il compendio

L’economia dei dati sfibra le regole sulla concorrenza: il G7 spiega come affrontare i problemi

Nell’ultimo decennio abbiamo assistito alla nascita e all’espansione di mercati digitali così innovativi da porre sfide del tutto peculiari in tema di concorrenza e privacy. Le nuove sfide della società globale digitalizzata impegnano legislatori e autorità e sono condensate nel compendio elaborato in seno al G7

28 Ott 2022
Rocco Panetta

Partner Panetta Studio Legale e IAPP Country Leader per l’Italia

sconti fedeltà antitrust

A Istanbul, in occasione della quarantaquattresima Global Privacy Assembly che chiama a raccolta tutte le Autorità Garanti della protezione dati del mondo, il clima è sospeso. C’è attesa e consapevolezza.

La digitalizzazione estrema e tendenzialmente onnicomprensiva della società moderna sta portando alla luce un fascio inedito di nuove opportunità e imprevedibili rischi. E questa è la consapevolezza. Pensiamo, ad esempio, al settore del marketing e della profilazione o ai lavoratori di una gig economy sempre più data driven.

A livello più alto, nel corso dell’ultimo decennio abbiamo assistito alla nascita (prima) e alla esponenziale espansione (poi) di veri e propri mercati digitali, a tal punto innovativi da porre sfide del tutto peculiari, anche in punto di dinamiche concorrenziali. Al tempo stesso, c’è attesa che gli USA mettano nero su bianco la loro prima legge federale sulla privacy, si guarda con apprensione alla Cina e alla Russia e anche al Regno Unito, che da poco ha annunciato l’uscita dal sistema del GDPR.

Garanti privacy UE, ecco le basi per una nuova “data economy” etica

Mercati digitali e concorrenza: il compendio del G7

Nel frattempo, molti legislatori di tutto il mondo – e in special modo quello europeo – hanno avviato decise campagne regolatorie. Assieme a loro, le stesse autorità di settore si stanno muovendo con proficuo spirito di iniziativa.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Il tavolo dal quale ultimamente provengono le riflessioni e le azioni più significative, per portata e commitment, è quello del G7. È in questo contesto che, lo scorso ottobre, i rappresentanti delle autorità antitrust degli Stati Membri del G7 (Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti d’America), delle Autorità dei Paesi ospiti del G7 (Australia, India, Sudafrica, Corea del Sud) e della Commissione europea si sono riuniti, come fatto nello stesso periodo anche dai garanti privacy, per affrontare “di petto” le nuove sfide della società globale digitalizzata.

Le conclusioni raggiunte e le direttive per il futuro sono state raccolte in un compendio dedicato alle azioni intraprese da dette authority per promuovere la concorrenza nei mercati digitali (“Compendium of approaches to improving competition in digital markets”). Elaborato dall’autorità tedesca (Bundeskartellamt), in virtù della presidenza del G7 in capo alla Germania, il documento – che si propone quale aggiornamento del compendio predisposto nell’ambito del G7 del 2021 dall’autorità inglese – contiene dati e spunti di assoluto interesse.

Caratteristiche e sfide dei mercati digitali

Il compendio si occupa anzitutto delle caratteristiche dei mercati digitali. Queste rappresentano, da un lato, uno dei fattori che hanno consentito ad alcune aziende di acquisire posizioni di rilevante potere verso concorrenti e consumatori (con tutto ciò che ne deriva in punto di condotte abusive e di distorsione delle dinamiche concorrenziali) e, dall’altro, un elemento fortemente dirompente per autorità e governi, chiamati a confrontarsi con istanze e questioni difficilmente risolvibili mediante istituti e soluzioni tradizionali. Tra tali caratteri comuni viene peraltro annoverato anche il ruolo dei dati.

Azioni e strategie delle autorità antitrust

Attraverso la raccolta dei contributi inviati dalle singole authority coinvolte, il documento sintetizza quanto fatto negli ultimi anni per affrontare il problema dei mercati digitali. A livello preliminare, sono innanzitutto due i dati che meritano di essere posti in evidenza. Il primo è che le autorità antitrust stanno continuando a dedicare grandissima attenzione a questo cruciale tema (e c’è da aspettarsi che tale interesse andrà sempre più aumentando nei prossimi anni). Questo è evidentemente un sintomo della percezione di importanza diffusa che accompagna lo sviluppo e la conseguente necessità di sorveglianza su tali nuovi mercati.

Il secondo è che gli approcci adottati nelle varie giurisdizioni presentano un elevato grado di affinità.

Nell’ambito di tali direttive generali, il compendio permette di constatare come la maggior parte delle autorità sia ampiamente intervenuta sul potere di mercato e sulle condotte anticoncorrenziali delle grandi piattaforme digitali. Ciò ha riguardato, in particolare, il settore del digital advertising, i marketplace online e gli app store. Le authority si sono inoltre e variamente pronunciate in ordine agli aspetti relativi all’uso di dati e algoritmi, nonché – naturalmente – rispetto alle fusioni che hanno interessato questo specifico mercato.

Il documento pone poi in evidenza gli sforzi intrapresi dalle autorità antitrust per rafforzare le proprie capacità di preparazione e reazione. L’esigenza di modernizzare strumenti e strategie, derivante dalla non linearità dei nuovi fenomeni, si è tradotta nella creazione di unità specializzate, nell’aggiornamento delle competenze interne e nella collaborazione con professionalità terze ed esterne, oltre che nella realizzazione di indagini conoscitive e di studi sempre più frequenti e approfonditi.

Le iniziative legislative

La necessità di rispondere con strumenti adeguati alle inedite problematiche poste dal diffondersi dei mercati digitali si trova anche alla base delle diverse iniziative di riforma legislativa avviate nell’ambito delle varie giurisdizioni considerate. Tra le tante citabili, di indubbio impatto è stata sicuramente l’adozione del Digital Markets Act da parte delle istituzioni europee. E tuttavia anche a livello nazionale non sono mancati interventi finalizzati a mutare, più o meno profondamente, i canonici paradigmi della disciplina antitrust.

La cooperazione tra authority

Il compendio sottolinea infine l’importanza della cooperazione tra autorità. Ciò riguarda, naturalmente e in primo luogo, lo scambio di informazioni e i meccanismi di lavoro congiunto tra le varie authority antitrust. La complessità e la naturale interdisciplinarità del comparto digitale rendono altresì di primaria rilevanza la collaborazione con altre autorità indipendenti e istituzioni, come i garanti privacy e le autorità che operano a tutela dei diritti dei consumatori.

Le evidenze che emergono da questo documento – del quale consiglio a tutti la lettura, anche nella parte finale, ove vengono sintetizzate le iniziative intraprese dalle singole autorità (AGCM inclusa) – confermano l’assoluta necessità di dedicare sempre maggiori riguardi ai temi connessi all’avvento e alla diffusione della data economy. Fenomeno, quest’ultimo, in grado di incidere su una pluralità inscindibile di settori: privacy e protezione dei dati personali, concorrenza, tutela dei consumatori, solo per citarne alcuni.

In tal senso, la ricerca di nuovi strumenti, approcci e paradigmi normativi non può che essere accolta con favore. In siffatta direzione, in effetti, dovrebbero muoversi tutte le autorità indipendenti, pur nel rispetto delle loro specificità e competenze, al tempo stesso affinando, incrementando e contaminando le proprie competenze istituzionali, anche mediante partenariati con soggetti terzi. Parimenti rilevante è la spinta verso forme di collaborazione interdisciplinare tra le varie authority. Sul punto, come già osservavo in passato in un articolo per questa testata, sarebbe utile e opportuna la previsione di un dipartimento dedicato ai rapporti con le altre autorità nazionali in seno al Garante privacy, all’AGCOM e all’AGCM.

In definitiva, si tratta di soluzioni tutte egualmente imposte da un fenomeno che, in ragione della propria intrinseca portata innovativa, richiede soluzioni altrettanto innovative, ma anche (e forse soprattutto) coraggiose.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4