il dibattito

Le opposte visioni Cina-Ue sull’IA: controllo degli algoritmi o tutela degli utenti, quale prevarrà?

La proposta di Regolamento Ue sull’AI si fonda su una regolamentazione finalizzata al consolidamento della fiducia e alla prevenzione dei rischi. L’approccio normativo cinese, invece, mira a costringere le Big Tech del Paese a rivelare informazioni sulle tecnologie che alimentano le loro piattaforme. Quale dei due prevarrà?

14 Ott 2022
Marco Martorana

avvocato, studio legale Martorana, Presidente Assodata, DPO Certificato UNI 11697:2017

Zakaria Sichi

Studio Legale Martorana

renAIssance - intelligenza artificiale

Se la proposta di Regolamento europeo sull’AI sembrava un’opera ambiziosa, ancora di più lo è il progetto cinese. La Repubblica Popolare starebbe infatti cercando di andare oltre la semplice disciplina indiretta dell’Intelligenza Artificiale, mettendo le “mani” in modo diretto e immediato sugli algoritmi stessi.

Tra i due approcci – quello europeo e quello avviato dalla Cina – c’è una differenza enorme  che risiede in una domanda importante sollevata da numerosi esperti del settore: è concretamente possibile una regolamentazione diretta degli algoritmi da parte del governo?
Il quesito non è assurdo, proviamo a capire il perché.

Videosorveglianza di massa: la Cina punta al controllo globale con IA e metaverso

L’iniziativa cinese: imbrigliare gli algoritmi

All’inizio di agosto, la Cyberspace Administration of China (CAC) ha pubblicato le informazioni di 30 algoritmi di base appartenenti a ben 24 tra le aziende più attive del Paese nel campo delle tecnologie, come Alibaba e Xiaomi.
In pratica, non è altro che un’iniziativa del Governo cinese per costringere le Big Tech del Paese a rivelare informazioni sulle tecnologie che alimentano le loro piattaforme, soprattutto laddove si tratti di algoritmi capaci di condizionare scelte e opinioni.
Dai frammenti di documenti resi pubblici, è possibile capire diverse informazioni particolarmente interessanti per il pubblico degli utenti, a partire da quanti e quali tipi di dati utilizza un determinato algoritmo o cosa fa con quei dati.
In realtà, dai documenti non emergere niente di sensazionale o compromettente. Le descrizioni degli algoritmi sono appunto frammenti di poche righe sintetiche che non consentono di andare a fondo, al punto che alcuni dubitano che tali algoritmi siano stati effettivamente analizzati. In realtà, è assai più probabile che la CAC li abbia davvero esaminati, limitandosi però a diffondere pubblicamente informazioni superficiali.
Era infatti facile da prevedere che i documenti integrali non sarebbero stati resi pubblici. Questi contengono descrizioni più estese dei dati e degli algoritmi, alcuni dei quali considerati parte di informazioni commerciali riservate. Sempre i risultati integrali contengono anche un’autovalutazione dei potenziali rischi per la sicurezza, stando alla documentazione pubblica di ciò che l’autorità di regolamentazione ha chiesto alle aziende di fornire.
A ogni modo, tutto questo nasce da nuove regole entrate in vigore a marzo di quest’anno, le quali hanno incaricato le autorità di regolamentazione di “ripulire” gli effetti negativi degli algoritmi, come la diffusione di informazioni dannose, la violazione della privacy degli utenti. Il regolamento richiede anche l’uso di algoritmi per promuovere contenuti che elevano l’opinione pubblica e considerano favorevolmente il Partito Comunista.
Ebbene, ciò che rende unica e incredibile la normativa cinese, come affermato da diversi esperti, è che per la prima volta non siamo più di fronte a un regolamento che impone ad aziende e utenti divieti o regole su come usare gli algoritmi, bensì siamo davanti al primo vero tentativo di controllare direttamente gli algoritmi stessi.
Peraltro, la normativa prevede anche l’assegnazione di un codice identificativo a ogni algoritmo, come in una sorta di censimento. La Cina vuole sapere come vengono indirizzate le scelte o come vengono offerte all’utenza notizie e prodotti. A tal proposito, le nuove norme riconoscono alle autorità addirittura la facoltà di richiedere – che non è così distante da imporre – modifiche agli algoritmi allo scopo di impedire che creino dipendenza o altri danni sulle persone, ed in particolare i giovanissimi. Secondo alcune indiscrezioni, le autorità sarebbero ancora in una fase di raccolta delle informazioni, e al momento non sembra che siano state avanzate particolari richieste alle aziende coinvolte.

WHITEPAPER
Contact Center, AI e Real Time Analytics: stai adottando l’innovazione in modo corretto?
Big Data
CRM

La proposta di Regolamento europeo: fiducia e approccio risk based

Nel vecchio continente, come è ormai noto, il 21 aprile 2021 la Commissione europea ha presentato una proposta di regolamento sull’Intelligenza Artificiale per l’istituzione di un quadro normativo di riferimento sulla materia, valido per tutti gli Stati membri dell’Unione europea. Le norme sono rivolte agli utenti e ai fornitori di tutti i sistemi di IA situati nel territorio dell’Unione, nonché a quei fornitori e utenti che pur trovandosi al di fuori dell’UE, realizzino un sistema il cui output venga utilizzato comunque all’interno della Comunità. Non si applica invece alle autorità pubbliche di un paese terzo né alle organizzazioni internazionali laddove utilizzino i sistemi di IA nel quadro di accordi internazionali.

Ciò che è interessante considerare, è che si tratta di un intervento che segue sotto diversi aspetti la scia del Regolamento sulla protezione dei dati personali, a partire proprio dalla scelta della fonte. Il regolamento è infatti un atto giuridico derivato di portata generale, obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile negli ordinamenti interni degli Stati membri. Ai fini della sua efficacia nell’ordinamento del Paese, quindi, non ha bisogno di essere recepito da leggi o atti aventi forza di legge nazionali.
Da questo si evince come il Regolamento sull’AI si inserisca in un più ampio quadro giuridico in divenire con il quale l’UE mira a governare gli sviluppi futuri della tecnologia in modo uniforme e completo per tutti i cittadini europei, con un modello proprio e un approccio che sono e saranno il biglietto da visita comunitario in di fronte ai competitors e ai partners internazionali.
In questo quadro generale, però, la caratteristica essenziale della proposta della Commissione risiede però sull’approccio risk based o basato sul rischio, altro elemento cardine del GDPR.

Secondo suddetta impostazione, l’AI Act europeo prevede una classificazione dei sistemi di intelligenza artificiale – o del loro utilizzo – in base al livello di rischio che ciascuno di essi presenta.

In prima battuta, sono contemplati dei divieti assoluti, i quali colpiscono una serie limitata di utilizzi dell’IA ritenuti incompatibili con i principi dell’Unione europea e i diritti fondamentali dell’uomo. SI tratta in particolare dei sistemi che condizionano i comportamenti umani, quelli idonei a danneggiare l’integrità psico fisica, i sistemi di punteggio sociale, e quelli che consentono l’identificazione biometrica da remoto, salvo casi eccezionalmente autorizzati dalla legge.
Ci sono poi i sistemi considerati ad alto rischio ma al contempo consentiti, i quali devono rispettare specifici requisiti tecnici e altre condizioni essenziali. Infine, vi sono quelli classificati a basso rischio, per i quali sono richiesti soltanto requisiti minimi di trasparenza, come nel caso dei chatbot.
Infine, l’art. 29 del Regolamento UE sull’Intelligenza artificiale fissa anche gli obblighi a cui gli utenti dei sistemi sono tenuti. Il tutto per creare un quadro giuridico chiaro e completo che disciplini in maniera indiretta l’AI allo scopo di accrescere la fiducia degli utenti, tutelarli, senza però compromettere il conseguimento degli obiettivi economici delle nuove tecnologie.

Conclusioni

Poiché la maggior parte degli algoritmi delle piattaforme odierne si basa sulla tecnologia machine learning, che automatizza le decisioni imparando a prevedere i comportamenti, questo rende difficile decifrarne la logica o anticipare le conseguenze del loro utilizzo. Per questo parlare di ambizione nel caso cinese è più che mai coerente con il regolamento recentemente entrato in vigore, considerabile per certi versi anche aggressivo. Ipotizzare di imbrigliare gli algoritmi, regolamentarli in modo diretto e addirittura prendere scelte politiche per modificarli è di fatto un progetto estremamente ambizioso.
Si tratta, come è evidente, di un approccio totalmente opposto a quello europeo, che si basa invece su una normazione assai più tradizionale, indiretta, finalizzata all’individuazione di regole chiare. In altri termini, l’UE regolamenta l’uomo nell’utilizzo dello strumento, come una sorta di traccia da seguire caratterizzata da principi che oramai distinguono l’Europa dagli altri ordinamenti. La Cina, invece, vorrebbe incidere direttamente sullo strumento stesso che, però, non è un prodotto o un oggetto qualsiasi, ma un qualcosa di molto più complesso.
Quale dei due approcci si rivelerà il migliore, lo vedremo col tempo, ma sono anche questi i dibattiti coi quali si costruisce la futura leadership nel campo dell’AI.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4