la consultazione

Nuove reti veloci, l’Ue punta sul contributo delle Big Tech, ma la strada è in salita

Nel 2023 partirà una consultazione pubblica sul finanziamento delle reti ad altissima velocità: un punto a favore delle telco nella loro contrapposizione più che decennale con gli OTT. Ma la questione dell”equo contributo va vagliata con attenzione e il percorso è comunque tutt’altro che immediato. I nodi

19 Set 2022
Cristoforo Morandini

Vice President TMT PTSCLAS

fibra ottica

Con l’annuncio del Commissario europeo per il mercato interno, Thierry Breton, in merito alla futura consultazione, prevista nel 2023, sul finanziamento delle reti ad altissima velocità, la lobby degli operatori di telecomunicazioni segna un punto a proprio favore nello scontro con gli Over The Top (OTT), vale a dire i giganti di Internet riassunti nell’acronimo “GAFAN” (Google, Amazon, Facebook, Apple e Netflix).

Chi paga le reti di nuova generazione? Una soluzione al dilemma delle telco

L’evoluzione della posizione della Commissione europea

Senza dimenticare che Thierry Breton vanta un’esperienza rilevante come CEO di importanti “campioni nazionali” dell’industria ICT francese (tra i quali France Telecom) la posizione della Commissione europea e in particolare alcuni Commissari, si dimostra sempre più sensibile all’argomento del finanziamento delle reti.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: cos'è e perché apre una nuova era per i marketer
Big Data
CRM

Non tutti si ricordano però un discorso del 2014 di Neelie Kroes, famoso Commissario per la concorrenza e poi Commissario per l’agenda digitale (“Adapt or die: What I would do if I ran a telecom company”), nel quale suggeriva agli operatori di prendere atto del segno dei tempi e dell’evoluzione dei mercati. D’altra parte, i principali governi europei stanno finanziando attraverso diverse misure di intervento la realizzazione delle reti ad altissima velocità.

Molta acqua è passata sotto ai ponti e oltre a Breton anche l’attuale Commissario per la concorrenza, Margrethe Vestager, ha recentemente affermato che il problema dell’equo contributo alla realizzazione delle reti merita di essere valutato “con molta attenzione”. In realtà, il Commissario intende, più in generale, che l’equa ripartizione del valore creato nell’economia dei dati andrà analizzata dalla Commissione nelle diverse possibili declinazioni.

Anche se Breton aggiunge che il contributo al finanziamento è un “principio acquisito”, il percorso è comunque tutt’altro che immediato. La consultazione pubblica è prevista nella prima parte del 2023 e riguarderà in realtà un ambito molto più ampio, che è quello dell’evoluzione del Digital Market Act e del Digital Services Act nell’era del metaverso. Alla consultazione seguirà un processo legislativo di uno o due anni…

Oltre alla Commissione, anche i singoli governi nazionali prendono sempre più spesso posizione e, secondo Reuters, a inizio agosto e seguendo le iniziative anche di altri Paesi, Italia, Francia e Spagna avrebbero presentato un documento congiunto sulla necessità di un intervento legislativo comunitario in materia. Il nostro Ministero per lo Sviluppo Economico ha però smentito la notizia, dichiarando di non aver aderito all’iniziativa, né di intendere di farlo, rimandando la “delicata questione”, in un senso o l’altro, al prossimo governo. A proposito di nuovi governi, i programmi elettorali non si spingono a questo livello di dettaglio, ma il M5S pone l’attenzione sul ruolo dell’innovazione digitale per il miglioramento della qualità della vita e prevede un suggestivo “sistema di rimborso dei dati dei cittadini ceduti attraverso piattaforme digitali e utilizzati ai fini della profilazione e della successiva vendita”.

Il dibattito si è sviluppato anche negli Stati Uniti, ma in verità è più mirato all’annullamento del digital divide nelle aree più remote attraverso il finanziamento delle infrastrutture a banda ultra larga. L’Infrastructure, Investment and Jobs Act prevede un investimento federale di 65 miliardi di dollari, ma nella prospettiva dell’allargamento delle prestazioni potrebbe essere necessario un contributo da parte di tutti gli attori.

Punti di vista a confronto

La recriminazione degli operatori di telecomunicazioni è ben nota e trova origine almeno dieci anni fa quando diventa chiaro che sarebbero stati gli OTT i veri vincitori dello sviluppo di Internet, a fronte di crescenti investimenti degli operatori nelle reti fisse e mobili.

Negli ultimi anni si sono moltiplicati gli studi, sponsorizzati in particolare dalle associazioni europee ETNO e GSMA, che hanno quantificato il fenomeno e le possibili ripercussioni. Tra gli ultimi, l’analisi di Axon Partners relativo all’Europa ricorda che gli OTT generano il 55% del traffico dati, ma non contribuiscono direttamente gli ingenti investimenti nelle reti, che sono ammontati a 500 miliardi di euro negli ultimi dieci anni. Nello studio viene anche citato l’extra costo legato all’esplosione del traffico (innanzitutto video) e addirittura presentato un ipotetico costo che dovrebbero sostenere gli OTT. I costi incrementali vengono valutati da Frontier economics in 15-28 miliardi di euro all’anno (salendo fino a 36-40 miliardi se si includono anche i costi fissi). L’analisi si spinge poi a stimare l’impatto di un eventuale contributo annuo di 20 miliardi di euro, che merita di per sé un confronto tra esperti e scuole di pensiero…

A queste richieste gli OTT rispondono attraverso la Computer And Communications Industry Association (CCIA) che riunisce i principali OTT statunitensi, che non lesinano certamente energie per sostenere le proprie tesi, visto che le risorse per attività di lobby sono cresciute sensibilmente negli ultimi anni e hanno raggiunto quasi 30 milioni di euro per i primi 5 OTT l’anno scorso, secondo il Registro per la Trasparenza della Commissione europea. La risposta si può riassumere nella metafora della lavatrice: “è come se i fornitori di energia chiedessero di introdurre una tassa sui produttori di lavatrici perché i consumatori finali consumano molto elettricità…”. La CCIA ricorda poi gli ingenti investimenti realizzati per lo sviluppo delle nuove piattaforme, ma anche per ridurre la congestione delle reti.

Anche MVNO Europe (l’associazione degli operatori mobili virtuali) ha recentemente sollevato dei dubbi sull’efficacia di un eventuale contributo alle nuove reti. Anche in questo caso l’obiezione è che gli operatori sono di fatto già remunerati, sia dai clienti finali che attraverso i servizi all’ingrosso. Ulteriori forme di contributo/tassazione farebbero di fatto venire meno il modello stesso di funzionamento di Internet e, in ultima analisi, danneggerebbero la concorrenza.

Un problema mal posto

Come abbiamo ricordato in un precedente articolo ha probabilmente ragione Neelie Kroes e la vera soluzione risiede nella creazione di un level playing field più omogeneo che consenta a tutti gli attori di competere ad armi pari. Del resto, cosa hanno in realtà in comune attori come Amazon, Apple, Netflix, Microsoft, Facebook, Google? Sono entità in realtà estremamente eterogenee, che offrono servizi altrettanto diversi e che sfruttano vantaggi competitivi molto diversi tra di loro.

Con questo obiettivo sullo sfondo, gli argomenti che diventano prioritari sono da un lato l’estensione del Servizio Universale per garantire l’accesso ai servizi più avanzati a tutti i cittadini e le imprese e, dall’altro, una rigorosa applicazione delle regole Antitrust per evitare abusi di posizione dominante e garantire il pieno funzionamento delle dinamiche concorrenziali. Senza dimenticare l’auspicabile intervento, molto complesso, sulla fiscalità applicata nei diversi Paesi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4