App mediche: sfide attuali e scenari futuri

Sono sempre di più le App mediche disponibili sul mercato, ma il regime giuridico applicabile a tali prodotti non risulta sempre chiaro. Ecco una panoramica sulla normativa attuale e sulle novità che presto interesseranno il mondo delle App mediche

17 Ott 2016
Luca Tosoni

avvocato e ricercatore presso l’Università di Oslo

medica-sanità-medico-161014105513

Sono oltre 100.000 le App dedicate a medici e pazienti già disponibili sul mercato, e il loro numero è in costante crescita. Si ritiene che l’uso di queste App possa contribuire ad una trasformazione radicale della sanità come la conosciamo oggi. Tuttavia, non tutti gli sviluppatori di App (e tantomeno gli utilizzatori finali) hanno piena consapevolezza di quale sia il regime giuridico applicabile a tali prodotti.

È quindi opportuno chiarire che le App destinate ad essere utilizzate per finalità diagnostiche e/o terapeutiche possono essere qualificate come dispositivi medici. Questo obbliga i loro produttori a rispettare i rigidi requisiti imposti per tale categoria di prodotti.

Per verificare se un’App sia classificabile come dispositivo medico è necessario fare riferimento alla definizione di dispositivo medico contenuta nell’Art. 1 comma 2 della Direttiva 93/42/CEE (attuata in Italia dal D.Lgs. 46/97). Tale definizione comprende espressamente i software cosiddetti stand alone (come ad esempio le App per tablet e smartphone) destinati ad essere impiegati per finalità diagnostiche e/o terapeutiche, nonché quelli “accessori” all’utilizzo di un dispositivo medico.

Tuttavia, si tratta di una definizione non sempre di facile applicazione pratica. Ciò ha reso necessario l’intervento della giurisprudenza comunitaria e della Commissione europea in più occasioni. Per quanto di interesse rispetto alle App mediche, la Corte di Giustizia dell’Unione europea ha chiarito nel caso Brain Products (C-219/11) che l’elemento principale per determinare se un software rientri nella definizione di dispositivo medico sono le indicazioni fornite dal produttore. È quindi essenziale analizzare le istruzioni d’uso e l’etichettatura dell’App per stabilire se la stessa abbia finalità specificamente mediche e rientri quindi nella definizione di dispositivo medico. Un ulteriore chiarimento rispetto alla qualificabilità dei software di supporto all’elaborazione di prescrizioni mediche come dispositivi medici dovrebbe presto venire dal caso SNITEM (C-329/16), attualmente pendente davanti alla Corte di Giustizia.

L’applicazione pratica della definizione di dispositivo medico è inoltre facilitata dall’utilizzo dello schema decisionale contenuto nelle linee guida MEDDEV 2.1/6 adottate dalla Commissione europea. Si tratta di un diagramma diviso in sei step inteso ad aiutare gli sviluppatori di software a valutare se i loro prodotti rientrino nella definizione di dispositivo medico. Tali linee guida sono completate da un manuale sui prodotti cosiddetti borderline, il quale viene regolarmente aggiornato e fornisce esempi pratici di prodotti di difficile collocazione. Attualmente, il manuale contiene esempi sia di App considerate dispositivi medici, sia di App che non lo sono.

Una volta accertato che una App è qualificabile come dispositivo medico quali sono le conseguenze? Come qualsiasi dispositivo medico, l’App dovrà rispettare i “requisiti essenziali” dell’Allegato I della Direttiva 93/42/CEE, il principale dei quali è che l’App deve essere progettata e prodotta in modo che la sua utilizzazione non comprometta lo stato clinico o la sicurezza dei pazienti, né la sicurezza e la salute del personale sanitario ed eventualmente di terzi.

La procedura per dimostrare la conformità dell’App ai requisiti essenziali dipende dalla classe di rischio del prodotto, da determinarsi secondo i criteri contenuti nell’Allegato IX della Direttiva. La maggior parte delle App attualmente presenti sul mercato sono considerate a basso rischio, ed i produttori possono autocertificarne il rispetto dei requisiti essenziali. Tuttavia, per alcuni tipi di App considerate a medio rischio (come ad esempio quelle che consentono di monitorare il livello di glucosio nel sangue) è necessario il coinvolgimento di un Organismo Notificato. In ogni caso, l’App dovrà essere marcata CE prima di essere immessa sul mercato.

Un’altra importante conseguenza della qualificazione di un’App come dispositivo medico riguarda la pubblicità. Infatti, in alcuni paesi europei (come l’Italia) è necessario ottenere una specifica autorizzazione per pubblicizzare un dispositivo medico presso il pubblico.

Viste le potenzialità ed i possibili rischi legati al crescente uso delle App mediche, è probabile che la loro regolamentazione conosca una sostanziale evoluzione nei prossimi anni, in particolare in seguito all’entrata in vigore del nuovo Regolamento sui Dispositivi Medici.

Il nuovo Regolamento non stravolgerà l’attuale normativa in materia di App mediche. Ciononostante, introdurrà alcune novità di non poco conto. Ad esempio, il Regolamento dovrebbe chiarire che le cosiddette life-style e well-being App (come le App contapassi) non sono dispositivi medici. Tuttavia, queste ultime rientreranno nell’ambito di applicazione delle mHealth Assessment Guidelines che nelle intenzioni della Commissione dovrebbero contribuire a garantire l’affidabilità e la qualità di quelle App che non rientrano nella definizione di dispositivo medico.

La Commissione europea è inoltre in procinto di adottare un Codice di Condotta sulle mHealth App che, nonostante sia di applicazione volontaria, potrebbe essere particolarmente utile agli sviluppatori per dimostrare il rispetto della normativa sulla privacy. Data la natura sensibile dei dati trattati per mezzo delle App mediche, quello della privacy è uno degli aspetti che più preoccupano le autorità regolatorie e rispetto al quale è ragionevole attendersi attività di enforcement di un certo rilievo. A questo proposito, è bene ricordare che dopo l’entrata in vigore del nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati tali attività potrebbero concludersi con sanzioni anche molto pesanti.

Infine, visto il crescente numero di attacchi informatici in ambito sanitario, è possibile che vengano presto introdotti requisiti specifici e dettagliati in materia di cybersecurity dei dispositivi medici. Tali requisiti già esistono negli Stati Uniti e sarebbe auspicabile la loro introduzione anche in Europa.

Le App mediche restano quindi un tema caldo a cui è bene continuare a prestare attenzione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4