Incendio datacenter OVH

“Piano di Recupero del Disastro” (DRP): perché è importante e come realizzarlo

Il Piano di Recupero del Disastro è un documento aziendale preciso che deve articolarsi individuando il personale dell’azienda da coinvolgere, il perimetro aziendale interessato, le risorse utilizzabili e le procedure concrete per attuare il ripristino a seguito di un disastro. I passaggi per realizzarlo in modo adeguato

14 Apr 2021
Giacomo D’Alfonso

analista Hermes Bay

ovh privacy datacenter

La vicenda dell’incendio del Datacenter OVH ha messo in evidenza come la smaterializzazione dei processi delle imprese non le renda esenti dalla possibilità di subire danni e ha dimostrato, inoltre, la necessità di uno studio e di una pianificazione aziendale in grado di gestire e rispondere a questo tipo di eventi.

Infatti, dal punto di vista dei clienti della società francese, il rogo dei datacenter di OVH costituisce indubbiamente uno di quei casi di grave emergenza idonei ad attivare il Disaster Recovery Plan (DRP), o Piano di Recupero del Disastro, ossia quel piano che consente il mantenimento della continuità operativa nel caso di un accadimento in grado di impattare considerevolmente sul proprio business. L’importanza del DRP è stata sottolineata anche dallo stesso fondatore e Presidente di OVH, Octave Klaba che, a poche ore dalla notizia dell’incendio, ha comunicato ai clienti di attivare i propri Piani data la gravità della situazione.

Molti dei clienti di OVH non erano dotati di un Piano e sono stati investiti direttamente dalle conseguenze di un evento disastroso, anche se fisicamente molto distante dalla propria azienda. Per molti di loro l’incendio ha significato la sospensione delle proprie attività per diverso tempo o la perdita totale dei propri dati o, nei casi peggiori, tutte e due le cose al tempo stesso.

Incendio OVH conferma necessità di un cloud pubblico nazionale, ma sia “open”

L’inattività dei processi aziendali e la perdita dei dati possono essere causati non solo dalle calamità naturali o dagli eventi catastrofici imprevisti, ma anche da banali e comuni malfunzionamenti che colpiscono le infrastrutture IT: interruzioni di corrente, guasti di hardware ed errori umani. Quindi dotarsi di un DRP è un modo utile per diminuire i costi delle conseguenze di questi eventi.

Cos’è il Piano di Recupero del Disastro

Il Piano di Recupero del Disastro è un documento aziendale preciso che deve articolarsi individuando il personale dell’azienda da coinvolgere, il perimetro aziendale interessato, le risorse utilizzabili e le procedure concrete per attuare il ripristino a seguito di un disastro. Il Piano deve, inoltre, essere chiaro e semplice, soprattutto nella parte in cui vengono esplicate le modalità di ripristino dei servizi, così da facilitarne l’applicazione e coinvolgere anche il personale tecnicamente meno esperto.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

Si tratta di un documento che ha come scopo principale quello di minimizzare il tempo delle interruzioni del servizio, riducendo l’impatto del danno e limitando le conseguenze economiche, attraverso la definizione di una metodologia strutturata per recuperare velocemente l’operatività dei processi informatici nel caso di un disastro imprevisto. Il DRP è parte integrante del Piano di Continuità Operativa.

Il Piano di Recupero del Disastro può variare a seconda della tipologia di infrastruttura e dell’azienda che lo applica. È possibile modellare alcuni piani sulla base delle esigenze, ma per farlo bisogna avere un buon modello. Ad esempio, IBM mette a disposizione un Piano di Recupero del Disastro in 13 passaggi, che risutìlta molto valido per processi mediamente complessi e per aziende con buone capacità tecnologiche e costituisce un’ottima base per la strutturazione di un proprio Piano nel caso di realtà di dimensioni ridotte.

Come realizzare un Piano adeguato

In ogni caso, per realizzare un Piano adeguato, alcuni passaggi non andrebbero mai ignorati. Uno di questi è l’individuazione del personale da coinvolgere nel caso di attivazione del DPR. Quest’ultima attività va svolta minuziosamente, arrivando a indicare un elenco di persone con nome e cognome all’interno del documento. Una fase altrettanto importante è l’inventario delle componenti della propria infrastruttura, sia nelle parti fisiche (dai telefoni ai processori) sia in quelle informatiche come i software utilizzati dai processi aziendali.

Nel caso in cui una parte dei propri servizi interessati dal DRP sia fornita od ospitata da un soggetto esterno (come nel caso dei clienti di OVH) è utile inserire nel proprio Piano i rispettivi Piani dei fornitori, indicando i tempi di ripristino da loro previsti. Alla luce di quanto successo con OVH, è bene sottolineare che il DPR del provider esterno riguarderà l’operatività della propria infrastruttura, non quella del cliente e dei suoi dati.

Un’ulteriore soluzione potrebbe essere quella di costituire un’infrastruttura privata che possa operare in sostituzione dei servizi esternalizzati per il periodo di attivazione del Piano. Tale soluzione ha il pregio di non dipendere, anche nelle proprie capacità di resilienza, da un soggetto esterno (il che ha consentito a molti clienti di OVH di ripristinare i propri siti in poco tempo) e non necessita che il livello tecnologico dell’infrastruttura emergenziale sia elevato.

Nel documento devono essere descritte anche le attività più operative, tra cui la fissazione di procedure per le operazioni di backup e l’individuazione di procedure di risposta immediata alle emergenze. Quindi, vanno individuate le possibili cause dell’emergenza (es. incendio) e a queste vanno puntualmente associate delle risposte adeguate da compiere. Infine, vanno sempre indicate le procedure per le azioni di ripristino che il personale deve adottare per riprendere velocemente la propria operatività.

Il Piano, inoltre, deve proporre delle procedure di testing per verificarne l’operatività e deve essere accompagnato da un’adeguata fase di awareness e formazione del personale.

Esiste anche la possibilità di affidarsi a un soggetto esterno utilizzando, ad esempio, i DPR messi a disposizione dai propri hosting provider. Aruba mette a disposizione dei propri clienti la possibilità di acquistare Disaster Recovery as a Service (DRaaS)), mentre la stessa OVH consente l’acquisto di Zerto.

Il DRP nella Pubblica amministrazione

Infine, se per un privato l’adozione di un Disaster Recovery Plan costituisce una scelta opinabile atta a migliorare le proprie capacità di resilienza, chi scrive ritiene che questo non valga per la Pubblica Amministrazione. Difatti, l’adozione di un DRP che garantisca la continuità dei propri servizi è la diretta conseguenza di un obbligo sancito dai principi di buon funzionamento, efficienza e imparzialità richiesti dall’art. 97 della Costituzione. Per agevolare la Pubblica Amministrazione nella stesura dei propri piani, Agid ha pubblicato delle Linee Guida aggiornate al 2013.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link