formazione

Fare il Data Protection Officer, l’importanza della formazione

Il DPO è una figura centrale all’interno del nuovo impianto della privacy, inaugurato con l’entrata in vigore del GDPR. Per questo, la formazione a questo ruolo è particolarmente importante. Corsi e master non mancano. Vediamo come si articola quello di PrivacyLab Academy

22 Nov 2018
Andrea Chiozzi

CEO di PrivacyLab, esperto e docente di privacy e sicurezza dei dati

privacy

Obiettivo fare (bene) il DPO. Si moltiplicano i corsi, i master universitari e le sessioni formative utili supportare questa nuova figura, il Data Protection Officer, che è una delle novità più interessanti del GDPR 2016/679.

Uno di questi corsi lo organizziamo noi, PrivacyLab Academy, e tra gli altri ha avuto come relatore Francesco Pizzetti, ex Garante Privacy (oltre che curatore di una rubrica su questa testata, Ndr.).

Chi è e cosa fa il DPO

Una corretta formazione a questo ruolo è importante, perché il DPO è una figura centrale all’interno del nuovo impianto della privacy, inaugurato con l’entrata in vigore del GDPR a maggio 2018.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Sicurezza

Il DPO viene designato tramite un atto e poi confermato attraverso una comunicazione ufficiale al Garante, ha conoscenze specialistiche della normativa sulla privacy e compiti di assistenza e controllo molto diversi.  Le qualità professionali e il forte know-how del DPO devono essere del tutto adeguate ai suoi molteplici compiti. Il Responsabile della Protezione dei dati fornisce consulenza al management aziendale, è consapevole della normativa, conosce le prassi nazionali ed europee e gestisce le procedure relative al trattamento, alle misure di sicurezza dei dati personali e alla loro protezione, conosce le metodologie e i processi ICT.

Oltre alle numerose competenze multidisciplinari, il DPO deve essere anche in grado di promuovere una cultura della protezione dei dati attraverso l’applicazione delle norme e delle procedure amministrative (newsletter del Garante della Privacy n. 432 del 15 settembre 2017).

L’articolo 39 del Nuovo Regolamento 2016/679 definisce chiaramente i compiti di questo supervisore indipendente:

  • tutela del Titolare e del Responsabile del Trattamento,
  • garanzia della migliore protezione dei dati possibile attraverso un monitoraggio regolare e sistematico,
  • cooperazione con l’autorità di controllo per tutte le questioni connesse al trattamento in collaborazione con l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali,
  • supervisione di tutte le attività attraverso il controllo, la formazione del personale e la sensibilizzazione rispetto agli obblighi previsti dal Regolamento,
  • controllo che ogni violazione dei dati personali venga documentata, notificata e comunicata (Data Breach Notification Management).

Le attività del DPO

Il Data Protection Officer svolge una attività di consulenza in cui la conformità aziendale e la cultura della protezione dei dati personali rappresentano i suoi obiettivi principali: oltre alla supervisione completa di procedure e attività, il DPO è chiamato anche a comunicare con i vertici e verso l’esterno per facilitare queste operazioni.

Con l’approccio proattivo (definito obbligatorio dal GDPR) il DPO è in grado di aiutare a prevenire e mitigare i rischi per tutelare i diritti e le libertà degli interessati aiutando a valutare in modo preventivo l’impatto delle scelte aziendali. Un facilitatore, un comunicatore, un sorvegliante interno: il DPO è anche un punto di contatto in caso di incidenti di sicurezza (art. 33 co. 2 lett. b del GDPR) e, se gli viene richiesto, deve fornire il suo parere a proposito della valutazione d’impatto sulla protezione dei dati (DPIA Data Protection Impact Assessment) di cui deve sorvegliarne lo svolgimento.

Il Data Protection Officer ha indubbiamente tanti obblighi e responsabilità, ma ricordiamo che la sua figura non risponde personalmente della non conformità aziendale in quanto le responsabilità dirette ricadono esclusivamente sul Titolare e sul Responsabile.

Quali sono i requisiti per diventare DPO

Di fronte a tante esperienze e compiti ci si aspetterebbe una certificazione dedicata a questa figura e invece è importante segnalare al momento non esiste alcuna abilitazione ufficiale, quindi, chi desidera diventare DPO può svolgere corsi di formazione dedicati per conoscere in modo profondo la normativa, i processi e i metodi che coinvolgono la Privacy e la Data Protection.

I requisiti del Responsabile della Protezione dei Dati, quindi, risiedono soprattutto nelle conoscenze specialistiche delle prassi della Data Protection, della normativa, delle procedure e norme amministrative del settore di riferimento. Sicuramente diventa importante aver maturato esperienze specifiche e possedere qualità professionali adeguate al compito complesso che si è chiamati a svolgere.

Nello svolgimento delle sue funzioni il DPO deve essere indipendente, privo di conflitti di interesse e deve poter lavorare con risorse finanziarie e umane idonee all’adempimento dei suoi compiti. Il suo ruolo deve essere compatibile con le mansioni svolte (nel caso in cui sia interno all’azienda), come definito dall’articolo 38, ma deve avere il tempo materiale per espletare i compiti previsti dal GDPR senza che si verifichino conflitti di interessi.

L’unica norma a cui rispondere per diventare DPO è il Regolamento Ue. Come dicevamo all’inizio di questo articolo non esiste una patente per diventare DPO anche se esiste una norma UNI (11697:2017) pubblicata dall’Ente Italiano di Normazione che rende certificabile questa figura ma che di fatto non corrisponde alle indicazioni fornite dall’Authority.

L’importanza della formazione per il DPO

Nel GDPR viene consigliato un percorso di studi specializzati come privacy specialist per diventare Data Protection Officer: esistono corsi online e in aula, master universitari di I° e II° livello, sessioni formative e lezioni organizzate da aziende che si occupano di Privacy.

Per approfondire tutte le tematiche relative a questa figura e offrire una formazione adeguata a ricoprire il ruolo introdotto dal nuovo Regolamento Europeo è appena partito il Corso di Formazione da DPO – Data Protection Officer di PrivacyLab Academy.

Attraverso un percorso operativo e pratico, che è stato organizzato in 5 moduli di cui 2 erogati con eventi dal vivo con, tra gli altri, Francesco Pizzetti, ex Presidente dell’Autorità Garante per la privacy, e 3 in e-learning su una piattaforma dedicata, i partecipanti studieranno le prassi, le metodologie, le competenze tecniche e manageriali e il contesto nel quale si inserisce la normativa europea.

La partecipazione a questo Corso di Formazione da DPO – Data Protection Officer consente di iscriversi in presenza degli altri requisiti all’esame per ottenere la certificazione Unicert, Organismo accreditato ISO 17024 dal DAKKS per le competenze professionali). Nel prossimo evento dal vivo, in programma il 14 dicembre a Bologna, il DPO tedesco Christopher Schmidt analizzerà il ruolo e i compiti del Data Protection Officer secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento Europeo 16/679 sulla protezione dei dati personali e descriverà l’esperienza tedesca del DPO. Inoltre l’Avvocato Barbara Sabellico approfondirà tutti i requisiti e le competenze necessarie per assumere questo ruolo all’interno delle organizzazioni pubbliche e private.

Per informazioni e biglietti

L’articolo è parte di un progetto di comunicazione sviluppato con il partner PrivacyLab

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati