lo scenario

Startup, quanto lavoro ancora da fare in Italia: la priorità nel 2023 è un intervento politico

Crescono gli investimenti in venture capital verso startup italiane, tuttavia nel nostro Paese persistono contesti e fenomeni che frenano l’evoluzione dell’ecosistema: un panorama dato principalmente da un problema culturale, per cui è necessario un intervento decisivo da parte del Governo

Pubblicato il 05 Gen 2023

Gianmarco Carnovale

Serial tech-entrepreneur

startup

La crescita degli investimenti in venture capital verso startup italiane non si arresta, con i numeri ufficiali che mostrano un 2022 chiudersi infrangendo la soglia psicologica dei 2 miliardi di euro. Ci si domanda se sia davvero l’uscita dal tunnel per il Bel Paese.

A ben guardare, si può dire che quello che sta succedendo nelle cifre è principalmente l’effetto combinato dei pochissimi maxiround conclusi su scaleup, in un numero che si conta su due mani. Operazioni benvenute e da accogliere con un “finalmente” liberatorio, ma che si basano sull’intercettazione di quelle pochissime imprese che sono sopravvissute all’attraversamento palude del primo decennio dell’ecosistema italiano, ecosistema la cui tossicità è stato coperta da una retorica, da una mancanza di cultura e da uno startup theatre che non accennano ad estinguersi.

Si chiude un anno da record per le startup: ecco perché il 2023 sarà decisivo

Startup in Italia, lo scenario

Potremmo dire che questi maxiround si siano conclusi su dei sopravvissuti, su società che ce l’hanno fatta nonostante il paese e certo hanno il gran merito di ciò, ma che in qualsiasi altra geografia occidentale sarebbero giunte a queste tappe ben prima ed oggi sarebbero decisamente più grandi e solide. E soprattutto molto più numerose, come dimostrano i numeri di economie come Francia e Germania – a noi del tutto simili per quadro normativo basato su civil law e per sistema socio economico – che continuano a tenere un livello dieci volte superiore a quello dell’Italia perché hanno imparato a sostenere le nuove imprese tecnologiche in ogni stadio del loro cammino, rimettendo in discussione continuamente tutto ciò che potrebbe funzionare meglio.

Perché non c’è evoluzione

Viceversa, in Italia non si vede segno di una evoluzione ampia, concreta e netta dell’ecosistema, in chiave di sostegno sistemico alle nuove iniziative tech: né sul fronte del capitale privato, né sul fronte della qualità del lavoro degli operatori intermedi, né sul fronte dell’attività legislativa o dell’azione delle pubbliche amministrazioni, né tantomeno nel dibattito pubblico tra stakeholder ed organizzazioni che continuano ad autoincensarsi mentre chiedono semplicemente più soldi allo Stato.

Il capitale privato del Paese si sposta a fatica e male, distanziandosi dalle pratiche internazionali sia nei comportamenti che nella comunicazione: i casual investor che operano nel crowdfunding non hanno ancora compreso la differenza tra imprese scalabili e imprese lineari, né le piattaforme di raccolta fanno niente per spiegarglielo dato che la normativa non lo impone, e quindi buttano denaro in imprese con business chiaramente lineare che si propongono in raccolta con valutazioni da impresa scalabile e proiezioni che non rispetteranno mai. Gli angel professionali, viceversa, che a parole hanno compreso le dinamiche delle leggi di potenza ed i criteri per distinguere una impresa ad alto potenziale, fanno il contrario: selezionano imprese scalabili ma tentano di forzare la trattativa imponendo valutazioni da impresa lineare, per prendersene la fetta più grande possibile, e il più delle volte cercando di spostarsi verso l’ingresso nelle fasi post-ricavi.

Lavoro simile fanno i fondi di Venture Capital storici, che a parole dicono di fare round di serie A ma nei fatti sottoscrivono tagli di investimento tipici del seed internazionale, e richiedendo una maturità da startup che altrove starebbe raccogliendo un serie B. In alcune delle occasioni in cui si arriva a parlare di round di serie B, poi, si giunge all’apoteosi: pur di sparare comunicati stampa gloriosi, ripresi da giornali che non hanno la minima cognizione per valutare quello che rilanciano, si definiscono ‘serie B’ dei finanziamenti che sono per due terzi a debito, ed in cui i founder sono ridotti a percentuali di capitale vicine alla singola cifra. In pratica tutta la filiera del capitale di rischio nostrana, con rarissime eccezioni, continua a comportarsi come se si occupasse di Private Equity di piccolissimo e piccolo taglio, con una dinamica definibile in “mi prendo la fetta più grande possibile di una impresa avviata che crescerà poco”, anziché operare da Venture Capital, ovvero “metto carburante in una iniziativa ad altissimo rischio ed altissimo potenziale per avere un pezzetto dell’aumento del valore nel caso che la possibile crescita si concretizzi”. La cultura dell’affare, la mentalità del “quante quote prendo”, del voler controllare e limitare i founder con termini contrattuali di vincolo sulla governance, ossia del credere che tutto questo possa limitare il rischio in un mestiere che si basa invece sull’accettazione del rischio pur di massimizzare l’upside, continua a dettare la linea.

Il nodo degli intermediari

Lo stesso grado di problematicità, però, lo si riscontra sugli operatori intermedi tra capitale e impresa: quella selva di presunti incubatori, acceleratori, advisor, che continuano a dilagare nel Paese promuovendo una comunicazione in cui vendono il sogno: “diventa imprenditore”, “realizza il tuo progetto”, “incontra gli investitori”, “ti portiamo da idea a impresa in sette settimane” e dichiarazioni simili, a fronte delle quali poi il founder sprovveduto si ritrova sempre a sottoscrivere vincolanti contratti di consulenza in cui le spese sono una certezza ed il sogno resta tale, rimangono una componente fondamentale della palude. Ma in questo caso la colpa del dilagare di questi piccoli frodatori seriali di spicci e di speculatori sui sogni è da attribuirsi all’assenza del sistema scolastico e di quello universitario dal fornire quelle soft skill utili ad evitare trappole: la scuola esce raramente dal seminato se non c’è un’altra istituzione che si attiva – come avviene per esempio da anni, nella Regione Lazio, con il programma ‘Startupper sui banchi di scuola’ che coinvolge centinaia di liceali – e l’Università di Stato non ha ormai chiaramente alcun interesse ad occuparsi di altro che di auto perpetrarsi, concentrando energie su dottorandi e ricercatori da incanalare nella carriera universitaria, e su generare spin-off da ricerca che non servono altro che a raccogliere finanziamenti pubblici da incanalare verso ateneo e titolari di cattedra.

Il ruolo della PA

Infine, la macchina della pubblica amministrazione: è composta da persone che non vivono che di regolamenti, compliance, cavilli e burocratismi e spesso vivono male l’innovazione perché cambia lo status quo. Questa macchina con il tempo è riuscita a creare prassi perverse anche da applicarsi all’eccezione legislativa del registro delle startup innovative, che era stato introdotto per avere un insieme di deroghe con cui sottrarre i nuovi imprenditori alla follia burocratica di un sistema che iper regolamenta qualsiasi iniziativa e settore. Malata, poi, è la logica dei campanili perfino tra le diverse amministrazioni di Stato, per cui in modo del tutto scollegato da una visione di insieme e da una strategia si moltiplicano acceleratori, incubatori, hub di matrice pubblica, che senza alcun know-how né alcun kpi che ne determini l’obiettivo di impatto si mettono a fare concorrenza ad acceleratori ed incubatori privati, in una follia di dirigismo pubblico dell’economia dell’innovazione.

Il caso di CDP Venture Capital

Ovvio che non sia tutto da buttare: esiste il poderoso lavoro che sta facendo CDP Venture Capital sia nell’investire nelle forme corrette che nel rafforzare la parte sana dell’ecosistema e nell’attrarre player stranieri seguendo logiche di mercato; esistono le eccezioni tra gli investitori, tra gli operatori intermedi, e perfino tra pubbliche amministrazioni che hanno pienamente fatta propria la mentalità e le metodologie che servono per supportare la nuova impresa e – di fatto – continuare a dare un futuro alle prospettive della creazione di valore e nella competitività del Paese nei nuovi settori industriali. Ma sono tutti soggetti che operano a ranghi ridotti, affaticati, circondati da chi lavora loro contro, per cultura avversa quando proprio per interesse contrario.

Le possibili soluzioni

Capitale, operatori intermedi, macchina amministrativa: la maggioranza degli attori in questi tre ambiti continuano a resistere a qualsiasi pressione verso un ribaltamento di logica che faccia abbandonare l’estrazione di valore dalle nuove imprese in favore di un apporto di valore verso le stesse, e soprattutto in favore di una logica di gioco di squadra in cui ciascuno operi bene nel proprio ruolo in favore del risultato finale. Tutte queste categorie di attori dovrebbero agire all’unisono come un grande aeroporto in cui si creino le migliori condizioni possibili per favorire il decollo in sicurezza di aeroplani che spicchino il volo verso mete lontane, mentre sembrano agire come gli elementi di una palude che cerca di ostacolare, inglobare, affondare, parassitare qualsiasi forma di vita che vi passi attraverso.

La priorità: un intervento politico

Il problema del Paese, manifestato da questi soggetti, è chiaramente culturale, ed è più che mai per eradicare il problema culturale che è necessario ed urgente che il Legislatore intervenga: c’è un nuovo Governo in carica, composto da soggetti come Giorgia Meloni, Adolfo Urso, Giovanbattista Fazzolari, Guido Crosetto, che si dichiarano vicini agli imprenditori, dicono essere più che mai a favore dell’iniziativa privata e che si trovano a fare i conti con ristrettezze di bilancio e contrazione dell’economia: bene, niente come una riforma complessiva della cornice legislativa all’interno di cui si muovono le startup, fatta dalle definizioni dei soggetti e dei rispettivi ruoli e limiti, dagli investimenti privati in capitale di rischio, dall’educazione alla cultura d’impresa, dalla deregolamentazione ed il sandboxing per chi innova, potrebbero eliminare la zavorra e le scorie che uccidono quotidianamente le nuove imprese tecnologiche italiane, che le convincono ad emigrare all’estero per poter perseguire quel diritto ad esistere ed aggiungere valore sociale ed economico che ogni altra nazione evoluta del mondo riconosce loro.

Sembra un ossimoro che possa essere la politica a risolvere un problema sistemico come quello italiano, ma nei fatti è solo l’iniziativa politica che può determinare una riorganizzazione complessiva dell’ecosistema italiano con nuove norme primarie che vietino comportamenti estrattivi, ostacoli burocratici, millantato credito, ed incasellino forzatamente nel proprio ruolo le varie caselle del mosaico che dovrebbe comporre un terreno di nascita e crescita per nuovi imprenditori.

Non servono altri soldi, non serve allocazione di risorse, non serve un braccio di ferro con la Ragioneria dello Stato per iniziative legislative che concretizzino il potenziale della ricerca, del talento, della professionalità, dei nuovi imprenditori italiani: basta solo un testo unico della nuova impresa, che metta ordine e corregga norme ed incentivi esistenti, e che vada ad ovviare al gap culturale definendo attori e regole della partita della nuova economia in modo ben circoscritto.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3