valute digitali

L’euro digitale e il difficile equilibrio tra innovazione e privacy



Indirizzo copiato

L’euro digitale potrebbe rafforzare l’autonomia strategica dell’UE, ma la sua implementazione comporterà sfide importanti. L’equilibrio tra innovazione, tutela della privacy e stabilità finanziaria sarà fondamentale per il futuro di questa CBDC europea

Pubblicato il 16 gen 2024

Eleonora Poli

Head of Economic Analysis, Centro politiche europee – Roma (CEP)



Contributi Ristori fondo perduto

In un panorama globale di rapida evoluzione finanziaria, l’iniziativa della Commissione europea che punta a istituire e regolamentare l’euro digitale quale nuova forma di moneta è senza dubbio degna di nota, come evidenziato dall’analisi del Centro per le Politiche Europee.

Moneta pubblica e moneta privata: il contesto attuale

Al momento, le Banche Centrali creano le banconote e le monete metalliche, che sono l’unica tipologia di moneta pubblica a disposizione dei cittadini e detengono le riserve, cioè i conti delle banche stesse. D’altro canto, le banche commerciali creano moneta privata concedendo prestiti sulla base dei risparmi privati ma anche permettendo pagamenti con carta di debito o di credito, o tramite un servizio di pagamento online. In questo contesto, l’aumento di volume del mercato digitale, che vede un maggior numero di utenti fare acquisti online attraverso una varietà di mezzi di pagamento digitali, comporta anche un maggior uso delle monete private delle banche commerciali, oltre che dei cosiddetti stablecoin – cioè, cripto-asset che fanno riferimento a una valuta o a un portafoglio di attività liquide e che sono emessi da aziende private spesso di paesi terzi. Il rischio è quindi che un minor uso della moneta pubblica metta a rischio il ruolo stesso delle Banche Centrali, che esercitano una funzione di ancoraggio monetario, cioè quella di fissare il valore di riferimento in un regime di cambi fissi.

L’ascesa delle Central Bank Digital Currencies

Proprio per far fronte a queste nuove sfide, negli ultimi anni numerose banche centrali hanno esplorato la possibilità di emettere valute digitali, le cosiddette Central Bank Digital Currencies (CBDC), cioè forme di valuta ufficiale che costituiscono un’obbligazione di una banca centrale emessa e conservata digitalmente.  Gli esempi più comuni a oggi, i sono il Sand Dollar nelle Bahamas, l’e-Naira lanciato in Nigeria nel 2021 e il progetto pilota e-CNY lanciato in Cina, già utilizzato da più di 300 milioni di cinesi per il loro pagamenti quotidiani. In questo frangente, la Commissione teme che un crescente utilizzo di CBDC e stablecoin da parte di paesi terzi e la loro ampia diffusione nei pagamenti possa minare o mettere in discussione il ruolo dell’euro nei pagamenti in futuro. Secondo l’Atlantic Council, al momento sono 11 i paesi che hanno lanciato le CBDC, 22 quelli che hanno messo in atto progetti pilota, tra cui oltre Cina e India anche la Russia e il Kazakistan, 33 quelli che stanno le stanno sviluppando e 46 quelli che stanno facendo ricerche. Solo 2 paesi hanno cancellato i propri progetti di CDBC: l’Equador e il Senegal.

L’iter dell’euro digitale: a che punto siamo

Per questo motivo, già nell’ottobre 2020, la Banca Centrale Europea (BCE) aveva pubblicato un rapporto sull’euro digitale, avviando una consultazione che è durata fino a gennaio 2021. A marzo 2021, al Vertice dell’Euro, gli Stati membri e la BCE avevano incoraggiato la continuazione dei lavori di analisi e fattibilità sull’euro digitale, con l’avvio di una fase di investimento di due anni, promossa dal Consiglio direttivo della BCE nell’ ottobre 2021.

In generale, il progetto dell’euro digitale ha riscosso ampio sostegno dall’Eurogruppo, dal Parlamento Europeo e dal Consiglio Affari Economici e Finanziari (ECOFIN).

Nell’ottobre 2023, la BCE ha concluso la sua “fase di indagine” e ha iniziato una “fase di realizzazione” che si concluderà nel 2025.

In questo frangente, la proposta di regolamentazione della Commissione europea tenta di regolare l’istituzione dell’euro digitale al fine di garantire che l’introduzione dell’euro digitale non sia a discapito dell’utilizzo del denaro (banconote e monete) della Banca Centrale Europea.

Al contrario, in aggiunta alle banconote e alle monete, l’euro digitale dovrebbe divenire un mezzo di pagamento all’avanguardia ed efficiente dal punto di vista dei costi, garantendo nel contempo un elevato livello di privacy, preservando la stabilità, l’accessibilità e l’inclusione finanziaria. In altre parole, la Commissione vuole che il digital euro complementi le banconote in euro e non vada semplicemente a sostituirle.

Abbiamo davvero bisogno dell’euro digitale?

La proattività delle istituzioni europee su un tema innovativo come la moneta digitale è sicuramente legato alla necessità dell’UE di sviluppare la propria autonomia strategica a tutto tondo. Il lancio dell’euro digitale contribuirebbe infatti a ridurre la dipendenza del mercato europeo da fornitori di servizi di pagamento privati e non europei, compensando la loro posizione dominante sul mercato. Tuttavia, l’introduzione di questa moneta digitale avrà dei costi, obbligando le banche a offrire servizi di pagamento in euro digitale come servizio base e forzando quindi una serie di investimenti in un modello di business che potrebbe non è essere ancora così remunerativo.

Ci sono inoltre dubbi sulla possibilità effettiva di preservare la privacy e garantire l’anonimità dei pagamenti. Inoltre, se le regole servono per difendere la stabilità finanziaria e la privacy degli europei, normative troppo stringenti potrebbero diminuire l’efficacia e lo stesso scopo dell’euro digitale, che oltre a essere privo di rischi, dovrebbe essere ampiamente accessibile e facile da usare per tutti i cittadini.

A questo bisogna aggiunge il fatto che, secondo il Centro per le Politiche Europee, la BCE potrebbe non avere la capacità di creare l’euro digitale nel design proposto, perché secondo il Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea (TFEU) i poteri della Banca centrale non coprono questo settore.

L’euro digitale e il complesso equilibrio tra innovazione e privacy

Trovare un equilibrio tra promuovere l’innovazione, garantire la privacy e mantenere la stabilità finanziaria sarà quindi cruciale per determinare il destino di questa CBDC europea nel contesto in evoluzione delle valute digitali.

È infatti vero che l’emissione dell’euro digitale consentirebbe alla BCE di contrastare il rischio di perdita di sovranità monetaria, offrendo agli europei uno strumento digitale accettato universalmente in tutta l’area dell’euro e proteggendoli dall’uso di valute emesse da altre banche centrali su scala internazionale. È quindi necessario che la Commissione promuova un regolamento che mitighi i rischi delle CBDC, lasciando al contempo i vantaggi di questa moneta che rimane un punto focale nel plasmare il futuro dell’ecosistema finanziario digitale della zona euro e che potrebbe contribuire a  trasformare l’Europa in un  leader mondiale della finanza digitale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4