dati

Firenze Digitale: la collaborazione che funziona, con il “data sharing”

Dopo tre anni dall’assessment di Firenze smart city, che ha portato al Manifesto per Firenze Digitale, e al Piano Firenze Digitale di collaborazione fra tutti i soggetti cittadini che erogano servizi digitali, Firenze inizia a raccogliere i frutti di questa serie di iniziative di cooperazione. Ecco alcuni esempi concreti di data sharing

03 Mar 2017
Lorenzo Perra

Assessore Innovazione Tecnologica del Comune di Firenze

firenze digitale

Dopo tre anni dall’assessment di Firenze smart city, che ha portato al Manifesto per Firenze Digitale, ed al Piano Firenze Digitale di collaborazione fra tutti i soggetti cittadini che erogano servizi digitali (Comune, Regione, Università, Ospedale di Careggi, Partecipate tramite Confservizi Cispel Toscana, Camera di Commercio), Firenze inizia a raccogliere i frutti di questa serie di iniziative di cooperazione.

In particolare, sul fronte della partnership per Firenze Digitale fra Comune di Firenze, Regione Toscana, Camera di Commercio, Confservizi Cispel Toscana come intermediario fra le partecipate fiorentine, sono tantissimi i risultati concreti, sia in termini di problematiche puntuali risolte, sia di processi di più ampio respiro innescati fra le diverse città.

La parola d’ordine è “condivisione degli asset digitali”, detto in altre parole “evitare di re-inventare la ruota e condividere forze, risorse, servizi intelligenti e dati”. Il tutto, ovviamente, con l’obiettivo di fornire servizi sempre più semplici, migliorare la qualità della vita dei cittadini evitando di chiedere più volte lo stesso dato, e mettere a sistema ciò che funziona bene, evitando quindi spreco di risorse.

Ma facciamo un passo indietro: da dove è nata Firenze Digitale? Dall’aver realizzato che, senza condivisione di dati, servizi digitali, canali di comunicazione, sistemi, a livello almeno metropolitano, non può esistere realmente una città intelligente che offra servizi veramente semplici e ottimizzati ai propri cittadini.

E questo concetto è talmente scontato che subito i vari attori dei servizi pubblici hanno aderito alla call che è stata emessa dal Comune di Firenze, che come Comune è forse l’unico ente che può avere la “mission” istituzionale di mettere insieme tutte le forze per avere servizi innovativi in una città.

E grazie alla lungimiranza di tutti gli attori, che hanno messo da parte i soliti campanilismi che affliggono le nostre città, e hanno subito iniziato a condividere forze e risorse, a quasi un anno dall’avvio dei lavori si possono già contare tantissimi risultati interessanti.

La cosa più interessante di questa esperienza è che non richiede un enorme budget (il tutto si regge con un “chip” messo da ciascun ente, che non supera in totale i 60-80K/anno sulla dimensione metropolitana fiorentina, per il project management, il coordinamento e lo svolgimento operativo di tutte le attività “cross-ente” fra i molteplici soggetti coinvolti) e che può essere scalata senza problemi in ogni realtà metropolitana. Gli unici pre-requisiti sono: non avere pregiudizi nel collaborare e nel mettere in condivisione cosa si è fatto, e crederci.

Questa esperienza infatti si sta già allargando dopo il primo anno di attività, ad oggi con Regione Toscana ed il Comune di Prato sono in corso valutazioni su come mettere a sistema questa esperienza in altre aree provinciali e multi-ente toscane.

Ma vediamo quali risultati si sono ottenuti per il primo anno.

In questa prima parte di racconto, ci concentreremo sugli effetti benefici del data sharing: la messa in condivisione di dati fra i diversi enti e utilities.

Cosa accade se partecipate e Comune non condividono la stessa cartografia e lo stesso patrimonio informativo? Accade che le utenze possono essere disallineate, accade che il cittadino può ricevere notifiche a un indirizzo sbagliato, accade che le informazioni su alcune agevolazioni a cui il cittadino aveva diritto, magari abitando in una zona disagiata per qualche motivo (come i lavori di una tramvia, un esempio a caso!), non possono essere comunicate in maniera veloce e diretta agli interessati mancando la possibilità di unire i dati in modo corretto. Accade che la utility dei rifiuti invia mezzi in una strada e si ritrova una carreggiata chiusa, il mezzo non passa, e solo perché la cartografia della utility ed i sistemi di gestione del traffico cittadino non erano allineati in real time. Accade anche che una partecipata può fare uno scavo in un punto di una città dove poco dopo un’altra aveva pianificato uno scavo, senza quindi razionalizzare gli interventi e diminuire il disagio del cantiere. Sono insomma tantissime le conseguenze di un non corretto allineamento fra i dati di un Comune, della Regione, dell’Agenzia delle Entrate (per i dati catastali) e delle utility.

L’allineamento delle cartografie fra tutti questi soggetti è dunque uno dei task più difficili, sfidanti, e impegnativi per gli enti impegnati nel progetto-laboratorio Firenze Digitale. Oltre 200.000 civici sono stati “qualificati” finora fra Comune e utilities, con operazioni di ETL e data-matching geografico.

Ma pensiamo ai dati camerali, anch’essi possono essere messi proficuamente a sistema, i dati sulle imprese condivisi e incrociati in modo efficace con i soggetti pubblici cittadini, come dati strutturati e “machine-readable” che ne permettano anche la geo-referenziazione massiva confrontandoli con i civici del Comune.  E grazie all’intervento di Regione Toscana e Camera di Commercio, si scopre che un inestimabile patrimonio informativo può essere messo a frutto fra i comuni metropolitani e le public utilities cittadine per ottimizzarne i servizi a cittadini, professionisti e imprese, e i processi interni. I dati camerali “arricchiti” sono già stati analizzati, ne è già stato riconosciuto un significativo passo avanti rispetto ai dati camerali attualmente usati dagli Enti, e si sta progettando con Regione e Camera di Commercio il loro inserimento a sistema nel territorio.

Grazie al progetto Firenze Digitale, si sono già svolte le prove di traduzione “geografica” del grafo stradale di una utility con quello del Comune, proveniente a sua volta da quello della Città Metropolitana e della Regione (Iter.Net), permettendo così alla utility di “aggiungere” o proporre modifiche al grafo stradale (es aggiungendo una strada minore interna che è però rilevante per il passaggio di mezzi di servizio) mettendo così questa informazione a sistema con tutte le Utilities coinvolte, arricchendo la conoscenza della mobilità cittadina.

La conoscenza sul sottosuolo è un altro elemento fondamentale: la Direzione Mobilità del Comune – lavorando con i tecnici SIT – sta individuando delle nuove “regole del gioco” operative per sistematizzare buone pratiche di produzione, scambio e condivisione del dato geografico relativo ad uno scavo stradale, prendendo a riferimento ciò che già è in Opendata, aggiornandolo, e restituendo al patrimonio informativo pubblico cittadino. E queste regole varranno sia per le aziende esterne, sia per le utilities, sia infine per gli uffici interni al Comune che svolgono lavori pubblici.

In ottica smart city, i dati evoluti sulle colonnine di ricarica elettrica – con posizione e stato di utilizzo di ciascuna in realtime – sono stati pubblicati in opendata tramite la public utility deputata al loro monitoraggio.

L’aver attivato questo processo virtuoso di scambio dati fa sì che, quando una partecipata deve iniziare una nuova attività di mappatura “oggetti fisici”, esiste già il contesto di riferimento, gli accordi, i referenti operativi, gli standard di georeferenziazione, tutto il pacchetto di lavoro già pronto per poter operare con il piede giusto, raccogliere da subito dati strutturati, e metterli da subito a sistema con tutti gli altri soggetti.

Siamo dunque non solo ad un buon livello di singoli risultati concreti ottenuti, ma anche ad una impostazione di sistema che permette di avviare nuove azioni sui dati in modo corretto e razionale, con processi aperti, condivisi e qualificati di gestione del dato.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati