criptovalute

Cosa sono le stablecoin, i diversi tipi e come funzionano

Le stablecoin sono token che, come ci indica il termine “stable”, sono tendenzialmente stabili e non subiscono le oscillazioni che tipicamente si registrano con il Bitcoin, non risentendo delle dinamiche di domanda e offerta presenti sul mercato. Cosa sono e in cosa differiscono dal bitcoin

31 Mag 2022
Gianluca Albè

A&A Studio Legale

Federica Bottini

A&A Studio Legale

cypto-crash-main

Il panorama delle criptovalute è molto vasto e non si esaurisce nel Bitcoin, ma si articola in una moltitudine di crypto asset ciascuno diverso dall’altro.

Per esempio, con le stablecoin, la volatilità si attenua pur conservando caratteristiche proprie delle criptovalute, come la trasparenza e la rapidità delle transazioni.

Cripto e Web3, tutti i lati oscuri della decentralizzazione e qualche rimedio

Si tratta infatti di crypto asset creati proprio allo scopo di mitigare le incertezze legate alla volatilità delle criptovalute che è non solo sottratta al controllo, ma in certi casi è talmente elevata da renderle inadeguate come mezzo di scambio.

Il meccanismo alla base delle stablecoin è molto diverso da quello dei Bitcoin. Vediamo.

La volatilità del Bitcoin

La volatilità è un indicatore finanziario che esprime l’ampiezza e la frequenza delle variazioni di un titolo nel tempo. Applicando questo concetto strettamente finanziario alle criptovalute, il Bitcoin è intrinsecamente volatile, tanto che a fronte delle numerose oscillazioni di valore cui è andato incontro sin dalla sua creazione, risalente al 2009, il suo andamento è stato descritto spesso assimilandolo a quello delle montagne russe.

WHITEPAPER
Pagamenti digitali: la sfida si contende sul campo dell’Intelligenza Artificiale
Pagamenti Digitali
Digital Payment

Dalla volatilità del Bitcoin discende quindi un’opportunità di guadagno tanto quanto un rischio di subire ingenti perdite, soprattutto se non si dispone di strumenti adeguati in grado di prevederne l’andamento, che comunque mantiene sempre un certo grado di incertezza.

Le oscillazioni del Bitcoin, ossia i rialzi e ribassi di valore, infatti, non solo sono frequenti, ma anche molto repentini. L’evoluzione del Bitcoin parla da sé: in un solo decennio, partendo da un valore iniziale di 0,01 dollaro, il Bitcoin ha raggiunto cifre davvero importanti, addirittura con un picco di oltre 67.000 dollari, che sicuramente ha contributo ad incrementare la popolarità delle criptovalute a livello globale.

Se da un lato il Bitcoin è in grado di esercitare un’enorme attrattiva per gli speculatori anche grazie alla volatilità, dall’altro, si ritiene non si presti a valere da efficace mezzo di scambio e, quindi, di pagamento.

Per comprenderne i motivi, è sufficiente ricordare che la prima transazione in Bitcoin avvenuta il 22 maggio 2010, è consistita nell’acquisto di due pizze da Domino’s Pizza per 10.000 Bitcoin, del controvalore, quel giorno di 41 dollari.

Tale data è ricordata, per i più, come il “Bitcoin Pizza Day” o l’evento come le “pizze di Lazslo” dal nome del ragazzo che le acquistò nel ristorante della Florida.

Visto l’oggetto dell’operazione, questa cifra già allora poteva essere considerata importante, ma a posteriori risulta certamente folle prendendo in considerazione il valore assunto dal Bitcoin nel tempo: quelle stesse pizze sarebbero state acquistate infatti per diversi milioni di dollari.

Le stablecoin: cosa sono e quali sono le differenze con i Bitcoin

Il valore del Bitcoin dipende esclusivamente dal mercato e quindi dalla relativa domanda e offerta. Bisogna infatti pensare al Bitcoin come ad una risorsa limitata essendone disponibile un numero ben definito, per cui all’aumentare della domanda di mercato ne aumenta anche il valore, così come al diminuire della domanda diminuisce anche il suo prezzo, secondo una logica di diretta proporzionalità.

Le stablecoin sono invece token che, come ci indica il termine “stable”, sono tendenzialmente stabili e non subiscono le oscillazioni che tipicamente si registrano con il Bitcoin, non risentendo delle dinamiche di domanda e offerta presenti sul mercato.

Sono state create apposta con questa funzione e ciò risulta possibile in quanto, differentemente dai Bitcoin, le stablecoin sono ancorate ad un bene, di cui costituiscono la rappresentazione digitale, seguendone anche le variazioni.

Tali beni, almeno di regola, sono a loro volta mezzi di scambio, il cui valore è controllato da una struttura a livello centrale, per cui le oscillazioni possono certamente esistere, ma sono contenute, in quanto avvengono secondo un tasso di cambio fisso.

Nell’ambito della macrocategoria delle stablecoin, si possono però individuare diverse tipologie di asset. Più nel dettaglio, le stablecoin possono essere classificate come segue:

  • stablecoin ancorate a valuta fiat;
  • stablecoin ancorate a critpovalute;
  • stablecoin algoritmiche.

Stablecoin ancorate a valuta fiat

Innanzitutto, la valuta fiat altro non è che una valuta a corso legale. Ancorare la criptovaluta ad una moneta ufficiale significa garantirne alla prima la stabilità di valore nel tempo, poiché la seconda è controllata dalle banche centrali. In particolare, ogni token creato è garantito da una moneta in valuta ufficiale, tipicamente il dollaro, che viene depositato, rappresentando così la garanzia collaterale di valore del token. Per citare un esempio, una delle stablecoin più utilizzate è Theter (USDT), che ancorata al dollaro, mantiene un rapporto che si attesta ad 1:1.

La valuta fiat può essere sostituita anche da altri asset, tra cui si collocano materie prime e metalli preziosi. Il funzionamento in tali casi è analogo a quello esaminato poc’anzi, in quanto i token emessi vengono collegati ad una quantità determinata dello specifico asset, conservato e controllato periodicamente. Per esempio, Digix Gold Token (DGX) è una stablecoin ancorata all’oro.

Stablecoin ancorate a valute digitali

Come visto, astrattamente, alla base delle stablecoin possono essere posti i beni più vari, purché sia assicurata la stabilità di valore. Ci sono così progetti di stablecoin ancorate a criptovalute, in cui non vi sono beni fisici a fungere da garanzia dei token emessi, bensì altre criptovalute, che assumono quindi la funzione di collaterali. In questi casi, dal momento che le criptovalute sono per natura volatili, le stablecoin sono garantite da una riserva di criptovalute in numero superiore a quello dei token emessi, così da far fronte ad eventuali oscillazioni di valore.

Stablecoin algoritmiche

Le stablecoin appena esaminate si fondano su un sistema che assicura la stabilità e sicurezza come quello tipicamente fornito dalle banche centrali, verso il quale è necessario nutrire fiducia. Una delle maggiori criticità connesse a questo modello è rappresentato dalla assenza di trasparenza da cui possono derivare abusi.

Con le stablecoin algoritmiche il sistema diventa invece decentralizzato e non “collateralizzato” in quanto non sono presenti coperture: alla base non vi è un bene né “reale” né “virtuale”, sotto il controllo di un soggetto o un ente, ma un algoritmo che opera in automatico servendosi di smart contract. Con questo meccanismo viene fissato un valore di riferimento, che di regola è rappresentato dal dollaro, con la conseguenza che se il prezzo della stablecoin cresce e supera il valore soglia, grazie all’algoritmo, verranno emessi automaticamente nuovi token.

Sebbene l’obiettivo sia il medesimo delle stablecoin tradizionali, ossia mantenere la stabilità di prezzo rispetto ad una valuta ufficiale, per quelle algoritmiche la stabilità è appunto controllata da algoritmi che si fondano a loro volta su incentivi di mercato.

Per comprenderne il funzionamento si può prendere in considerazione TerraUSD (UST), una stablecoin algoritmica che opera su Ethereum con l’obiettivo di conservare un valore pari ad un dollaro, ma senza che ci sia una corrispondente riserva depositata a garanzia.

Per mantenere il prezzo si serve invece di un secondo token definito “di governance” – Terra (LUNA) – in modo tale che lo scambio tra questi due token possa bilanciare il prezzo e mantenerlo stabile.

Si è osservato che le stablecoin algoritmiche si prestino ad utilizzi in ambito De-Fi, ma attenuino le garanzie di stabilità per cui a ben vedere sono state pensati originariamente questi token. Infatti, le maggiori critiche evidenziano la fragilità di un sistema fortemente legato agli interessi personali dei trader, in uno stato di costante vulnerabilità che potrebbe nuovamente aprire le porte alla volatilità.

Cosa che si è avverata con il recente crollo di TerraUsd.

Cosa significano il crollo dei bitcoin e il caso TerraUSD: indicazioni utili

EVENTO DIGITALE
Efficienza energetica: le soluzioni offerte dal digitale per ridurre i consumi. Scopri come fare!
Blockchain
Istruzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2