Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le adesioni al bando

Competence center Industry 4.0, ecco i progetti di tutte le università

La Sapienza di Roma partecipa al bando competence center 4.0 con un polo del centro Italia, l’Università di Bologna coinvolge i Tecnopoli, il Cineca e l’Istituto di Fisica Nucleare, Politecnico di Torino con i big mondiali dell’auto, nove atenei del Triveneto puntano su tecnologie Smact e Made in Italy

02 Feb 2018

Cresce il numero di università che dichiarano l’intenzione di presentarsi al bando per i competence center Industry 4.0, ci sarà anche La Sapienza di Roma fra gli atenei che presenteranno progetti, insieme ai Politecnici di Torino, Milano, Bari, al Sant’anna di Pisa, a Padova con le Università del Triveneto, all’università di Bologna con il Cineca, all’università di Genova, alla Federico II di Napoli.

Il Paese fa sistema intorno ai competence center che dovranno diventare i poli di eccellenza intorno ai quali si svilupperà l’Industria 4.0 italiana: le università si presenteranno aggregandosi in poli, affiancate da partner industriali di primaria importanza, prevedono di fare ricerca applicata, formazione alle imprese, orientamento, di unire tecnologia e Made in Italy, di valorizzare le competenze nella robotica, nella meccanica, ma soprattutto di abbattere quella tradizionale barriera fra mondo accademico e imprenditoriale che ostacola la competitività del sistema paese.

INDUSTRY 4.0, COME SARANNO I COMPETENCE CENTER: DECRETO E BANDO

Competence center Torino

Il piano Industria 4.0 è il «primo esempio di politica industriale del paese», sottolinea Marco Gilli, rettore del Politecnico di Torino, ateneo che si presenta come capofila di un progetto che coinvolge anche l’Università di Torino e partner industriali di livello internazionale (FCA, General Motor, GE Avio, Thales Alenia). Focus su automotive, aerospazio, energia, mentre le tecnologie al centro del progetto sono additive manufacturing, data science e big data. Sul piano, prosegue Gilli, «ci giochiamo la nostra competitività. Siamo ancora il secondo produttore europeo di manifattura, ma siamo in un momento di grande discontinuità. Le nuove tecnologie, con tempi difficili da prevedere, stanno già rivoluzionando e rivoluzioneranno completamente il mondo dell’industria». E qui, «o siamo in grado di stare dietro all’evoluzione e restiamo competitivi, oppure perdiamo il treno. Il piano ha recepito questa urgenza. Ora bisogna fare in fretta».

LEGGI SCHEDA COMPETENCE CENTER TORINO

Competence center Padova e Triveneto

«Le agevolazioni come l’iperammortamento e i finanziamenti hanno poco significato se non sono supportati da un progetto di innovazione insieme a università e centri di trasferimento tecnologico» spiega Fabrizio Dughiero, prorettore al Trasferimento tecnologico e rapporti con le imprese dell’Università di Padova. I competence center, prosegue, sono «il tassello che mancava, perché se si vuole portare la trasformazione digitale alle imprese, non bastano i finanziamenti. Le macchine che si acquistano se non concepite in un contesto più ampio, perdono di significato. I competence center devono dare supporto alle aziende per investire e dar luogo a una trasformazione digitale che abbia un senso. E che le possa aiutare a fare profitto e a posizionarsi sul mercato».

L’università di Padova è capofila di un progetto che coinvolge praticamente tutte le università del Triveneto: Università degli Studi di Verona, Ca Foscari di Venezia, Iuav (Istituto universitario di architettura di Venezia), Università degli studi di Trento, Libera Università di Bolzano, Università degli studi di Udine, Università degli studi di Trieste, Sissa (Scuola superiore di studi avanzati) di Trieste. Focus su quattro settori fondamentali del Made in Italy, ovvero automazione, abbigliamento, arredamento e agroalimentare, e per quanto riguarda le tecnologie sulle cosiddette Smact (social media, mobile, analytics e big data, cloud, Internet of things).

LEGGI SCHEDA COMPETENCE CENTER PADOVA E TRIVENETO

Competence center Sapienza di Roma

Il progetto della Sapienza di Roma si concentra sulla cybersecurity.  Si svilupperà insieme ad altri atenei romani, prevede interventi coordinati con altre università guardando anche, dove possibile, alla zona del Centro Italia. Dunque, si profila un nuovo polo del centro, non l’unico visto che sono già note la partecipazione del Sant’Anna di Pisa, insieme alla Normale, e dell’Università di Bologna.

Competence center Bologna

Bologna ha messo a punto un progetto che coinvolge anche l’Università di Modena e Reggio Emilia (Unimore), l’Università degli studi di Ferrara e l’Università degli studi di Parma. Punta su una stretta collaborazione con i Tecnopoli, centri di innovazione in cui la Regione investe da tempo, nei quali collaborano università e imprese, con il Cineca, fiore all’occhiello del mondo dell’innovazione italiano che, sottolinea Fabio Fava, «rappresenta il 70% della capacità di calcolo dell’intero paese», e con l’Istituto Italiano di Fisica Nucleare. Anche qui si preparano forti partnership industriali, facendo leva sulle eccellenza presenti sul territorio della Regione. Settori al centro del progetto capitanato da UniBo sono la meccatronica, l’automotive, il biomedicale, l’agrifood, mentre a livello tecnologico forte accento sui big data. «Industria 4.0 per molte aziende è un processo già in atto» sottolinea Fava, secondo il quale «è particolarmente importante fare un salto ulteriore, che deve essere facilitato da attori di primo livello». E’ quindi corretta l’impostazione del bando ministeriale sui requisiti richiesti agli enti di ricerca, perché «è fondamentale che il livello sia alto».

Competence center Politecnico di Milano

Il progetto del PoliMi si focalizza in particolare su partnership con imprese e fornitori di tecnologia, in termini di hardware, software, competenze. «L’idea è di focalizzarci sul fatto che oggi le tecnologie digitali sono alla base dell’integrazione dei sistemi di progettazione e di prodotto dei sistemi produttivi.  – spiega Marco Taisch, docente del PoliMi -. Intendiamo lavorare sul concetto di industria 4.0 e di fabbrica 4.0, quindi di una fabbrica integrata, flessibile e a cui il competence center deve dimostrare cosa vuole dir utilizzare nella maniera corretta le tecnologie digitali, dalla progettazione alla produzione e distribuzione del prodotto».

Ricordiamo, molto brevemente, che i criteri di valutazione previsti dal bando assegnano un punteggio sulla base di caratteristiche tecniche e solidità economico finanziaria del soggetto proponente in ragione dei partner che concorrono a formarlo, e della solidità economico-finanziaria e qualità del programma di attività. Sono previsti specifici elementi di valutazione sia per gli enti di ricerca sia per le imprese partner. Sono criteri preferenziali il possesso del rating di legalità, la presenza nel partneriato di Regioni che svolgono attività coerenti con gli obiettivi del bando, la coerenza del programma con le attività strategiche del Piano Industria 4.0. L’istruttoria delle domande sarà affidata a un comitato tecnico, composto da un dirigente del ministero dello Sviluppo economico, in qualità di presidente, e da quattro rappresentanti di comprovata esperienza e professionalità, designati due dal MiSE e due dal Miur, (Istruzione, università e ricerca). Sulla base dell’istruttoria, vengono attributi i punteggi ed è effettuata la graduatoria. Segue una fase negoziale, fra ministero e competence center in graduatoria, con l’obiettivo di massimizzare i risultati conseguibili. Questa fase si conclude con una proposta definitiva firmata dal legale rappresentante del competence center, e con il decreto ministeriale di concessione del beneficio economico. Le risorse sono pari a 40mila euro, il 65% di questa cifra è da destinare alle spese iniziali dei centri di ricerca che verranno selezionati (fino a un massimo di 7 milioni e 500mila euro ciascuno), mentre il restante 35% andrà a finanziare i singoli progetti di ricerca.

Articolo 1 di 4