smart city exhibition

La spending review grazie ai dati: ecco come

La digitalizzazione dei processi interni delle amministrazioni mette a disposizione enormi moli di dati machine readable. La prossima sfida sarà quindi dotare le organizzazioni pubbliche delle competenze giuste per leggere, intepretare confrontare questi dati ed elaborare su queste informazioni nuove policy. Intanto qualcosa si sta muovendo: il MEF ha da poco rilasciato Opencivitas che confronta i dati di spesa e di servizio degli enti locali e rilascia i dati in formato aperto

16 Ott 2015
crwtjjpwcaaobst-151016114318

Uno dei presupporti dell’accountability, ovvero di quel processo di fiducia che si deve instaurare tra amministratore e cittadino a garanzia del mandato politico è che si colmi l’asimmetria informativa tra governato e governante. Il cittadino cioè deve poter sapere quanto si spende e per cosa, ma ancora più importante è sapere quale è il livello di servizio che ha indietro a fronte delle tasse pagate. OpenCivitas è l’applicazione che permette di fare esattamente questo.

Nata da Sose spa una società 100% pubblico del Ministero dell’Economia e delle Finanze a cui è affidato il compito di realizzare gli studi di settore e i calcoli dei fabbisogni standard, OpenCivitas utilizza dati aperti per consentire di conoscere, confrontare e valutare le performance di spesa degli enti locali (Comuni e Province) delle regioni a statuto ordinario. Il portale ha già qualche mese (è stato presentato all’edizione 2015 di FORUM PA lo scorso maggio), ma in pochi mesi è riuscito a catturare l’attenzione di numerose amministrazioni “illuminate” ed in particolare della stampa locale. Navigando sul portale, infatti, si riesce in maniera semplice e intuitiva a valutare la quantità dei servizi erogati da ciascun ente; confrontare le prestazioni degli enti; conoscere i dati di spesa impiegati per l’erogazione di quei servizi; ed accedere ad un rating comparativo che valuta l’adeguatezza dei servizi erogati dall’amministrazione rispetto al fabbisogno standard individuato per un ente con un determinato tipo di caratteristiche (non solo popolazione e superficie, ma anche costo del lavoro, morfologia, economia locale, valore degli immobili e degli affitti, etc).

Può sembrare complicato, ma è molto semplice se si spiega con un esempio. Prendiamo due comuni abbastanza simili per grandezza e popolazione come Reggio Calabria e Reggio Emilia. La spesa storica per abitante della seconda è quasi il 50% in più. Cioè Reggio Emilia spende 757 euro l’anno per ogni abitante per erogare i propri servizi; Reggio Calabria “solo” 559. Se ci si basasse solo su questo dato (che per altro è esattamente quello che si fa quando si parla di tagli lineari) dovremmo valutare come decisamente più efficiente l’amministrazione del comune calabrese, e magari chiedere agli amministratori emiliani di “tagliare” i loro costi, perché proporzionati. Ma le cose sono un po’ più complesse.

Fino a qui abbiamo parlato di spesa, ma cosa succede se andiamo ad analizzare i servizi erogati con quei soldi? Ebbene le posizioni si ribaltano la città emiliana offre il 15% dei servizi il più rispetto allo standard, mentre la calabrese il 22% in meno.

Incrociando livello della spesa rispetto al fabbisogno standard e livello dei servizi offerti si ottiene una piramide in cui il vertice rappresenta il massimo di efficienza (alto livello di servizio e basso livello di spesa). E così ad esempio scopriamo che – confrontando 8 gradi città metropolitane – Torino e Venezia si posizionano nettamente più in alto di Napoli e Roma. Per la cronaca Reggio nell’Emilia ottiene un punteggio di 7,20 (poco sopra Venezia) mentre Reggio Calabria 4,4 (appena sopra Roma)

Come si vede il giochino è semplice e i dati vengono restituiti chiari e confrontabili, si tratta solo di porre le domande giuste. Ma dietro il cruscotto c’è un gran lavoro e soprattutto una scelta startegica precisa. Per arrivare ad un cruscotto così avanzato la società del Ministero ha dovuto cambiare la propria struttura dotandosi di un team interno di datascientist con skill di competenze estremamente variegati e centrati sul dato, sulla comprensione del dato, sulla visualizzazione e sulla comunicazione delle informazioni racchiuse nei dati. Insomma si è tratta di dover passare dalle tabelle ai database relazionali e da questi ultimi agli opendata.

La piattaforma è la dimostrazione concreta di come l’opendata possa abilitare la creazione di strumenti di valutazione e controllo da parte dei cittadini nei confronti degli enti. D’altro canto lo strumento è nato per essere un cruscotto di gestione a disposizione dei comuni e degli amministratori locali per avere un confronto ufficiale esterno alla propria realtà, un supporto per individuare strategie per una migliore gestione delle risorse.

I dati e gli strumenti di lettura ed analisi abilitano un monitoraggio reale della qualità della spesa, i passi successivi su cui bisogna ancora lavorare molto sono: tempestività del dato (attualmente lo scarto tra dati approvato e dato pubblicato è di diverse decine di mesi), crescita delle competenze interne alle organizzazioni e vision politica, a cui potremmo aggiungere la costruzione di movimenti di pressione dal basso supportati proprio da strumenti come questo.

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2