La diseguaglianza digitale si afferma in Europa

Sulla base dei nuovi dati del Quadro di valutazione dell’Agenda digitale UE 2014 emerge un preoccupante gap digitale tra Paesi europei, con il rischio di generare condizioni di diseguaglianza tra inclusi ed esclusi digitali

03 Giu 2014
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

europa-140602115816

Si è ormai affarmata una grave diseguaglianza digitale, strutturale e reale, in Europa. Tanto che potrebbe apparire incolmabile. Il Continente viaggia a due velocità: all’intraprendenza politica, normativa e finanziaria di Paesi tecnologicamente virtuosi e innovativi si contrappone l’inerzia e il ritardo di Paesi e meno lungimiranti, con il rischio di generare ed alimentare la discriminazione sociale tipica della Società dell’Informazione.

E’ quanto risulta se analizziamo nel dettaglio, Paese per Paese, i nuovi dati forniti dalla Commissione europea nell’ambito del Quadro di valutazione dell’Agenda digitale UE 2014.

Nel complesso, evidenziano il raggiungimento di 95 dei 101 obiettivi entro il 2015, riscontrando un aumento dell’uso regolare di Internet dal 60% del 2010 al 72%, con una graduale diminuzione dei“non utilizzatori” stabile al 20% (come dato medio europeo). Risultano migliorate le condizioni di accessibilità, dal momento che il 100% degli europei ha accesso alla banda larga base, mentre, sempre in base alla media europea generale, la disponibilità di banda larga mobile 4G è aumentata dal 26% al 59% in un anno. L’accesso a Internet a velocità di almeno 30 Mbps su linea fissa raggiunge il 62% della popolazione dell’UE, rispetto al 54% di un anno fa e al 29% nel 2010.

Per quanto riguarda i servizi e-Government, risulta che solo il 42% della popolazione dell’UE è nelle condizioni di utilizzare i servizi digitali erogati dalle pubbliche amministrazioni, con un risultato ancora lontano dal traguardo del 50% entro il 2015.

La progressiva diffusione delle reti a banda larga, quale fattore essenziale per il miglioramento delle condizioni di accessibilità, è confermata anche dal Report che analizza lo stato europeo sulla banda larga secondo cui risulta che oltre il 99,9% delle case europee ha accesso alla banda larga di base, tenendo conto di tutte le tecnologie disponibili (tra cui fisso, fisso-wireless, mobile e satellitare).

Per quanto riguarda la tecnologia Ngn, i migliori risultati si registrano a Malta, Olanda, Belgio e Lussemburgo, con un livello di penetrazione pari al 90%, a differenza di Italia, Croazia e Grecia in ritardo nella distribuzione veloce a banda larga. La penetrazione della banda larga fissa nell’UE risulta leggermente superiore rispetto al dato riscontrabile in Giappone e appena al di sotto degli Stati Uniti a partire dal luglio 2012. Quattro paesi europei (Svizzera, Olanda, Danimarca e Norvegia) rientrano tra i cinque migliori paesi al mondo nella penetrazione della banda larga fissa.

La diseguaglianza emerge se si smette di guardare i dati dall’alto e se scendiamo con la lente di ingrandimento a livello si singoli Paese. C’è un preoccupante gap tra Paesi europei, che risente di differenziate condizioni di sviluppo e innovazione tecnologica esistenti nel contesto nazionale a causa di un rilevante squilibrio tra Paesi in ritardo digitale e Paesi tecnologicamente virtuosi, le cui performance sicuramente incidono in modo determinante sul costante miglioramento della media generale europea volta a stabilire il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale per l’Europea. Tuttavia, se si analizza nello specifico la situazione nazionale di ogni Stato, risulta evidente un progressivo divario digitale incolmabile tra i diversi Paesi monitorati, che alla lunga potrebbe ostacolare lo sviluppo del singolo Stato e paralizzare la crescita generale su scala europea, una volta raggiunto il livello massimo di saturazione.

Facendo riferimento agli obiettivi generali fissati dall’Agenda Digitale per l’Europa, i migliori risultati sono riscontrabili nel contesto centro-settentrionale del vecchio continente grazie alle importanti performance raggiunte da un pugno di Paesi.

Dal Belgio grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 322 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 66% di copertura banda larga veloce, il 12% di copertura reti ultraveloce, il 46% di copertura tecnologia 4G, il 50% di diffusione dei servizi e-Government). Dalla Danimarca, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 112 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 25% copertura banda larga veloce, il 2% copertura reti ultraveloce, l’85% copertura tecnologia 4G, l’85% di diffusione dei servizi e-Government. Dalla Finlandia, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 174 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 22% copertura banda larga veloce, il 16% copertura reti ultraveloce, il 69% copertura tecnologia 4G, il 69% di diffusione dei servizi e-Government), Francia (grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 774 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere l’8% copertura banda larga veloce, il 5% copertura reti ultraveloce, il 68% copertura tecnologia 4G, il 60% di diffusione dei servizi e-Government.

Dalla Germania grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 1640 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 16% copertura banda larga veloce, il 3% copertura reti ultraveloce, l’81% copertura tecnologia 4G, il 49% di diffusione dei servizi e-Government; Paesi Bassi, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 444 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 42% copertura banda larga veloce, il 9% copertura reti ultraveloce, il 90% copertura tecnologia 4G, il 79% di diffusione dei servizi e-Government; Regno Unito, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 1031 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 26% copertura banda larga veloce, l’1% copertura reti ultraveloce, il 63% copertura tecnologia 4G, il 41% di diffusione dei servizi e-Government.

Buona anche la Spagna, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 633 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 15% copertura banda larga veloce, il 6% copertura reti ultraveloce, il 47% copertura tecnologia 4G, il 44% di diffusione dei servizi e-Government. La Svezia, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 273 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 38% copertura banda larga veloce, il 31% copertura reti ultraveloce, il 90% copertura tecnologia 4G, il 78% di diffusione dei servizi e-Government.

Eccellenti anche le performance della Lettonia, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 5 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 51% copertura banda larga veloce, il 38% copertura reti ultraveloce, il 28% copertura tecnologia 4G, il 35% di diffusione dei servizi e-Government; Lituania, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 9 milioni che hanno consentito di raggiungere il 47% copertura banda ultra larga, il 10% copertura reti ultraveloce, il 29% copertura tecnologia 4G, il 34% di diffusione dei servizi e-Government. Romania, grazie a progetti cofinanziati dall’Ue per 23 milioni di euro che hanno consentito di raggiungere il 55% copertura banda ultra larga, il 25% copertura reti ultraveloce, il 25% copertura tecnologia 4G, il 5% di diffusione dei servizi e-Government.

Il trend positivo riscontrabile in questa area geografica, che giustifica il progressivo miglioramento delle percentuali della media europea generale, è in parte rallentato dal gap con i Paesi in ritardo nella crescita e nell’innovazione digitale.

In tale prospettiva, le istituzioni europee dovrebbe concentrare investimenti e risorse per ridurre il divario esistente e riportare i Paesi più arretrati al livello di quelli più sviluppati mediante adeguate politiche pubbliche.

Vedremo in un prossimo articolo il dettaglio dei Paesi.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3