Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Memory Squad - 126° PUNTATA

Brexit

01 Lug 2016

1 luglio 2016

Cronache dal futuro (anno 2333), a cura del docente visionario Edoardo Fleischner per Agendadigitale.eu

Il dottor Annthok Mabiis ha annullato tutte, o quasi, le memorie connesse della galassia per mezzo del Grande Ictus Mnemonico. “Per salvare uomini e umanidi dalla noia totale, dalla Sindrome della Noia Assoluta”, perché le memorie connesse fanno conoscere, fin dalla nascita, la vita futura di ciascuno, in ogni particolare. La Memory Squad 11, protagonista di questa serie, con la base di copertura su un ricostruito antico bus rosso a due piani, è incaricata di rintracciare le pochissime memorie connesse che riescono ancora a funzionare. Non è ancora chiaro se poi devono distruggerle o, al contrario, utilizzarle per ricostruire tutte quelle che sono state annientate, se devono cioè completare il lavoro del dottor Mabiis o, al contrario, riportare la galassia a “come era prima”.

Alla vecchia maniera. Nessun collegamento reticolare. Il 23 di giugno, se quell’anno cade di giovedì.  E nessuna memoria connessa. Tutte staccate tre mesi prima dal dottor Mabiis. Arrivavano alla spicciolata. Puntuali quelli dei pianeti più lontani. Come sempre. Non molti. Come sempre. Forse un milione. Nessun vessillo. Nessun palco. Declivi. Ombre quatte. Arrivano per celebrare. Per ricordare. Discutere. Forse.

L’erba impensierita. Il sole smargiasso.

“Benvenuti tutti! Benvenuto il mio vicino di casa e benvenuti quelli dei pianeti e delle colonie astrali!…”
Parlava con piccola enfasi. Sottovoce. Occhi socchiusi. Labbra correnti. Ascolto cerebrale.

“Ignoranti di tutto il mondo unitevi!” Si alza. Si sgola. Leggiadra. Fantastica. Trema. La montagna dell’abbraccio è la più soave.
“Sìììì! Ignoranti totali!” Si sguarda. Si gonfia. Cupo. Arreso. La spiaggia del nulla è la più accogliete.

“Per millenni ha dilagato il conoscere per deliberare…” lampeggia. Arrocato. Arroccato. I rami si inchinano. Per coglierne i frutti.

“Abbiamo semplicemente invertito il metodo. Una svolta storica!… ci hanno deriso… ci hanno minacciati… ci hanno rinfacciato populismi… pancismi… derivisimi! Ma il capovolgimento ha vinto! Non più conoscere per deliberare, ma deliberare per conoscere…!” Si balza. Si atteggia. Gustato. Il lago del pesco è il più fiorito.
“…Conoscere cosa, amico?” Si sgancia. Si azzarda. Minuscolo. Zanzarico.
“La verità delle conseguenze. Quando nasci non conosci, deliberi, cioè decidi e agisci… il mondo esterno ti restituisce la conoscenza. Se non metti la mano sul fuoco non saprai mai che brucia!” Rimbalza.
“Quando si decide si apprende, si conosce… la verità esiste solo come prodotto dalle decisioni prese…” Incalza.
“Non pontificare amico! Abbiamo vinto da due secoli… non c’è bisogno di umiliarli…”

“In realtà non siamo ignoranti… in realtà non è vero che prima deliberiamo e poi conosciamo… abbiamo i robobrain, ognuno di noi ce ne ha almeno uno. E sono tutti in rete totale! Non siamo ignoranti! Siamo pigri. È la natura umana… deleghiamo tutto ai robobrain, il nostro cervello di comodo…” Sostituiti dai robobrain. Dittatori e populisti. Cumuli di sapienze e competenze. Innestati alla nascita. Senza rigetto. Senza rispetto.

“Lasciamo tranquilli i nostri cervelli… siamo nati senza pensieri… rimaniamo così… col cervello intonso, come appena nati… è il vero stato di totale felicità!” sublima. Canzona. 
“È una piacevole illusione… abbiamo semplicemente delegato la nostra fatica di pensare… come abbiamo affidato ai roboplayer quella di fare il campionato di calcio… e ai robogov quella di governare…” sciorina.
“E noi decidiamo al volo! In un attimo come ci viene in quel momento! D’impulso! È il carpe diem d’ogni secondo! E vediamo l’effetto che fa, diceva un poeta del ventesimo secolo!” pancifica.

“Questo modo di deliberare si chiamava votare di pancia”…”
“Quando è iniziato il tutto?”
“Tre secoli fa, con una votazione, allora si usava ancora votare… si chiamava Brexit”

(126 – continua la serie. Episodio “chiuso”)

edoflei06@gmail.com

  • Attilio A. Romita

    Traversando una desolatamente assolata piazza cittadina il nipotino compitò “BREXIT! The imperial kingdom come back!” orgoglioso titolo che sul giornale locale sottolineava la foto di una fatina dall’ampio cappello color pisello in una sera d’estate.
    Terminata la fatica di una lettura di parole scandite come un rap, il nipotino chiese: “Nonno, chi è Brexit e chi è quella fatina? Che hanno fatto?”
    La risposta fu breve e quasi scandita: “Brexit è una voce piena di nessun pensiero che nasce nelle pance rumorose di troppa birra e la fatina è triste per paura di nuove pance rumorose”.
    Tanti altri pensieri affollavano la testa del nonno: Brexit, un bene o un male?
    Molti, anche pocopensanti, si sono fatti la domanda e cercano invano una risposta che non richiama profondi meandri finanziari.
    Molti altisonanti nullopensanti inneggiano Brexit come la vittoria dei nanetti di Stevensoniana memoria che sono riusciti ad imprigionare Gulliver.
    E’ bello pensare che ognuno possa decidere, è brutto pensare che ognuno non possa decidere.
    E mentre questi pensieri si affollavano, nonno e nipote cominciarono ad attraversare la strada facendo attenzione prima alle auto che venivano da destra e poi a quelle che venivano da sinistra ….furono investiti perché il nonno non ricordava di essere a Stratford-on-Avon.
    Forse non sarebbe successo niente se Brexit fosse avvenuta un anno prima e nonno e nipote avessero mantenuto il loro viaggio in Europa.

  • luba

    La capacità di riuscire a far rientrare qualsiasi evento dell’attualità in Memory Squad denota una capacità narrativa rara. Bisogna aspettare il 2333 per la collettanea degli episodi?

Articoli correlati