone al DIH, ma non dovesse bastare si potrà anche uscire da questo recinto. Infatti se i profili selezionati non rispondessero alle esigenze del DIH, Federmanager insieme a Unimpiego e al DIH stesso provvedono ad individuare altre soluzioni al di fuori del loro bacino e il DIH può eventualmente proporre proprie candidature.

Nel caso il DIH abbia già contatti con Federmanager sia a livello locale che nazionale può segnalare i nominativi di interesse. Ritengo si tratti di una metodologia interessante che crea certamente qualità, ma non preclude nemmeno eventuali orizzonti da cui individuare la figura idonea.

Come funziona la collaborazione

Al momento dell’avvio della collaborazione con il manager verrà definito un contratto di consulenza, della durata, come il progetto di 2 anni, incluse anche le fasi preliminari per il suo avvio (profilazione e selezione dei manager, giornate di aggiornamento).

La somma messa a disposizione di ogni DIH o Confindustria regionale servirà a coprire i costi interi del manager 4.0. Tale somma può essere eventualmente anche integrata con ulteriori risorse da parte del DIH per prolungare (extra progetto) la durata del contratto di consulenza o per altre esigenze organizzative del DIH stesso (es. per prevedere un impegno più assiduo del manager o per coinvolgere profili più qualificati, ecc.).

Le competenze necessarie

Ma quale dovrebbe essere il profilo del manager 4.0 ? Tendenzialmente laureato in Ingegneria, meglio se con conoscenze economico/finanziarie e con conoscenze del digitale. Una minima specializzazione in project management, ovvero una conoscenza approfondita dei processi aziendali manifatturieri e competenze IT (sistemi e uso di social) è fortemente apprezzata; Utile se ha esperienza in aziende manifatturiere (meglio se anche Pmi) con presidio di aree tecniche (produzione, logistica, progettazione, supply
chain…).

Serve anche una certa conoscenza del tessuto produttivo afferente al territorio della provincia/della regione di riferimento. Importante la conoscenza sistemi di gestione delle informazioni:

  • CRM (customer relationship management),
  • ERP (enterprise resource planning),
  • SCM (supply chain management),
  • CAPP(computer aided production planning),
  • MES (manufacturing execution systems),
  • PLM (product lifecycle management),
  • PDM (product data management),
  • CMMS (Computerized Maintenance Management System).

Tra le altre competenze sono necessarie:

  • conoscenza di  soluzioni di Business Intelligence sia delle componenti di reporting di base che di soluzioni di Analytics/Big Data per la gestione di fonti dati eterogenee,
  • modelli funzionali alla base di soluzioni Cloud (es. SaaS, PaaS, Ancora meglio se ha conoscenze specifiche (es. cyber security, strategie europee di trasformazione digitale, piattaforme digitali, modelli di business tradizionali e 4.0. ecc..),
  • competenze trasversali (es: change management, team working, problem solving, comunicazione, etc…..): team working, comunicazione, capacità di relazionarsi con l’Università,
  • competenze informatiche (es: MS-Office, MS-Project, ecc.),
  • esperienze specifiche (es: partecipazione a progetti di ricerca, sviluppo e innovazione; partecipazione a iniziative di collaborazione tra imprese, università e centri di ricerca, etc…),
  • gestione di progetti di ricerca cooperativi (tra imprese e tra imprese e
    università) e conoscenza / gestione di progetti finanziati.

Queste in sintesi le caratteristiche ricercate.

Gli obiettivi del manager 4.0

L’output di progetto atteso consiste nella descrizione delle attività svolte e dei risultati per ognuna delle imprese affiancate. L’output deve riguardare le seguenti attività considerate essenziali per la partecipazione al progetto:

  • compilazione del Test Industria 4.0 per la valutazione della maturità
    digitale (disponibile on line sul sito di Confindustria);
  • elaborazione dei risultati del test con l’indicazione dei punti di forza e
    di debolezza;
  • individuazione delle possibili linee di intervento con riferimento sia
    alle soluzioni tecnologiche, con l’individuazione dei potenziali fornitori, sia alle competenze;
  • presentazione al management dell’impresa dei risultati del test e delle
    indicazioni derivanti dall’analisi degli stessi in termini di possibilità di sviluppo sul fronte tecnologico e delle competenze;
  • informativa di base sugli strumenti fiscali e finanziari di supporto alla
    trasformazione tecnologica.

Tuttavia, il DIH o Confindustria regionale potrà indicare anche altre attività aggiuntive (es. organizzazione di workshop, attività informative, organizzazione visite centri tecnologici, ecc.), che possono solo integrare, ma non sostituire quelle sopra elencate. Nel progetto dovranno essere coinvolte non meno di 15 imprese, nei confronti di ognuna delle quali dovrà essere realizzato il percorso di affiancamento basato sulle attività che rissumo qui di seguito.

La roadmap delle attività

Una volta individuati i manager, la prima fase operativa consiste nel loro aggiornamento. In particolare, sono state previste 2 giornate dedicate ad approfondire la conoscenza di:

  • Test Industria 4.0 per la valutazione della maturità digitale;
  • incentivi del Piano Nazionale Industria 4.0 a supporto degli investimenti;
  • strumenti messi a disposizione dei DIH e delle imprese attraverso gli
    accordi realizzati da Confindustria con alcune banche;
  • tecnologie 4.0 e megatrend di crescita.

La formazione viene svolta da LUISS, Politecnico, Assoconsult, Confindustria, diverse banche. L’obiettivo del percorso di aggiornamento è fornire ai manager tutte le informazioni necessarie per collaborare al meglio con i DIH e per poter diventare operativi in tempi rapidi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4