territori

Governo Conte e digitale, ecco le priorità per le Regioni

Poche priorità condivise e trasversali; chiarezza nella governance del livello nazionale; differenziazione dei percorsi di digitalizzazione per valorizzare i punti di forza locali e aggredire i punti di debolezza. Una riflessione sul perché per innovare sul serio non c’è bisogno di ripartire da zero, ma di cooperare

11 Set 2019
Dimitri Tartari

Coordinatore tecnico Commissione Agenda Digitale Conferenza delle Regioni e Province Autonome

rete innovazione

L’innovazione nel Paese passa per forza di cose da una convinta e rilevante digitalizzazione della società e anche quindi della Pubblica Amministrazione. Il nuovo Governo ha scelto di puntare su di un nuovo Ministero dedicato a questo ed è quindi indubbio che si tratta di un punto di forza di questo nuovo esecutivo.

Aver riconosciuto la necessità di una figura istituzionale che possa porre sul tavolo della Consiglio dei Ministri i nodi che bloccano la digitalizzazione del Paese è quindi un passo avanti importante e da tempo richiesto dagli addetti del settore.

Il Ministro in alcune primissime dichiarazioni ha indicato come “buone le politiche ed i progetti sviluppati negli ultimi tre anni”, mi trovo concorde e quindi mi limito a segnalare di seguito alcune criticità che hanno rallentato o in alcuni casi bloccato gli interventi in essere.

Strategia: le priorità

Abbiamo diversi Piani (Crescita Digitale, Banda Ultra Larga, Piano Triennale per l’Informatica nella PA, Scuola Digitale, Industria 4.0, Sanità Digitale) sono tutti molto completi, sono declinate tutte o quasi gli obiettivi e le azioni che trasformerebbero il Paese. Mancano però le priorità, poche, condivise e trasversali ai settori e ai Ministeri di competenza. In un mondo a risorse finite (umane ed economiche) come quello in cui viviamo non è pensabile che si faccia tutto parallelamente. Servono pochissimi grandi obiettivi che chiariscano a tutti gli attori dell’innovazione cosa è prioritario e cosa lo è meno. Dove vanno messe le risorse, cosa non può proprio essere lasciato indietro, cosa il Paese si impegna a realizzare in un arco temporale di un anno. Serve una priorità politica, concertata con i territori e con gli stakeholders no profit e profit, a cui far tendere tutti gli sforzi. Il resto? Sarà importante sì ma meno importante;

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Una governance chiara del livello nazionale 

In questi anni c’è stata una costante confusione su ruoli, compiti e punti decisionali. Serve fare chiarezza in primo luogo a livello nazionale, AgID, Team Digitale, Dipartimento Innovazione presso la PCM, Ministero Innovazione, Ministero Pubblica Amministrazione, MISE, MIUR, COBUL, ecc..

Se si vuole fare sul serio serve che a livello nazionale ci sia un solo punto di caduta delle politiche di innovazione e digitalizzazione che sia in grado di rappresentare tutto il Governo. I territori sono organizzati oramai da tempo, le Regioni in seno alla Conferenza delle Regioni, le Città Metropolitane sono nelle condizioni di poter gestire una interlocuzione (sia per il ridotto numero che per il livello di competenze che possono esprimere), i Comuni hanno ANCI. Serve una governance del livello nazionale e poi serve uno spazio (uno e uno solo) di confronto e concertazione con le istituzioni territoriali (potrebbe essere all’interno della Conferenza Unificata oppure qualcosa a parte). La governance, i rapporti di cooperazione tra centro e periferia sono la chiave per cambiare il Paese, non rendersene conto e con lavorare per favorire queste dinamiche ha come sola conseguenza il fallimento e la disomogeneità territoriale;

Costituente: partire dall’esistente per disegnare il futuro

Questo processo di definizione di una priorità condivisa e la costruzione di una nuova forma stabile e chiara di governance potrebbe essere realizzato attraverso un percorso “costituente” (breve ed intenso) in cui le migliori energie, capacità, pratiche e competenze siano valorizzate. In cui siano mappati e compresi gli scenari territoriali presenti e futuri. Un percorso ci co-design che costruendo sull’esistente disegni il Paese di domani e le strade che ogni attore dovrà seguire per contribuire a tale risultato. Questo permetterebbe di non cercare soluzioni “standardizzate” da applicare a tutto il Paese, ma invece differenziare i percorsi di digitalizzazione utilizzando i punti di forza locali e aggredendo i punti di debolezza. In alcune Regioni del sud sappiamo esserci Agenda Digitali regionali particolarmente ricche in termini di fondi strutturali programmati. Alcune regioni a nord hanno sviluppato sistemi territoriali molto articolati, coinvolgendo Comuni, Unioni di Comuni, e altri EELL con modelli anche molto diversi ma che comunque vanno nella direzione di avere un punto di aggregazione e coordinamento. Altri territori hanno puntato sul ruolo trainante della città più grande (a volte metropolitana). Serve costruire una mappa multidimensionale dell’innovazione e a geometrie variabili, sulla base di un obiettivo comune e una governance chiara, stipulare dei patti per l’innovazione che assegnino compiti e obiettivi, con tempi certi e risultati veri.

Le priorità per il 2020

Alcune idee per la definizione di una priorità per il Paese per il 2020:

  • Competenze digitali: serve un balzo a livello di popolo, non solo competenze professionalizzanti ma anche e soprattutto un incremento della comprensione delle potenzialità e dei rischi delle tecnologie. Serve una azione culturale imponente, pervasiva e diffusa. Vanno poi consolidate azioni stabili nelle scuole e nelle università, formazione continua per la popolazione adulta e interventi di inclusione digitale per anziani e fasce deboli;
  • Data Economy: i dati sono al centro di ogni innovazione digitale in corso o programmata, le opportunità di business sono sempre più legate alla capacità di raccogliere, conservare, manipolare e utilizzare dati in modo adeguato, corretto e massivo. Serve che il Paese comprenda questa potenzialità, sia capace di trarne beneficio, applicando concetti e tecnologie complesse come machine learning, artificial intelligene, blockchain, ecc..
  • Servizi online (non solo pubblici) alle imprese ed ai cittadini, serve aumentare qualità, numero e semplicità con cui i servizi sono offerti e fruiti, serve applicare più design dei servizi, diffondere piattaforme comuni, e concentrare l’esperienza degli utenti su pochi meccanismi di interazione. Ora anche l’Europa impone dei termini entro i quali adeguarsi e garantire una sorta di diritto di accesso ai servizi (con il Single Digital Gateway). In Italia abbiamo numerosi progetti, diversi approcci e innumerevoli regole non sempre coerenti le une con le altre.

Le Regioni su questo schema di gioco ci sono, ci sono sempre state e ci saranno sempre, convinte e consapevoli che la partita dell’innovazione si vince solo cooperando, non ripartendo sempre da capo, non fermando chi sta correndo.

Ultimo ma non per importanza va ricordato che ogni ipotesi di sviluppo sostenibile passa necessariamente dall’innovazione digitale, questo dovrebbe spingerci ad accelerare ancora di più, avendo come chiaro e preciso vincolo l’omogeneità territoriale che significa ridurre al massimo le “differenze” ma senza rallentare nessuno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4