assocontact

Truffe e spam telefonico, il nuovo registro è insufficiente: ecco cosa serve fare

Il nuovo registro una promessa di invulnerabilità che non può essere mantenuta e il rischio che esplodano rabbia e frustrazione dei consumatori è molto alto. Ci potranno carpire ancora i consensi, infatti; e soprattutto la battaglia all’illecito è ancora appena iniziata. Ecco le soluzioni possibili per i prossimi mesi

01 Ago 2022
Lelio Borgherese

Presidente di Assocontact

L’attesa è finita, il registro delle opposizioni è on line e il primo giorno si sono iscritti 500.000 cittadini; oggi ce ne sono 1,2 milioni. Tanti o pochi? Se si pensa che le utenze potenzialmente interessate sono 80 milioni, forse non così tanti. Ma era il primo giorno e il sito è stato accessibile a singhiozzo, quindi è presto per commentare.

La Sottosegretaria al Mise Anna Ascani è stata soddisfatta ma ha anche chiarito che deve essere un punto di partenza e non di arrivo.

Telefonate indesiderate, arriva il Registro opposizioni per bloccarle

Registro opposizioni, bene ma non basta

Una posizione che Assocontact condivide in pieno e infatti già qualche giorno prima del 27 luglio ha pubblicato il progetto di Codice di Condotta e ha aperto la consultazione pubblica insieme con Confcommercio, Confindustria, Asseprim, Assocall, Asstel, DMA Italia e Oic. Come più volte ribadito infatti il ROP da solo non basta e bisogna rafforzare il fronte e gli strumenti di coloro che vogliono opporsi fattivamente al telemarketing illegale.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

In questi giorni sono stato invitato a commentare il ROP in diverse sedi e ho potuto notare due fenomeni contrari: da un lato il tentativo meritorio della stampa cartacea e on line di fare informazione puntuale sul tema, unendo le “istruzioni per l’uso” alla lettura critica del fenomeno (cfr. Longo, La Repubblica, Gramellini, Il Caffè; Menduni, il Secolo XIX; Panetta, Il Messaggero, ecc.) che mette in guardia dalle insidie contenute nel ROP, in primis l’assenza di misure di contrasto al telemarketing illegale; dall’altro nei dibattiti televisivi (inclusi quelli ospitati dalle reti del servizio pubblico), sfugge totalmente il ragionamento di merito sulle implicazioni positive e negative dell’operazione a vantaggio dell’urgenza di esprimere la propria frustrazione contro anni di stalking telefonico.

Questo è il dato più preoccupante perché il ROP è, prima di tutto, una risposta dovuta all’insofferenza dei cittadini che hanno a lungo patito un’intrusione ingiusta e criminale. Il ROP ha più a che fare, almeno in questo momento, con il cuore dei cittadini che con i ragionamenti in punta di diritto. Tu mi inserisci nelle tue liste? Mi perseguiti con telefonate continue e indesiderate? E io che fino ad ora non ho potuto nulla finalmente ho uno scudo dietro al quale ripararmi. E forse anche qualcosa in più: uno strumento per dire basta e per sottrarre a te, outsourcer o committente, parte della tua forza.

I due limiti del registro

Ma proprio la potenza emozionale dello strumento obbliga a essere chiari.

  • L’iscrizione al ROP non è una tantum, ma ha bisogno di continue re-iscrizioni per poter estendere nel tempo la sua efficacia. Questo accade perché la richiesta di non essere contattati per finalità di telemarketing viene annullata dal successivo consenso a trattare i propri dati a fini commerciali, consenso che consapevolmente o inconsapevolmente cediamo in molte occasioni della nostra vita fisica e digitale, per esempio quando si sottoscrive una carta fedeltà senza prestare la dovuta attenzione a ciò che si firma.
  • In secondo luogo, perché – lo abbiamo detto ma è utile ribadirlo – sono tenuti a controllare e rispettare le liste degli iscritti al ROP solo gli operatori che già rispettano le regole ma nulla è previsto per coloro che non le rispettano e operano in modo illegale sul mercato.

Secondo le ricerche dell’Osservatorio Imprese e Consumatori più dell’85% delle chiamate moleste, aggressive e scorrette provengono proprio dagli operatori illegali. Chi si è iscritto al ROP si aspetta quindi di essere protetto al 100% dallo stalking telefonico ma nel migliore dei casi potrà notare un decremento del 15% delle chiamate moleste. Almeno fino a quando, sottoscrivendo una nuova carta fedeltà, non torni a essere contattabile anche da quel 15 % di operatori legali che agiscono nel rispetto della sua volontà.  Il ROP è, dunque, una promessa di invulnerabilità che non può essere mantenuta e il rischio che esplodano rabbia e frustrazione dei consumatori è molto alto.
Per questo è dannoso oltre che inutile pensare che il 27 luglio si siano “abolite le chiamate moleste”.

Le soluzioni ai problemi telemarketing

La soluzione – o meglio l’insieme di soluzioni – va ricercata in una strategia complessiva, volta a un cambiamento culturale e fondata su azioni pragmatiche:

  • definire e promuovere un Codice di Condotta ora in via di definizione;
  • fare campagne di comunicazione e sensibilizzazione rivolte ai consumatori;
  • innovare gli strumenti di contrasto al telemarketing illegale in sintonia con le Autorità Garanti e gli Organi di Polizia preposti.

Fortunatamente i lavori per raggiungere i primi due goal sono ben avviati. Assocontact per esempio aveva lanciato nell’ambito dell’operazione “Telemarketing Affidabile” il Decalogo per i Consumatori, una guida in dieci punti per riconoscere immediatamente un tentativo di truffa; in questi giorni Agcm e Arera hanno lanciato “Difenditi così”, una campagna rivolta ai consumatori per informarli sui loro diritti.
Ciò che qui manca è forse una più ampia informazione sui benefici portati dal telemarketing che, quando svolto correttamente, è garanzia e tutela di diritti come la corretta informazione commerciale e la libera e leale concorrenza nel mercato. Chi è consapevole del fine e dei vantaggi apportati dal Telemarketing sa anche riconoscere con più facilità quegli operatori che non perseguono tali fini.

Garante Privacy: “Ecco il nuovo RPO e codice di condotta contro gli abusi telemarketing”

Anche il Codice di Condotta, una storica battaglia di Assocontact, è oggi a buon punto. Non solo perché vi hanno aderito le principali associazioni e confederazioni che rappresentano sia i committenti, sia gli outsourcer, sia i list provider sia i consumatori, ma anche perché con la recente apertura della consultazione pubblica si è a un passo dalla richiesta di approvazione al Garante della Privacy.
Quando il Codice di Condotta sarà approvato, tutta la filiera si ritroverà a essere connessa da legami di corresponsabilità che rendono più forte e sicuro il trattamento dei dati.
l Codice di Condotta ha l’obiettivo di disciplinare e standardizzare la tipologia degli operatori virtuosi per innalzare un muro a tutela dei diritti dei consumatori, con particolare riguardo al diritto alla privacy e alla gestione dei dati personali.

Il Codice di condotta del Telemarketing e Teleselling è riferito ad attività di trattamento dei dati personali effettuati per promuovere e/o offrire beni o servizi, tramite il canale telefonico, a soggetti ubicati nel territorio dello Stato italiano.
Si basa su tre principi:

  • il rispetto dei principi di liceità, proporzionalità, correttezza e trasparenza nei confronti degli interessati, adottando, in particolare, specifiche misure volte ad assicurare l’idonea informazione dell’utenza, l’adozione della corretta base giuridica del trattamento e l’esercizio dei diritti degli interessati;
  • il rispetto dei principi di privacy by design e by default, improntati al principio di minimizzazione e di conservazione limitata dei dati;
  • l’applicazione delle più adeguate misure di sicurezza, organizzativa e tecnica, al trattamento dei dati al fine di garantire i migliori  standard di protezione dei dati personali.

L’adesione al Codice di Condotta è su base volontaria ma chi vi si sottopone è chiamato a un esercizio del controllo su tutti gli attori della filiera, sulle procedure e sui dati stessi.
Un aspetto non secondario del Codice di Condotta sta nel fatto che la sua adozione permetterà di innalzare l’asticella della qualità garantita dall’intero settore che, col tempo, sarà quindi destinata a livellarsi verso l’alto, garantendo una concorrenza sana e leale tra gli operatori di mercato. Fissando una linea comune di servizio, qualità e procedure si è certi che tutti gli operatori legali partano dalle stesse condizioni di costo, impedendo così la pratica della svendita dei servizi sulla pelle dei consumatori. Ma il Codice di Condotta è rilevante anche sotto altri aspetti: per esempio chiarifica e sintetizza le disposizioni che un Operatore deve rispettare per dimostrare di aver fatto tutto ciò che era in suo potere per evitare di ledere volontariamente i diritti dei consumatori.  Ciò si rende particolarmente necessario nel Telemarketing poiché questo è stato oggetto di attenzioni, regole, circolari, leggi diverse e disparate negli anni che talvolta rischiano di creare confusione. Aderendo al Codice di Condotta, si assevera la propria accountability nei confronti dell’Autorità Garante e si ha una lettura sinottica delle disposizioni da rispettare.

Più lunga per ora è invece la strada che porta all’utilizzo di strumenti innovativi di antispoofing, di tracciabilità dei contratti mediante Blockchain o di riconoscibilità del numero chiamante attraverso l’adozione dei Golden Number, proposte di Assocontact sulle quali registriamo al momento ancora sensibilità diverse e non sempre convergenti da parte degli altri attori della filiera.

In conclusione

In conclusione, se le istituzioni, i committenti, gli outsourcer, i listi provider e il mondo dei consumatori, unitamente con l’Autorità Garante, sapranno affiancare al ROP altre soluzioni condivise, il ROP potrà diventare un esercizio continuo di libertà e democrazia e lo strumento principe per la difesa dei propri diritti da parte dei cittadini.

Se invece il ROP dovesse rimanere uno strumento isolato, il rischio flop è molto alto. Ancor più alto però è il rischio di spezzare un legame di fiducia tra cittadini e istituzioni e consumatori e brand. Un rischio che nell’epoca delle trasformazioni digitali massive non è opportuno correre, poiché la disintermediazione e la dematerializzazione delle relazioni funzionano solo in un ambiente integro, dove il trust è forte, i benefici sono chiari e la partecipazione è attiva.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3