le sfide

Intelligenza artificiale per un mondo migliore: come realizzare l’utopia

Le tesi sull’Intelligenza artificiale sono polarizzate tra chi teme una sopraffazione della tecnologia sull’uomo e chi vi vede la chiave per un mondo più equo. Una utopia che si può realizzare solo con una “via critica”: studiando con attenzione le problematiche etico-sociali

07 Ago 2018
Juan Carlos De Martin

Centro Nexa su Internet e Società, DAUIN, Politecnico di Torino

Antonio Santangelo

Centro Nexa su Internet e Società, DAUIN, Politecnico di Torino

Antonio Vetrò

Centro Nexa su Internet e Società e Future Urban Legacy Lab – Politecnico di Torino

intelligenza-artificiale_519560572

L’Intelligenza Artificiale deve svolgere al meglio le sue funzioni, o è importante che contribuisca anche a costruire una società più giusta? Vediamo quali sono i principi generali che si possono seguire per progettare tecnologie che siano allo stesso tempo intelligenti, eque e aperte.

Intelligenza artificiale, un dibattito polarizzato

Oggi esistono due principali visioni sull’Intelligenza Artificiale. Da un lato vi sono diversi autori che, animati da una concezione distopica di questa tecnologia, temono che l’uomo ne possa perdere il controllo, venendone sopraffatto. In questo caso, gli scenari sono quelli di un’Intelligenza Artificiale che prenderà decisioni importanti al posto nostro, ci ruberà il lavoro, ci discriminerà, violerà la nostra privacy, ci controllerà di nascosto e, in contesti estremi come quelli di guerra, ci ucciderà. Dal lato opposto, invece, altri pensatori sognano un mondo che, proprio grazie all’Intelligenza Artificiale, diventerà più equo: i governanti saranno supportati da potenti strumenti di calcolo che processeranno e sapranno interpretare nella maniera migliore grandi moli di dati, i lavoratori saranno sollevati dai compiti più gravosi e ripetitivi, i prodotti e i servizi costeranno di meno, le aziende aumenteranno i profitti, gli apparati burocratici si snelliranno e le pratiche si velocizzeranno, i crimini diminuiranno e le malattie verranno studiate meglio, fino a debellarle.

WHITEPAPER
I dati sono davvero il nuovo petrolio? Se si, ecco come sfruttarli al meglio! Una guida per te

Le problematiche etico-sociali dell’intelligenza artificiale

Noi, naturalmente, preferiremmo che si realizzasse la seconda, tra queste due visioni. Tuttavia, affinché essa si inveri, riteniamo utile perseguire una strada specifica, che chiamiamo la via critica verso l’utopia. Si tratta di studiare con grande attenzione le problematiche etico-sociali nascoste dietro ai meccanismi di design e sviluppo delle tecniche di Intelligenza Artificiale, affinché gli strumenti a cui esse danno origine siano progettati in maniera responsabile e inclusiva. Il mondo scientifico, infatti, sta muovendo passi rilevanti per mettere l’etica al centro della programmazione dell’Intelligenza Artificiale: si veda ad esempio all’iniziativa congiunta di Harvard e MIT, a capo di un fondo di finanziamento da 27 milioni di dollari per studiare l’etica e il governo dell’Intelligenza Artificiale, tema sui cui in Italia il Centro Nexa su Internet e Società e il Laboratorio Nazionale CINI su Informatica e Società hanno già organizzato una conferenza nazionale il 18 dicembre 2017.

La sfida che ci attende

La sfida che ci attende, come comunità scientifica e come società, è: che tipo di razionalità vogliamo imporre all’Intelligenza Artificiale?

Come già abbiamo dimostrato in un precedente articolo apparso su Agenda Digitale, le “forme di conoscenza” su cui si appoggiano gli algoritmi che “animano” queste macchine sono il frutto di basi di dati (o, nel più semplice dei casi, di indagini statistiche), che possono anche essere – anche se non è detto che lo siano – accurate, ma che rappresentano certe storture della nostra società. In particolare, esiste un problema di bias del mondo in cui viviamo che spesso non sono identificati e vengono inseriti all’interno degli strumenti informatici di cui ci serviamo, e di cui sempre più ci serviremo, con il risultato che molte ingiustizie non potranno che perpetuarsi e acuirsi.

Intelligenza artificiale e attività decisionali, i problemi

Ma i problemi etici sollevati dal funzionamento dell’Intelligenza Artificiale vanno ben oltre la composizione delle sue “forme di conoscenza”. Il grande interrogativo è legato all’utilizzo di questo genere di strumenti nell’attività decisionale, sia come assistenti degli esseri umani, sia come “soggetti” autonomi. In tutti e due i casi, queste tecnologie producono degli effetti sulla vita delle persone, a proposito dei quali è necessario potere sempre individuare un responsabile in carne e ossa, o quantomeno istituzionale. Il punto, però, è capire di chi si tratti, se del produttore o del possessore dell’Intelligenza Artificiale, oppure ancora del suo utente finale: è giusto incolpare il Ministro di un Governo, oppure intentare una causa a uno Stato, per aver attuato certe politiche, sulla base del supporto di algoritmi che si appoggiano su dati affetti dai bias di cui si è scritto? Se un robot – per esempio un’auto senza conducente, oppure un drone pilotato da un computer – fa del male a qualcuno, chi deve essere incriminato?

Trasparenza e apertura: l’etica dell’AI

Da un punto di vista etico, poi, l’Intelligenza Artificiale pone problemi di trasparenza e di apertura, poiché spesso non è possibile determinare né quali sono i dati su cui essa basa il suo funzionamento, né l’architettura dei suoi algoritmi, che sono coperti dal segreto industriale. Questo può rivelarsi pericoloso in molti ambiti. Per esempio, nel mondo del lavoro, cominciano a sollevarsi perplessità sull’utilizzo di strumenti di Intelligenza Artificiale nella selezione e nella gestione del personale, di cui né gli impiegati, né i corpi intermedi conoscono i meccanismi. Ma si pensi anche agli scenari distopici dell’adozione di macchine “opache” da parte dello Stato, che amministrerebbe il suo potere senza consentire ai cittadini di poterne controllare l’operato. Per questo motivo, è importante la promozione degli open data e dell’open code degli strumenti di Intelligenza Artificiale operanti in decisioni ad alto impatto sulla vita delle persone. Ovviamente, il contraltare del paradigma open è la necessità di tutelare la privacy degli individui, un problema che induce a porre dei paletti oltre i quali la trasparenza non può essere perseguita. Uno dei nodi tipici, nel campo dell’Intelligenza Artificiale e non solo è, per esempio, quello del cosiddetto “effetto mosaico”, legato all’utilizzo secondario di certi dati, molto frequente nelle ricerche in ambito sanitario, che non è facile prevedere sin dall’inizio e che, per questo, rende di complessa attuazione il consenso informato. Un consenso che deve essere chiamato in causa anche per stabilire in quali situazioni ognuno di noi possa rifiutarsi di essere sottoposto a “trattamento” mediante strumenti di Intelligenza Artificiale.

La via critica all’utopia: i principi generali

Per affrontare queste sfide poste dalla progettazione di un’Intelligenza Artificiale animata da una solida “razionalità etica”, può essere utile seguire alcuni principi generali, che citiamo dal libro bianco Intelligenza Artificiale al servizio del cittadino (2018), che due degli autori di questo articolo hanno contribuito a redigere, insieme all’Agenzia per l’Italia Digitale (Agid). Tra questi, innanzitutto, va menzionato quello che si potrebbe definire “umanistico” o “antropocentrico”, secondo cui l’Intelligenza Artificiale deve essere sempre messa al servizio dell’uomo e non viceversa. Ci sono, poi, “principi di equità, come quello procedurale (non arbitrarietà delle procedure), formale (uguale trattamento per individui o gruppi uguali) e sostanziale (rimozione effettiva degli ostacoli di natura economico-sociale)”, il soddisfacimento di alcuni bisogni di base universali, come il rispetto dei diritti di libertà e di rivendicazione di questi ultimi.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati