la questione

Antitrust 4.0 contro i nuovi monopoli digitali: quali scenari

Di fronte ai nuovi monopoli digitali, la cui ricchezza è costituita dai nostri dati, non si può pensare di utilizzare gli strumenti antitrust del secolo scorso. Oggi occorre tentare una strada nuova, abilitando un libero mercato di algoritmi insieme ad un libero arbitrio sui dati. Vediamo come fare e perché è importante

26 Nov 2018
Riccardo Zanardelli

Ingegnere | MBA

data-driven-economy

Esiste un modo per spezzare un’egemonia digitale senza distruggere il potenziale valore collettivo dei dati? Forse sì, e per farlo serve fare leva su uno dei due significati della parola trust: la fiducia. Non in un nuovo CEO e nemmeno in una nuova politica illuminata, ma nel protocollo. Serve, insomma, un antitrust 4.0 che invece di sezionare le grandi piattaforme digitali permetta di riprogettare il controllo dei dati e di riportarlo nelle mani degli utenti utilizzando proprio la tecnologia che sembra essere all’origine del problema.

Di sicuro non si può pensare di smembrare un’azienda come si faceva nei primi anni del ‘900. Nell’era del 4.0 servono strumenti nuovi per dirigere la crescita economica e sociale. I dati sfuggono alle regole classiche dell’antitrust e smembrarli può avere l’effetto paradossale di ridurre il potenziale della società digitale nel suo complesso. È una nuova forma di antitrust, perché la data driven economy funziona in modo diverso e separare gli asset fisici non significa per forza riattivare il libero mercato.

Il Guardian ci mette in guardia: la Gilded Age americana di fine ‘800 sembrerebbe ripetersi, stavolta nel settore tecnologico. Un presagio inquietante. Il trentennio compreso fra il 1870 ed il 1900 ha rappresentato infatti per gli USA un momento di profonda contraddizione: economia in crescita esponenziale, concentrazione della ricchezza e del potere, deriva monopolistica, intrecci pericolosi tra business e politica, apertura della forbice delle possibilità tra ricchi (pochi) e poveri (tanti).

E se a fine ‘800 si andavano formando i colossi industriali ferroviari, minerari e petroliferi, oggi il problema sembra riproporsi con i grandi protagonisti del mondo digitale. E oggi come allora si comincia ad ipotizzare una soluzione drastica quanto potente: l’Antitrust. O almeno questa è la parola che ferma l’occhio sui titoli degli approfondimenti.

Il web è vicino a una svolta

Sembrerebbe anche facile sistemare tutto, basterebbe rifare ciò che ha già funzionato oltre 100 anni fa, ma forse oggi le cose sono diverse. Una cosa è certa: il Web è in crisi, la privacy appesa ad un filo e la società vicina a premere il freno sulla macchina della digital economy per evitare di andare a sbattere contro un muro. È abbastanza chiaro che siamo vicini ad una svolta, c’è qualche interruttore da switchare, sì ma quale?

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Tim Cook ha dichiarato che un qualche livello di regolamentazione è inevitabile, aprendo con eleganza una stagione di auto-analisi da parte dei big del settore tecnologico. Jeff Bezos ha addirittura previsto che prima o poi Amazon fallirà. “If we start to focus on ourselves, instead of focusing on our customers, that will be the beginning of the end” dice il CEO di Amazon. E sicuramente ha anche ragione da vendere.

Dalla nascita del Web, oltre 25 anni fa, abbiamo assistito ad una crescita esponenziale di benessere e opportunità tecnologiche. Contemporaneamente si sono cristallizzate anche le preoccupazioni per una ricchezza (ed un potere) sempre più concentrati nelle mani di pochi. Due facce della stessa medaglia, perennemente in bilico, che non cade mai, lasciando un dubbio aperto sul destino della società che accelera a velocita curvatura nell’infosfera.

L’enorme potere di chi controlla i dati

Smembrare? Regolamentare? Davvero dobbiamo descrivere la situazione di oggi con parole che richiamano il fallimento di un’era? C’è una battaglia in corso fra libero mercato e libero arbitrio, che sembrano paradossalmente allontanarsi come due magneti dello stesso polo. Strano, vero?

E al centro di questo campo magnetico che allontana concetti che dovrebbero invece avvicinarsi non ci sono i CEO e tantomeno noi. Al centro ci sono i dati. Chi li controlla ha un potere enorme e non si tratta di un potere positivo o negativo a prescindere, ma dipende da come viene esercitato.

Una nuova forma di antitrust

Forse non è smembrando una corporation ai modi del 1911 che si agisce sui dati. Probabilmente dobbiamo fare una riflessione diversa, quasi assurda e dissacrante. Una domanda: ci serve una nuova forma di antitrust? Forse. Anche perché in inglese “trust” significa due cose molto diverse ed entrambe importanti per la nostra discussione: “potenziale monopolio” e -rullo di tamburi- “fiducia”. E la riflessione parte proprio da qui.

Quando si evoca lo smembramento di un’azienda attraverso gli strumenti antitrust si sta sostanzialmente dicendo una cosa: la società non può fidarsi di un monopolio, non lo può controllare, lo subisce, quindi lo deve rimuovere. E lo fa per molti motivi, ma sostanzialmente perché non si fida. Nessuna fiducia nel trust. Spezzare un trust digitale significa però anche spezzare i dati.

Cosa significa? Uno dei principi di base della data driven economy è che i dati devono circolare in modo fluido, velocemente ed in grande quantità. Spezzare i dati diminuisce il potere di chi ne aveva accesso, questo è vero, ma diminuisce anche il potenziale intrinseco per individuo e società.

Questo significa che spezzare il trust senza progettare un sistema per ri-aggregare i dati può avere effetti imprevisti.

Fiducia nel protocollo

Per spezzare un’egemonia digitale senza distruggere il potenziale valore collettivo dei dati occorre una fiducia nuova, non in un nuovo CEO e nemmeno in una nuova politica illuminata, ma nel protocollo. Se il protocollo può trasferire il “comando e controllo” dei dati agli individui, il grande pericolo del trust si disintegra. La moderna versione dello smembramento antitrust non è un processo di separazione degli asset, ma di trasferimento di data ownership abilitato da protocollo e codice.

Non è una prospettiva ingenua, tutt’altro. È il tentativo paradossale (e forse proprio per questo interessante) di eliminare un trust “con il trust”, non “contro il trust”. È un modo diverso per dire ciò che ha detto Jeff Bezos: se il mercato vuole avere fiducia nei grandi player dell’economia digitale, essi devono renderla possibile, anche se comporta una rinuncia allo strapotere.

Il rischio è soccombere alle armi dell’antitrust classico e scomparire. L’alternativa è trasformarsi, ritornando un po’ start-up e rinunciando ad un potere guadagnato, ma oggi insopportabile per una società che desidera accelerare.

Il profitto non come fine ma come strumento

Utilizzare nel modo corretto i dati delle grandi piattaforme digitali è una prospettiva più interessante per la società invece che disperderli in tante piccole infosfere separate. Questo è possibile solo se l’azienda non vede il profitto come il fine ultimo della propria esistenza, ma come uno strumento per realizzare una missione più importante.

Quando la Standard Oil fu smembrata nel 1911 non esisteva l’infosfera, non esisteva un protocollo di fiducia universale al di sopra di ogni sospetto. Smembrare era l’unica opzione. Oggi invece si può tentate anche un’altra strada, ma solo se corporation e società decidono di intraprendere insieme lo stesso percorso.

Invece che dividere l’infosfera in tante parti ciascuna controllata da un’entità meno potente, forse è meglio mantenere una grande e potente infosfera come insieme di tantissime piccole infosfere gestite individualmente e messe in relazione attraverso il linguaggio delle macchine. Si tratta di abilitare un libero mercato di algoritmi insieme ad un libero arbitrio sui dati.

Chiamiamolo Antitrust 4.0 e così sia.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3