Dall'Agenda risparmi per 19 mld entro il 2013

Politecnico di Milano

Il Politecnico di Milano stima grandi vantaggi: il rapporto deficit/Pil passerebbe dal 3,9% attuale all'1,5%. Crescita del Pil tra lo 0,69% e l'1,30%

Le misure per l'Agenda digitale per l’Italia possono ridurre il deficit dello Stato di 19 miliardi di euro entro il 2013, riducendo il rapporto deficit/Pil dal 3,9% all'1,5%, e stimolare al contempo una crescita del Pil tra lo 0,69% e l'1,30%.

Emerge da una ricerca della School of Management-Politecnico di Milano. «L’innovazione digitale può rappresentare una chiave per la ripresa del Paese e in questo le telecomunicazioni ricoprono un ruolo determinante», afferma Andrea Rangone, direttore degli Osservatori ICT della School of Management del Politecnico di Milano.

Il risparmio di 19 miliardi verrebbe da:

• una riduzione della spesa per gli acquisti della Pubblica Amministrazione con un risparmio di 4 miliardi di euro;

• un aumento della produttività della Pubblica Amministrazione grazie un miglioramento dell'efficienza, con un risparmio di 15 miliardi di euro.

L'incremento del PIL tra lo 0,69 e l'1,3% sarebbe generato da:

• lo stimolo della domanda ICT della Pubblica Amministrazione (+0,03-0,05%) nell'ipotesi di 150 milioni di euro di investimenti in più in innovazione ICT;

• lo stimolo agli investimenti ICT delle imprese per un valore di 150 milioni in più rispetto al valore attuale (+0,03-0,05% del PIL); • nuovi investimenti in Start-Up, nell'ipotesi di 150 milioni di euro in più a sostegno della nuova imprenditorialità (+0,05-0,10% del PIL);

• lo sviluppo delle reti fisse Next Generation Networking, con investimenti da 3- 4 miliardi di euro (+0,40-0,70% del PIL);

• lo sviluppo delle reti mobile LTE, con investimenti da 1,5 - 2 miliardi di euro (+0,18-0,40% del PIL.

Qui altri dettagli.

15 Agosto 2012