il punto

Internet delle cose e sicurezza: la soluzione è già nel Gdpr (ma ancora è difficile attuarla)

Semplicità d’uso, basso costo d’acquisto e disponibilità di informazioni in tempo reale sono gli ingredienti alla base del successo del mercato IoT, ma il prezzo da pagare in termini di sicurezza e privacy è molto alto. Vediamo i rischi e le possibili soluzioni

16 Lug 2019
Davide Giribaldi

Governance, risk and Information Security Advisor

internet of things

La questione della sicurezza dei dispositivi IoT e della privacy dei dati (nostri) da essi veicolati è centrale sia per le imprese produttrici (per le quali a volte etica e security sono un optional) che per i consumatori, forse distratti (questi ultimi) dai notevoli benefici derivanti dall’utilizzo degli assistenti vocali o delle auto connesse, per citare due esempi tra i più diffusi sul mercato consumer.

Si dibatte molto su quale dovrebbe essere la soluzione migliore per stabilire standard adeguati di sicurezza e di rispetto della privacy, anche in vista dell’adozione del 5G. Negli Usa, una legge che entrerà in vigore dal 2020 prevede l’adozione di standard minimi per gli apparati presenti negli uffici pubblici. In Europa basterebbe mettere in pratica due concetti chiave del Gdpr: la “security by design” e l’approccio “risk based“.

Ma quali sono gli ingredienti del successo dell’Internet delle cose e i principali rischi per i consumatori?

IoT, le prospettive del mercato e i rischi

Semplicità d’uso, basso costo d’acquisto e disponibilità di informazioni in tempo reale sono gli ingredienti alla base del successo del mercato IoT che nei prossimi 4 anni potrebbe raggiungere oltre 200 miliardi di dollari di fatturato e contare non meno di 50 miliardi di dispositivi connessi.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Di contro, il prezzo da pagare in termini di perdita di sicurezza e privacy è molto alto ed il motivo è essenzialmente dovuto alla facilità con cui videocamere, elettrodomestici e sensori di varia natura possono essere manomessi a volte solo per il semplice gusto di creare disagio nella vita privata di qualche sconosciuto, ma molto spesso da vere organizzazioni criminali a caccia dei nostri dati e delle nostre abitudini.

Sappiamo tutti che qualsiasi dispositivo connesso ad internet è potenzialmente violabile, quello che però probabilmente sottovalutiamo è il fatto che proprio a causa della rapida crescita del mercato, le aziende produttrici di soluzioni IoT sono concentrate prevalentemente sull’aspetto commerciale della trasformazione digitale e pochissimo sui rischi ad esso collegati, mentre gli utenti che pure stanno prendendo consapevolezza delle problematiche, continuano a considerare vantaggioso il beneficio ricevuto dalla moltitudine di dispositivi connessi rispetto ad un eventuale rischio di compromissione dei loro sistemi.

Le questioni da affrontare

Le questioni da affrontare sono di varia natura, prima di tutto la connettività ed il sistema di trasporto dei dati.

E’ indubbio che all’aumentare dei dispositivi connessi, aumenti anche il numero dei punti di attacco per gli hacker e router ed access point sono i primi anelli deboli della catena della security, cosi come la trasmissione prevalentemente wireless dei dati ci espone a vulnerabilità importanti.

Se per gli standard trasmissivi è possibile fare qualcosa semplicemente prevedendo soluzioni di crittografia, non è altrettanto semplice ragionare sull’hardware ed il motivo è prevalentemente culturale.

Anche in questo caso infatti le imprese non prevedono di default l’utilizzo di criteri di protezione adeguati e gli utenti non sempre hanno la sensibilità giusta per comprendere i rischi reali di un’infrastruttura debole.

In realtà per limitare alcuni danni, sarebbero sufficienti accorgimenti come l’uso di password complesse, doppi sistemi di autenticazione, ma anche il semplicissimo aggiornamento del firmware degli apparati.

I sistemi di home automation e la privacy

Il problema però non è solo di sicurezza, ma anche di privacy, perché ad esempio l’adozione di soluzioni di home automation in grado di regolare luci o climatizzare gli ambienti e l’introduzione dei cosiddetti assistenti vocali, ha amplificato la discussione tra gli entusiasti che vedono notevolmente semplificate le loro routines quotidiane e gli scettici che ritengono, non senza ragioni, che la mancanza di adeguate procedure di tutela non faccia altro che avvantaggiare le case produttrici in grado di profilare ogni minimo dettaglio delle nostre più intime abitudini.

Gli assistenti vocali, come sappiamo, sono oggetti intelligenti in grado di riconoscere il linguaggio naturale che sfruttano meccanismi di machine learning per perfezionare il loro apprendimento e migliorare sia la comprensione delle nostre abitudini che la capacità di ascolto.

Le interazioni tra noi e dispositivi come Alexa o Google Assitant vengono registrate e riutilizzate per migliorare i sistemi di apprendimento ma non tutto è automatizzato, cosi è successo che nel mese di aprile un’indagine pubblicata da Bloomberg ha evidenziato come migliaia di dipendenti Amazon abbiano il compito di ascoltare campioni di registrazioni audio per migliorare le competenze di Alexa e quindi il servizio offerto agli utenti, suscitando un bel po’ di polemiche sia per quanto riguarda il rispetto della privacy (pare che tra i compiti assegnati ci fosse anche quello di annotare conversazioni “critiche”) che per evidenti questioni di etica professionale.

Auto connesse e sanità, quali problematiche

Tutti questi elementi assumono un’importanza decisamente più elevata quando dai dispositivi di smart home ci spostiamo verso sistemi di gestione della mobilità o peggio ancora nel sistema sanitario.

Nel primo caso, basti pensare che oltre un terzo del parco auto ad oggi circolante in Italia è composto da veicoli connessi ad internet e proprio di recente, un test effettuato dal CNR di Pisa ha potuto dimostrare la semplicità con cui è stato possibile prendere il controllo remoto di un’automobile sfruttando una vulnerabilità del sistema operativo Android installato sull’autoradio del veicolo. Che dire poi dei sistemi di controllo intelligente del traffico? Anche in questo caso è stato possibile dimostrare come alcune vulnerabilità nei software di gestione dei semafori potessero diventare veicolo di attacco da parte di criminali in grado di congestionare il traffico in alcune aree a discapito di altre e deviare l’attenzione delle forze di polizia su situazioni di reale pericolo, create artificiosamente per commettere con un minor livello di rischio alcuni crimini come rapine o furti.

Per certi versi è addirittura peggiore la situazione nel settore sanitario in cui la tecnologia IoT a supporto degli ospedali sta cercando di migliorare la ricerca medica ed in molti casi abbattere i costi di gestione, è il caso dei dispositivi indossabili in grado di monitorare e trasmettere dati sulle pulsazioni cardiache o dei cerotti smart per pazienti diabetici che controllano il livello di glicemia nel sangue, cosa succederebbe se questi dispositivi potessero essere alterati a distanza provocando ad esempio la morte di pazienti?

Quali standard per garantire sicurezza e privacy

Non credo che la soluzione migliore per evitare questi rischi sia limitare l’uso della tecnologia in settori critici, e quindi relegare per certi versi l’uso dei sistemi di IoT al solo ambito domestico, però è necessario individuare un percorso che possa contenere i pericoli esterni, un percorso fatto di consapevolezza e di soluzioni radicali che consentano di stabilire standard adeguati di sicurezza e di rispetto della privacy.

Il primo dovrebbe essere l’adozione di un sistema universale in grado di definire le caratteristiche minime di sicurezza dei vari dispositivi e le modalità di trasmissione delle informazioni, si tratta di un percorso non semplice perché influenzato da questioni di mercato e dalla difficoltà di integrare tecnologie indipendenti tra loro senza creare ulteriori vulnerabilità. Si tratta però di una condizione preliminare all’adozione di successive soluzioni che potrebbero rendere realmente efficace l’uso dell’Internet of Things.

Tra queste l’esigenza di sistemi di trasporto realmente efficaci e da un certo punto di vista l’entrata in vigore del 5G da un lato rappresenterebbe un’ulteriore spinta alla diffusione dei sistemi connessi e dall’altro, senza adeguate protezioni, potrebbe significare l’esasperazione di scenari critici.

Un ulteriore elemento potrebbe essere rappresentato dall’adozione di norme come il Cybersecurity Improvement Act emanato di recente negli USA e che entrerà in vigore nel 2020.

La norma parte dall’esigenza di definire standard minimi di sicurezza per tutti gli apparati presenti negli uffici pubblici, standard che devono garantire semplicità di aggiornamento e devono sfruttare protocolli comuni per la gestione della sicurezza delle informazioni. A questi si aggiungono le caratteristiche minime delle credenziali di primo accesso configurate di default sui sistemi.

Resta un ultimo elemento da considerare, forse il più importante ed ancora una volta ci viene in soccorso il Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali. Non a caso il GDPR parla esplicitamente di “security by design” introducendo il concetto dell’approccio “risk based”, sarebbe sufficiente adottare nella pratica questi due concetti per ridurre ulteriormente l’area grigia nella quale operano i sistemi di IoT, ma per ora è una questione ancora troppo complessa per essere affrontata nella realtà del mercato e per questo dovremo aspettare ancora un po’ di tempo o qualche data breach clamoroso prima di vederla adottata dai vari produttori.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4