Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'opinione

Iacono: “L’Agenzia non si occupi solo di ICT”

18 Mar 2013

Giuseppe Iacono, Stati Generali dell'Innovazione


I punti ancora indefiniti dell’Agenda Digitale e le difficoltà nel formare il nuovo governo rendono necessaria un’elevata proattività dell’Agenzia (per evitare altri ritardi), con alcuni elementi chiave:

· la snellezza. Mantenere esclusivamente un ruolo di indirizzo e coordinamento;


· la chiarezza. Perseguire tutti gli obiettivi, che non riguardano soltanto l’ICT ma l’intera Agenda Digitale;


· l’apertura come metodo di lavoro. Valorizzare le esperienze e intelligenze della rete di associazioni, esperti, poli tecnologici e imprese, dotandosi di un organo di consultazione permanente;


· l’esercizio del committment. Utilizzare al meglio il rapporto diretto verso il Presidente del Consiglio (vedi art.20), referente del Direttore, interpretando il ruolo di Chief Information Officer della PA;


· la gestione del cambiamento. Dotarsi di uno strutturato progetto di gestione del cambiamento, per essere un organismo non in continuità con le strutture preesistenti.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Articolo 1 di 2