scenari

Euro digitale: così la Ue si prepara a un cambiamento epocale (ma non chiamatelo criptovaluta)

A fronte della rapida evoluzione dello scenario internazionale, l’euro rischia di trovarsi tra l’incudine di Libra e il martello dello yuan digitale. La BCE non potrà che prenderne atto e dar vita all’euro digitale, anche se questo la costringerà a cambiare il sistema di governance dell’area euro. Le prospettive

13 Ott 2020
Paolino Madotto

manager esperto di innovazione, blogger e autore del podcast Radio Innovazione

Contributi Ristori fondo perduto

La Banca Centrale Europea ha appena aperto una consultazione pubblica per l’adozione o meno di un “euro digitale”. Secondo il proposito della BCE è necessario avviare una moneta elettronica che affianchi il contante e che renda il sistema di scambio delle valute molto più moderno venendo incontro alle necessità che si stanno presentando. Vediamo quali sono i punti focali che spingono in questa direzione.

I fattori che spingono la BCE verso l’euro digitale

Come riporta il comunicato ufficiale della BCE “La task force dell’Eurosistema, composta dagli esperti della BCE e delle 19 banche centrali nazionali dell’area dell’euro, ha individuato i possibili scenari nei quali si renderebbe necessaria l’emissione di un euro digitale. Tali scenari ipotizzano un aumento della domanda di pagamenti elettronici nell’area dell’euro che richiederebbe l’adozione di un mezzo di pagamento digitale europeo privo di rischi; un calo significativo dell’uso del contante come mezzo di pagamento nell’area dell’euro; l’introduzione di mezzi di pagamento privati di portata mondiale che potrebbero generare problematiche regolamentari nonché porre rischi per la stabilità finanziaria e la tutela dei consumatori; un’ampia diffusione di monete digitali emesse da banche centrali estere.

WHITEPAPER
Tutto quello che c'è da sapere oggi per la collaboration nella PA

Il comunicato pone l’accento su quattro punti ma leggendo attentamente gli ultimi due sembrano quelli più qualificanti per spingere velocemente all’adozione della moneta elettronica.

Lo yuan digitale tra lotta alla corruzione e sorveglianza di massa

La Banca Centrale Cinese, ad esempio, ha recentemente lanciato lo “yuan digitale che ha cominciato a riscuotere un altissimo interesse da parte degli osservatori. In particolare, la moneta elettronica cinese si ripromette di costruire una moneta parallela che attraverso dei wallet consente di effettuare pagamenti in tempo reale bypassando i consueti intermediatori e riducendo tempi e costi. Non è questa la sede per approfondire il tema dello yuan digitale tuttavia per grandi linee attraverso questo sistema di scambio la Cina si propone di spingere nella direzione di dare un ruolo internazionale alla valuta cinese, ridurre drasticamente la corruzione e la rischiosità di un sistema finanziario cinese fatto di shadow bank e di garanzie sui prestiti che non essendo tracciate vengono di solito offerte a più intermediatori con enormi rischi di stabilità.

La moneta elettronica, secondo il governo cinese, consente di monitorare ogni singolo movimento economico, poter anche bloccare la spesa verso alcuni beni nel caso di sussidi pubblici e, con l’ausilio dell’intelligenza artificiale, costruire un completo sistema di tracking che se da una parte riduce il potere delle banche e della finanza sull’economia dall’altra allarga il potere di sorveglianza dello stato.

Detto questo, la moneta elettronica che consente di abbassare i costi di transazione internazionale ed è garantita dallo stato cinese può anche diventare un pericoloso “concorrente” delle monete occidentali. Certo, per ora il dollaro dorme sonni tranquilli potendo controllare il 62% dei flussi internazionali ma una moneta in grado di bypassare i controlli degli USA è anche potenzialmente in grado di bypassare l’embargo economico o il boicottaggio. Lo yuan digitale sarà anche la moneta principale in occasione dei giochi olimpici invernali del 2022 in Cina, mentre la crisi pandemica ha messo in evidenza l’esigenza di sanificare il contante continuamente con enormi costi associati ai costi che il contante ha già in generale.

L’interesse verso le monete elettroniche è così sempre più alto soprattutto in una fase nella quale le banche centrali stanno cominciando a cambiare politiche e a sacrificare l’inflazione bassa per privilegiare la crescita dei posti di lavoro e dell’economia reale. Un grosso problema per le enormi ricchezze accumulate nei paradisi fiscali o negli investimenti finanziari.

L’euro tra l’incudine e il martello

Il contraltare della moneta elettronica cinese sono le stablecoin private, come Libra, che presenta gli stessi rischi di sovranità monetaria se diventasse un asset scambiato in alternativa all’euro e che ha una sua politica monetaria di investimenti.

Ecco che l’euro rischia di trovarsi tra l’incudine di Libra e il martello dello yuan digitale o di qualche altra moneta elettronica sovrana.

Le monete elettroniche degli Stati tuttavia non hanno nulla a che vedere con le criptovalute, rimangono gestite centralmente e governate secondo le tradizionali politiche monetarie. Nessuno Stato darebbe il permesso di far nascere monete indipendenti private, la Cina ma non solo hanno portato avanti con forza una operazione volta bloccare i bitcoin e le altre criptovalute dal proprio territorio. Con la nascita dello yuan cinese secondo molti analisti, il governo cinese farà pressioni affinché i sistemi di pagamento elettronici più diffusi in Cina (come Wechat) rientrino nella moneta nazionale elettronica.

Alle soglie di un cambiamento epocale

La BCE non potrà che prendere atto dell’evoluzione dello scenario internazionale e dar vita all’euro digitale, anche se questo la costringerà a cambiare il sistema di governance dell’area euro ad esempio potendo tracciare in modo molto più preciso i movimenti di capitale, il riciclaggio e i flussi di denaro pubblico. I recenti scandali di banche tedesche e non che movimentavano enormi flussi di capitale senza trasparenza e nei quali erano presenti flussi criminali e gli allarmi su alcuni paesi in area euro che svolgono con disinvoltura pratiche poco trasparenti di controlli sui flussi finanziari ci dice che questo cambiamento verso la moneta elettronica può significare cambiamenti radicali nel settore finanziario. A partire da minori margini negli investimenti di rendita ma anche di maggior controllo sugli enormi flussi finanziari criminali.

Un capitolo a parte meriterebbe l’analisi del ruolo della moneta come strumento di politica internazionale anche con risvolti “militari”. In questo ambito l’emergere di monete elettroniche concorrenti del dollaro indebolirebbe la capacità dell’occidente di bloccare il denaro di paesi come l’Iran, il Venezuela o l’Ucraina.

Stiamo assistendo alle prime avvisaglie di un cambiamento epocale che avrà bisogno almeno di un decennio per dispiegarsi e non è escluso che ci consegni un mondo governato a livello internazionale da regole molto diverse da quelle degli ultimi quaranta anni.

La tecnologia sarà solo il detonatore del cambiamento ma a determinarlo e a deciderne le sorti saranno come sempre i rapporti di forza tra paesi e aree economiche.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati