i dati

Trasformazione digitale: i Ceo italiani non sono ancora pronti

Non è solo la PA a non essere pronta per la digital tranformation: recenti ricerche fotografano lo stato dell’arte delle imprese italiane e ci dicono che ancora manca nel nostro paese una nuova leadership digitale capace di mettere in campo strategie e risorse finanziarie per rivoluzionare i modelli di business col digitale

08 Ago 2019
leading_digital-transformation

Numerosi articoli sul nuovo Piano Triennale per l’informatica nella PA  ripropongono il “mantra” ricorrente del momento: la PA italiana non è ancora pronta per la digital transformation; il digital divide è caratterizzato da barriere culturali, barriere demografiche, deficit di competenze e di visione dei manager pubblici e delle loro organizzazioni.

Tutto vero, tutto sacrosanto.

E le imprese? Sono davvero pronte a fare la loro parte? La digital transformation non può essere un flusso unidirezionale; deve essere accompagnata e stimolata dal mondo del corporate, che però fino ad oggi ha fornito alla PA solo “software” e “ferro”. Come pensano le imprese di accompagnare la transizione digitale della PA? Ma soprattutto, quali sono le strategie dei CEO? Quanto sono digital i CEO delle aziende private?

Una recente rapporto –  “I CEO italiani di fronte alla Rivoluzione 4.0. Come conoscerla e guidarla” – realizzato da SAP Italia in collaborazione con The European House – Ambrosetti ci aiuta ad orientarci sul tema.

La ricerca ha coinvolto i i top manager delle più importanti aziende italiane, business leader di riferimento del sistema produttivo italiano con l’obiettivo di indagare come la quarta rivoluzione industriale sia affrontata dalle imprese italiane.

Il digital switch per sopravvivere sul mercato

Dal Rapporto emerge la consapevolezza da parte dei CEO che il digital switch sia necessario ed inevitabile per la crescita ma anche per la sopravvivenza sul mercato di domani, ma anche la loro difficoltà nel sostenerlo in modo organico, accogliendo la trasformazione a tutti i livelli e in tutte le aree della propria organizzazione. L’86% dei CEO italiani pensa che la digitalizzazione dei processi e dei servizi sia importante per la crescita della propria azienda. Più precisamente, il 51% pensa che sia molto importante, ed il 35% che sia importante. I business leader tuttavia riconoscono significative barriere alla transizione digitale. Il 67% guarda alla mancanza di competenze digitali come al principale ostacolo; il 66% ritiene inoltre che tempi e costi per realizzare il cambiamento infrastrutturale siano un problema; il 50% vede inoltre un problema ulteriore nella riconversione della forza lavoro.

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

Proseguendo nell’analisi delle fonti autorevoli non si può non citare la 22 annual global CEO surveyFocus Italia da cui si estrae un sottotitolo: upskilling, Intelligenza Artificiale e Data Analytics al centro dell’agenda dei CEO Italiani.

La ricetta per la digital transformation dei Ceo italiani

Ecco gli ingredienti principali della ricetta dei CEO italiani:

  • efficienza operativa ed agilità strategica per affrontare la volatilità crescente dei mercati;
  • data analytics come strumento di analisi incrementale ed evolutiva del proprio business (emerge che i dati che arrivano sulle scrivanie dei CEO sono tanti ma poco gerarchizzati e strutturati perdendo così di significatività);
  • upskilling delle risorse interne e ricerca dei nuovi talenti manageriali capaci di colmare il gap delle competenze digitali;
  • IA come fattore di maggior peso per il successo, ma anche enorme minaccia in quanto per introdurre IA in azienda è necessario un cambio di paradigma, un nuovo mindset strategico che non potrà partire dal basso, ma dovrà necessariamente promanare dai CEO.

Ma i CEO quanto mindset hanno? Hanno già acquisito le competenze necessarie o una nuova vision?

La leadership digitale che manca

Ci risponde un recente studio di Gartner: 2019 CIO Agenda – Italy perspective (95 CIO, 14 grandi industrie con over 1 bilion di revenues). A quanto pare il principale problema dei CIO intervistati è di aumentare la propria credibilità presso i CEO affinché trasformazione ed ottimizzazione diventino priorità assolute nell’agenda dei CEO.

La maturità digitale è a un punto di svolta in Italia; nell’ultimo anno il 35% delle aziende top performers ha introdotto in azienda cambi radicali (e digitali del modello di business). Viene però da chiedersi perché a differenza degli altri, Gartner abbia intervistato i CIO e non i CEO. Ebbene, se poi scopriamo che i CIO hanno come obiettivo principale aumentare la propria influenza sui CEO, allora forse abbiamo identificato il problema: forse manca una nuova leadership digitale capace di vedere il mercato e mettere in campo strategie e risorse finanziarie per rivoluzionare i modelli di business grazie alle leve digitali, alle piattaforme abilitanti, all’IA.

Un piccolo test: come noto, a parte il Piano Triennale Agid è da poco entrato in vigore l’obbligo per la PA di avvalersi esclusivamente di fornitori e produttori di codice “certificati” presso Agid. Apparentemente sembra l’ennesima norma che introduce l’ennesimo Albo Fornitori etc. etc.

Ma non è proprio così: infatti il combinato disposto del Piano Triennale per l’ICT con le solite regole (ormai note, cloud first, codice sorgente proprietario, open data, SAAS, PAAS) disegna una vera rivoluzione copernicana per le aziende che fanno business con la PA, in sintesi definibile come “government as a platform”. Quanti CEO fanno ancora i propri forecast basandosi sulle vendite e manutenzioni di software on premise? Quanti CEO hanno iniziato la traduzione dei milioni di righe di codice in modalità open (API ed interoperabilità verso tutte le piattaforme abilitanti messe a disposizione da AGID e Team ID)? Quanti CEO hanno comunicato ai propri azionisti che occorre allocare risorse sulla modernizzazione dei legacy systems?

Ancora una volta ci soccorre l’interessante analisi di Gartner, che evidenzia le 10 top business priority per i CIO Italiani:

  1. iniziative digitali 34%
  2. crescita 19%
  3. Operations 12%
  4. Costi 11%
  5. Nuovi prodotti e servizi 10%
  6. Cambio del modello di business 10%
  7. Customer Experience 8%
  8. Data An analytics 5%
  9. ERP 5%
  10. Business or financial goals 5%

Peccato che nessuno (dico nessuno!) abbia citato la modernization of legacy systems, senza la quale appare davvero difficile pensare di competere nei prossimi anni. Questo può voler dire due cose: o i CIO non ci hanno pensato oppure non hanno avuto il coraggio di proporlo ai CEO ben consapevoli della ingente quantità di investimenti e di change management necessaria.

Non è fondamentale dare ora una risposta, quanto rifarsi la domanda iniziale di questa breve riflessione: i CEO sono pronti per la sfida digitale?

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati