Incendio OVH conferma necessità di un cloud pubblico nazionale, ma sia "open" | Agenda Digitale

il commento

Incendio OVH conferma necessità di un cloud pubblico nazionale, ma sia “open”

Il disastro del datacenter di Strasburgo butta giù servizi di vari Comuni italiani. Serve accelerare su progetto di cloud pubblico e datacenter nazionale. Ma il progetto deve rimanere aperto alla concorrenza e servire anche allo sviluppo del sistema industriale IT nazionale, come già avvenuto per i bandi SPC cloud

10 Mar 2021
Eugenio Prosperetti

avvocato, docente Informatica Giuridica Facoltà Giurisprudenza "LUISS"

data center infocamere

Un cloud pubblico nazionale è necessario per ragioni di sicurezza, resilienza e per non affidare quelle che sono ormai infrastrutture fondamentali all’estero.

Ce l’ha ricordato il disastro di OVH, il datacenter di Strasburgo. Incendio per il quale sono finiti down siti e servizi dei Comuni di Pavia, Cattolica, Trapani e in altri. 

Evidentemente usano fornitori che si appoggiano a OVH; già nel 2017 risultano down a Como e Pordenone attributi, dagli stessi Comuni, a problemi di OVH.

Tutto questo conferma la necessità di un cloud pubblico, con datacenter unici nazionali – come si dice da anni e ha ripetuto ieri il neo ministro Vittorio Colao al convegno Asvis.

Cloud pubblico sì ma open

Cloud pubblico non vuol però dire cloud di Stato, il progetto deve rimanere aperto alla concorrenza e rappresentare un’opportunità di sviluppo del sistema industriale IT nazionale, come già avvenuto per i bandi SPC cloud.

WEBINAR, 27 APRILE
Servizi e vantaggi della trasformazione di rete verso il cloud
Cloud
Networking

Non basta però la sola componente tecnologica, occorre anche in questo caso rendere flessibili e moderne i procedimenti di aggiudicazione e gli strumenti contrattuali che le pubbliche amministrazioni hanno a disposizione per attivare i servizi cloud e le operazioni di standardizzazione dei propri dati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4