IL PUNTO

Formazione industria 4.0, il ruolo dei sindacati: luci e ombre

Si profila il nuovo ruolo delle parti sociali nella costruzione delle competenze. Accordi sindacali e la partenza dei competence center tra le sfide d’autunno del piano Industria 4.0. Necessario accelerare sugli accordi fra imprese e sindacati per utilizzare il credito d’imposta per la formazione 4.0

30 Ago 2018
competenze

Sono due gli appuntamenti fondamentali del prossimo autunno con il Piano Industria 4.0: la partenza operativa dei competence center, dopo la lunga procedura di bando, graduatoria, assegnazione risorse, e gli accordi fra imprese e sindacati per utilizzare gli incentivi alla formazione previsti dalla legge di Bilancio, e, per ora, diciamolo, rallentati dalla mancanza delle intese sindacali previste per legge. Il tutto, nella cornice della prossima Legge di Bilancio, che non è chiaro se e in che modo si occuperà del Piano Industria 4.0, ad esempio prorogando gli incentivi.

Su tutto si profila così il nuovo fondamentale ruolo dei sindacati, nel bene e nel male.

Partiamo con il capitolo più caldo, quello della formazione 4.0.

Marco Bentivogli, segretario generale Fim Cisl, in generale sottolinea come il tutto stia «partendo molto lentamente, mentre sarebbe fondamentale evitare una formazione legata a vecchi clichè, come i cataloghi. Bisogna intrecciare la strategia di impresa con l’interesse e le competenze dei lavoratori, e in questo senso la necessità di un accordo sindacale è una garanzia».

Credito d’imposta formazione 4.0 e accordi

Facciamo un passo indietro: la normativa sugli incentivi alla formazione, introdotta dalla Legge di Stabilità 2018, che consiste in un credito d’imposta al 40% sulle spese di formazione 4.0 per il personale dipendente con un tetto di 300mila euro per ciascun beneficiario, valido per il 2018. La norma prevede con precisioni quali investimenti sono ammissibili, limitando il campo di applicazione alla formazione digitale in chiave Industria 4.0. Ma soprattutto, e qui sta il punto relativo agli accordi, prevede che per utilizzare l’incentivo fiscale ci debbano essere accordi fra imprese e sindacati sulla formazione. Nel dettaglio, (comma 47 della manovra) le attività di formazione sono pattuite attraverso «contratti collettivi aziendali o territoriali».

WHITEPAPER
Aumenta la competitività della tua azienda con IoT e RTLS
IoT
Industria 4.0

Ci sono settori, come quello dei metalmeccanici, nei quali questi contratti sono stati siglati. Ci sono anche contratti territoriali, per esempio in Lombardia (Assolombarda – Cgil, Cisl e Uil). C’è un accordo Confindustria – sindacati che stabilisce le linee guida fondamentali di questi contratti, stabilendo che possono essere firmati a livello aziendali dalle Rsu, dove ci sono, oppure a livello territoriale dalle associazioni imprenditoriali e sindacali. Si tratta, in tutti i casi, di accordi molto recenti, siglati fra giugno e luglio, dopo che in giugno è stato pubblicato il decreto attuativo ministeriale. In pratica, quindi, l’iter attuativo di fatto ha necessitato di sei mesi per mettersi in moto, rallentando parecchio quindi la possibilità di utilizzo dell’incentivo. Sarà prorogato? Oppure resta limitato al 2017? Domande che troveranno risposta nel prossimo autunno. Così come si capirà se e come l’esecutivo proseguirà la strada degli incentivi all’acquisto di macchinari.

Un esempio di accordo sulla formazione 4.0: i metalmeccanici

Nel frattempo, vediamo cosa prevedono questi contratti, dove ci sono. L’accordo per i metalmeccanici, siglato da Federmeccanica, Assistal, Fim, Fiom e Uil lo scorso 12 luglio, impegna le parti a una formazione che «risponda all’esigenza di aziende e collaboratori, rappresentando così un investimento e un valore condiviso per i soggetti coinvolti», e all’analisi del fabbisogno formativo, «per identificare le competenze da sviluppare per aumentare la competitività aziendale e la professionalità delle persone». L’analisi del fabbisogno si inserisce in un processo ciclico, che comprende pianificazione della formazione e monitoraggio dell’azione intrapresa. L’intesa individua anche le aree tematiche ritenute prioritarie per la formazione dei metalmeccanici e fornisce anche esempi concreti di percorsi formativi. Si tratta, in entrambi i casi, di strumenti indicativi e non prescrittivi. Rilevante la parte relative alle competenze trasversali, suddivise in soft skill e competenze informatiche. Le soft skill individuate sono:

  • public speaking,
  • leadership,
  • gestione del tempo,
  • team working e team building,
  • negoziazione e gestione dei conflitti,
  • problem solving e decision making,
  • lean thinking,
  • formare i formatori,
  • comunicazine digitale (social, wen analytics, presentazioni),
  • consapevolezza del ruolo e sviluppo delle competenze,
  • gestione del denaro,
  • interculturialità,
  • conoscenza del CCNL,
  • conoscenza della busta paga.

Le competenze trasversali di natura informatica:

  • programmi di videoscrittura,
  • foglio elettronico,
  • presentazioni,
  • programmi di posta elettronica,
  • database,
  • project management per l’ICT,
  • alfabetizzazione digitale finalizzata anche alla corretta fruizione degli istituti contrattuali, fondi pensione e welfare.

Vengono poi definite competenze digitali, tecniche, gestionali, per le diverse aree aziendali.

In generale, sottolinea Bentivogli, il messaggio da far passare è «l’investimento massiccio che va fatto con la formazione», utilizzando uno strumento importante come il credito d’imposta per puntare su una formazione di qualità. In realtà, la difficoltà sta proprio qui, nel mettere a punto percorsi di costruzione delle competenze che vadano al di là dei classici cataloghi dei centri di formazione.

Il ruolo del sindacato

Il sindacato in tutto questo ha un ruolo importante. «Deve passare dalla job protection allo sviluppo di professionalità, lo skill development». La FIM, nell’ambito del progetto Rewind, ha dato vita negli ultimi due anni a più di mille eventi per la formazione digitale, per formare delegati a valutare progetti formativi. La sfida è fondamentale, «dopo la salute il diritto alla formazione è il più importante», e va trattato come tale. Mettendolo nei contratti, e facendolo applicare. «E’ un diritto del lavoratore, come l’orario. E il sindacato deve essere in grado di valutare se i percorsi hanno la qualità adeguata». Il discorso del sindacalista qui si amplia anche a un tema molto dibattuto nelle ultime settimane, quello delle nuove regole sui contratti a termine, al centro del Decreto Dignità trasformato in legge dal Parlamento a inizio agosto. «Nessuno che dice che anche i contratti a termine, se fossero riempiti di formazione, sarebbero più forti», ovvero più efficaci nel garantire poi una continuità in sede di rinnovo.

I competence center

La Fim lavora anche con i competence center, ad esempio con il Politecnico di Milano, proprio nella messa a punto di percorsi finalizzati alle competenze 4.0. «Lavoriamo su questi temi dal 2014 – insiste Bentivogli -, e molte università ci ritengono un soggetto che ha qualcosa da dire». Le università intanto lavorano alla partenza, ormai imminente, dei competence center. Qui, in realtà, manca l’ultimo passaggio, quella della distribuzione delle risorse. Il ministero dello Sviluppo economico ha messo a punto una graduatoria provvisoria dei competence center che hanno partcipato al bando, ai quali in totale vanno 73 mln di euro. E’ in corso la fase di negoziazione, che prevede appunto la distribuzione delle risorse fra i centri inseriti nella graduatoria (che alla fine dell’operazione diventerà definitiva). Eccola in tabella:

Competence centerPunteggioPosizione in graduatoria
Politecnico di Torino: Manufactoring 4.09
Politecnico di Milano: Made in Italy 4.09
Alma Mater Studiorum Bologna: BI-REX8
Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa: ARTES 4.08
Università degli Studi di Padova: SMACT7
Università degli Studi di Napoli Federico II: Industry 4.07
Cnr: START4.06
La Sapienza di Roma: Cyber 4.06

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link