La guida

Metaverso: cos’è, come si entra e cosa significa

Uno spazio virtuale in cui le differenze con la realtà diventano quasi impercettibili: è il metaverso, dove è possibile lavorare, incontrarsi, fare affari e acquistare beni. Vediamo che cos’è, quali sono le sue origini e quanti tipi di metaverso esistono

25 Lug 2022
Marco Martorana

avvocato, studio legale Martorana, Presidente Assodata, DPO Certificato UNI 11697:2017

Zakaria Sichi

Studio Legale Martorana

metaverso

Il metaverso è uno spazio virtuale in cui si assottigliano fino ad essere quasi impercettibili le differenze con la realtà. Il metaverso porta con sé una serie di riflessioni e di domande alle quali è necessario dare una risposta: dobbiamo prepararci a viverlo, a fronteggiarne i rischi e le incognite. Al contempo, sarebbe opportuno iniziare già a predisporre regole che non ci facciano trovare impreparati di fronte al sopraggiungere di quesiti giuridici difficilmente risolvibili con le regole che abbiamo.

Regolare il metaverso prima che sia troppo tardi: i piani europei e un possibile modello

Quali sono le origini del metaverso

Le origini teoriche del metaverso si collocano nella letteratura fantascientifica e quindi nella fantasia umana più che in un progetto concreto. In particolare, la teorizzazione del metaverso viene ricondotta al celebre romanzo cyberpunk Snow Crash di Neal Stephenson, pubblicato nel 1992. La storia raccontata nel libro parla di un hacker di nome Hiro, che per vivere lavora come fattorino delle pizze per l’azienda che domina il mercato delle consegne a domicilio in una Los Angeles futuristica, dove le istituzioni sono state sostituite dalle grandi corporazioni internazionali che governano le porzioni di territorio che hanno conquistato. In questo contesto si colloca il Metaverso, uno spazio libero con strade, locali, negozi, creato da alcuni programmatori indipendenti, e al cui interno le persone interagiscono e si spostano tramite i loro avatar.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Questo mondo digitale assorbe le vite delle persone, costringendole a vivere un’esistenza alternativa per sfuggire ad una realtà difficile in minuscoli appartamenti. Il metaverso diventa quindi uno spazio aperto e libero che si contrappone ad una vita reale claustrofobica. In questo spazio, la differenza tra le classi sociali è rappresentata dalla risoluzione del proprio avatar e dalla possibilità di accesso a luoghi esclusivi.
Nel tempo, molti hanno provato a riprodurre quanto immaginato da Stephenson, soprattutto nel mendo videoludico. Si pensi, ad esempio, al videogioco Second Life lanciato nel 2003, dove gli utenti accedono al mondo virtuale attraverso il loro avatar, potendo esplorare, telatrasportarsi da un punto all’altro di una mappa, comunicare con gli altri utenti, e partecipare a mostre, raduni o concerti.

Che cos’è e cosa significa metaverso

Il metaverso può essere definito come uno spazio tridimensionale all’interno del quale le persone fisiche possono muoversi, condividere e interagire.

In altri termini, il metaverso può essere considerato come una sorta di ambiente di vita virtuale che si sovrappone al mondo fisico della vita reale, permettendo agli utenti di interagire in modo più diretto e immediato rispetto ai comuni social network, partecipando anche a varie attività in maniera molto coinvolgente. Un mondo virtuale che, quindi, ricalca quello di tutti i giorni, cancellandone però i limiti spaziali. Un’esperienza di questo tipo è resa possibile da dispositivi e infrastrutture che rendono il metaverso un mix di elementi e infrastrutture ad alto tasso di tecnologia. Si tratta di strumenti quali la realtà aumentata (AR), la realtà virtuale (VR), connessioni superveloci e blockchain, oltre a una incalcolabile quantità di dati e informazioni. Gli utenti sono rappresentati da avatar tridimensionali con un proprio stile che rispecchia quello della controparte umana, capaci addirittura di interagire fra loro utilizzando la propria voce.

La lista potrebbe essere più lunga, ma in ogni caso il metaverso non si esaurisce in nessuna di queste tecnologie, trattandosi infatti di un qualcosa di assai più complesso. Ciò che lo caratterizza maggiormente, infatti, non è solo l’insieme delle tecnologie innovative che lo compongono, ma anche e soprattutto il modo in cui viene vissuto. In altri termini, la grande novità del metaverso risiede nelle modalità di relazionarsi con la tecnologia che esso offre.

Metaverso: come entrare in questo mondo

A differenza di quello che si potrebbe pensare, per poter accedere al metaverso non è sempre necessario un visore VR, ossia il visore per la realtà virtuale. Si tratta casomai di uno strumento che consente di vivere un’esperienza ancora più realistica ed immersiva, e infatti è sempre consigliato possederne uno. Ad ogni modo, questo significa che per accedere al metaverso può essere sufficiente – salvo i casi in cui il VR è necessario – avere un pc funzionante o uno smarphone, una connessione internet sufficientemente potente per sostenere l’accesso al mondo virtuale, un account su una qualsiasi delle piattaforme che offrono l’esperienza del metaverso. In sostanza, quindi, la realtà virtuale è accessibile a chiunque senza che siano richieste particolari formalità o particolari competenze tecniche.

Ad ogni mondo, ogni piattaforma potrà decidere autonomamente le sue regole d’ingresso. Ad esempio, per entrare nel metaverso di Meta, oltre ad avere un account Facebook, sarà necessario utilizzare il visore VR Quest 2 di Oculus; la piattaforma Decentraland, invece, esige il possesso di un wallet e l’intero ecosistema si basa sulla criptovaluta MANA. In sostanza, quindi, per entrare nel metaverso ci sono delle condizioni essenziali sempre presenti, come l’account, il pc o la connessione internet, e dei requisiti che invece dipendono dalle politiche di ciascuna piattaforma.

Meeting ibrido: tutti i trucchi per farlo funzionare al meglio

Come funziona e quali sono le possibilità offerte dal metaverso

Oltre all’iscrizione e al login, l’accesso al metaverso richiede la creazione di un avatar che rappresenti la persona fisica nel mondo virtuale. Una volta fatto ciò, davanti all’utente si apre un ventaglio ampissimo di possibilità, da intendersi in primo luogo nel senso di opportunità. In riferimento a quest’ultimo concetto, si pensa soprattutto alle prospettive di crescita lavorativa e imprenditoriale. Secondo una previsione di Gartner – multinazionale americana che si occupa di consulenza strategica, ricerca e analisi nel campo della tecnologia dell’informazione – nel 2026 il 25% delle persone trascorrerà almeno un’ora al giorno nel metaverso per lavoro, shopping, istruzione, socialità o intrattenimento. Spetterà quindi alle aziende cogliere al volo le occasioni di crescita.

Queste ultime avranno in primo luogo la possibilità di offrire ai propri dipendenti nuove prospettive di collaborazione attraverso spazi di lavoro negli uffici virtuali, favorendo la nascita di gruppi professionali multidisciplinari tra soggetti collocati in luoghi diversi, che interagiranno non più su Zoom o Meets, ma in sale riunioni ad alta tecnologia. Non solo, il metaverso cambierà anche il modo di promuovere e vendere prodotti e servizi e far crescere il proprio brand. Questo potrebbe spingere le imprese a modificare i modelli di business e le strategie commerciali.

Un caso emblematico è quello di Nikeland, il mondo virtuale di Nike, lanciato su Roblox nel 2021, dove i visitatori possono vestire i propri avatar con i prodotti Nike nello showroom digitale. Questa esperienza supera il mondo fisico, il quale richiederebbe di spostarsi verso il negozio, ma supera anche l’e-commerce “tradizionale”, dove pur potendo acquistare a distanza non c’è la possibilità di indossare i capi. Al contempo, il metaverso sta già favorendo la nascita di nuove startup, anche italiane, come Coderblock, progetto nato con l’ambizione di offrire alle aziende veri e propri uffici virtuali per il lavoro da remoto, con la possibilità di creare convegni e fiere nelle quali vendere arte digitale, prodotti, servizi o semplicemente far conoscere il proprio marchio.

Possibili utilizzi ed applicazioni del metaverso

Naturalmente, oltre alle possibilità di crescita professionale, il metaverso offre diverse attività di svago che siamo abituati a svolgere nella vita reale, come conoscere persone e partecipare ad eventi. La differenza è che non c’è la necessità di doversi preparare ed uscire di casa. Di recente ha fatto scalpore il matrimonio di una coppia indiana celebrato nel metaverso con circa 2000 invitati tutti rappresentati da un avatar; tra questi, era “presente” addirittura il padre defunto della sposa.

Ancora, nel mondo virtuale c’è anche la possibilità di organizzare vere e proprie mostre d’arte, dove gli artisti possono esporre le proprie opere digitali e venderle. Di recente, invece, la piattaforma creata dalla società Stageverse, specializzata nelle soluzioni per esperienze immersive, ha lanciato “Muse: Enter The Simulation”, uno show virtuale della band di Matt Bellamy che sarà fruibile sui sistemi operativi iOS e Android e sui visori VR Oculus Quest. Insomma, un ventaglio di attività diverse che accontentano un pubblico di utenti estremamente variegato, passando dal food & beverage, alla moda, il gaming, fino all’arte, al marketing e al design. Nel mondo virtuale, poi, ci è anche la possibilità di acquistare beni, come vestiti da indossare agli eventi organizzati nel metaverso per mostrare agli altri avatar il proprio stile.

Pochi mesi fa, il calciatore Marco Verratti ha deciso di comprare un’isola virtuale tra le 25 messe in vendita su The Sandbox, un marketplace specializzato in Nft di lusso. Il centrocampista del Paris Saint Germain adesso potrà anche arricchire la sua isola digitale con una serie di servizi come un eliporto o dei locali esclusivi. La stessa cosa, naturalmente, può essere fatta ad un livello più comune, ad esempio con appartamenti e case che non siano necessariamente lussuose.

Quante tipologie di metaverso esistono

Quando si parla di metaverso, generalmente si distingue tra metaverso centralizzato e decentralizzato. Nel primo caso, quando le persone creeranno contenuti e giochi, questi resteranno di proprietà dell’entità centralizzata che è dietro il metaverso. Con un metaverso decentralizzato, invece, qualsiasi contenuto e gioco costruito dalle persone sarà di proprietà delle persone stesse. Fatta questa distinzione, occorre poi precisare che, benché si tenda a parlarne utilizzando il singolare, sarebbe più opportuno parlare di “metaversi”. Infatti, le piattaforme esistenti sono molteplici.

Horizon Worlds – Meta

Horizon Worlds, lo spazio virtuale lanciato da Mark Zuckerberg e a cui si può accedere con il proprio account Facebook e indossando i visori Oculus, non è infatti né l’unico né il primo esempio di metaverso. Sicuramente, però, è già uno dei più popolati; a febbraio 2022, Horizon Worlds contava circa 300.000 gli utenti iscritti per usufruire delle varie funzioni presenti sulla piattaforma, come giocare, costruire un mini-mondo separato da quello collettivo e partecipare a eventi virtuali. A questa si aggiunge la versione dedicata al lavoro, Horizon Workrooms. Ad ogni modo, la piattaforma creata da Meta è un chiaro esempio di metaverso centralizzato.

Decentredland

Diverso, ma particolarmente famoso, è invece Decentredland, una piattaforma open source costruita sulla blockchain di Ethereum, esempio di metaverso decentralizzato. Gli utenti possono creare il proprio avatar scegliendo il tipo di fisico, l’abbigliamento e gli accessori. Dopodiché, si aprono alcune possibilità, a partire dalla compravendita di lotti di terreno sui quali edificare e organizzare eventi, utilizzando una valuta chiamata MANA. Quest’ultima può essere usata anche per acquistare NFT, opere d’arte digitali ed altro ancora.

Sandbox

Simile a Decentredland – tanto da essere considerato l’altro pioniere del metaverso – è la piattaforma The Sandbox, un altro caso di metaverso decentralizzato. Si tratta di un mondo virtuale dove, ancora una volta, si accede creando un avatar secondo il proprio stile. Dopodiché, l’utente può comprare lotti di terreno tridimensionali sui quali organizzare eventi e sfruttare opportunità di promozione del proprio brand. Anche in questo caso esiste una valuta propria alla piattaforma, chiamata SAND. La lista potrebbe essere molto più lunga, ma è evidente come il tema del metaverso non sia una novità assoluta, né tantomeno Meta ne è la pioniera. Tuttavia, la notorietà acquisita negli anni dalla società di Zuckerberg ha fatto sì che anche il grande pubblico – inteso come quella parte di società che fino ad oggi non aveva nutrito particolare interesse per l’argomento – venisse a conoscenza di questo mondo.

Criptovalute e metaverso: esiste un collegamento?

Vivere, lavorare e giocare nel metaverso può comportare l’acquisto o la vendita di beni e servizi. Si pensi, ad esempio, al caso in cui venga organizzata una mostra d’arte digitale con possibilità di vendere le opere; è naturale che occorrerà individuare un metodo di pagamento. Ebbene, in questo contesto si inserisce la criptovaluta. Inoltre, come ci sono diversi metaversi da usare, ci sono anche più criptovalute, e questo lo abbiamo visto parlando di Decentredland e The Sandbox.

Andando con ordine, l’elemento determinante nei metaversi emergenti è l’utilizzo della blockchain come tecnologia di base. Questo fa sì che una piattaforma possa funzionare apparentemente come un qualsiasi mondo virtuale dei videogiochi, ma con una vera e propria economia interna, la quale viene gestita con le criptovalute.  Gli oggetti digitali del metaverso sono in formato NFT, ossia token non fungibili, e per acquistarli vengono usate le criptovalute. In un metaverso decentralizzato questo fa sì che gli oggetti acquistati nel mondo virtuale tramite le criptovalute rimangano di proprietà dell’utente acquirente in maniera indelebile, poiché la sua proprietà viene registrata sulla blockchain e rimane accessibile dal wallet dell’utente. Quindi, ecco che si ha una tracciabilità delle transazioni realizzate usando le criptovalute come moneta, nonché una tracciabilità della proprietà degli oggetti.  Quindi non solo esiste una connessione tra metaverso e criptovalute, ma le seconde sono anche una parte fondamentale dell’ecosistema del primo, tanto che, come abbiamo visto, ciascuna piattaforma ha delle proprie criptovalute che servono per acquistare beni e servizi.

Conclusioni

Il metaverso è ormai una realtà, benché non ancora ai livelli sperati dai suoi ideatori. Né è una dimostrazione Horizon Workrooms, dove gli avatar sono raffigurati a mezzo busto perché la tecnologia applicata alla piattaforma non è ancora in grado di offrire controparti digitali pienamente formate. Tuttavia, è necessario fin da subito fare i conti con le novità di questo fenomeno, che nell’arco di una manciata di anni potrebbe diventare ciò che oggi sono i social network, se non qualcosa in più.

Il motivo è ricavabile, ancora una volta, da Snow Crash. Nel romanzo, infatti, gli abitanti della Los Angeles futuristica vivono il metaverso come una via di fuga da una vita reale frustrante e priva di particolari gioie e soddisfazioni. Ecco quindi che, anche al di fuori della fantasia visionaria di Stephenson, potrebbero presentarsi scenari analoghi. Si pensi, ad esempio, al contesto attuale: in una fase storica caratterizzata dall’aumento radicale dei prezzi del carburante, lavorare in un ufficio virtuale senza spostarsi da casa è un’opportunità che farebbe gola a molti. Peraltro, offrirebbe un’esperienza molto più vicina alla realtà di quella vissuta con lo smartworking durante il lockdown. Le piattaforme, quindi, non solo ricalcano la vita reale, ma riescono – e soprattutto riusciranno – a offrire cose che molte persone finiranno per preferire alla quotidianità.

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2