intelligenza artificiale

Cheshire Cat: come costruirsi un assistente virtuale open source con l’IA



Indirizzo copiato

L’intelligenza artificiale è diventata parte integrante della nostra vita e attività lavorativa. Cheshire Cat, ideato da Piero Savastano, è un progetto open source che permette a chiunque di creare e personalizzare il proprio assistente virtuale. Integrabile con vari modelli LLM, il framework offre infinite possibilità grazie ai plug-in e alla community di sviluppatori

Pubblicato il 19 giu 2024

Vincenzo Patruno

Data Manager e Open Data Expert – Istat



stregatto

Fra le numerose opportunità offerte dall’intelligenza artificiale, quella di poter interagire con sistemi automatici attraverso linguaggio naturale sta guadagnando sempre maggiore popolarità. È in questo scenario che si colloca Cheshire Cat, un assistente virtuale open source che spicca per la sua versatilità e personalizzabilità. Questa nuova tecnologia non solo offre una vasta gamma di funzionalità, ma si presenta come un vero e proprio framework di sviluppo, alimentato da una community attiva e in costante crescita.

Cheshire Cat AI a Production Ready AI Assistant Framework - Tech talk with Nicola Procopio

Il ruolo crescente dell’Intelligenza Artificiale nella nostra vita

L’IA, del resto, diventerà sempre più parte integrante della nostra vita, del modo in cui “facciamo cose” e in particolare della nostra attività lavorativa. Siamo già e saremo in futuro sempre più integrati con l’IA e arriveremo al punto che non probabilmente ne potremo più fare a meno, vivendo in simbiosi con gli assistenti virtuali basati sull’intelligenza artificiale.

Quello che ha fatto si che oggi l’IA sia diventata popolare, accessibile e utilizzabile da tutti, casalinga di Voghera inclusa, è stata non soltanto la messa a punto degli LLM (e in particolare dei Transformer), ma soprattutto il fatto che l’IA sia stata “vestita” in modo tale da poter assumere varie forme, tra cui anche quella di un chatbot, un assistente virtuale a cui possiamo chiedere praticamente qualunque cosa. E la cosa straordinaria è che non dobbiamo chiederglielo in Python o in altri linguaggi di programmazione, ma semplicemente usando il linguaggio naturale.

Prompt engineering: l’arte di formulare richieste all’IA

Possiamo quindi chiedere all’IA di eseguire un particolare task esattamente come faremmo se ci trovassimo davanti a un esperto o a un professionista che abbia la conoscenza necessaria a svolgere quel determinato compito, rendendo l’interazione con una IA alla portata di tutti.

Certo, è importante fare le richieste nel modo corretto per poter ottenere le risposte appropriate, ed è questa la ragione per cui diventa opportuno apprendere e conoscere bene le varie tecniche di “prompt engineering”. La risposta di una IA dipenderà infatti anche da come viene costruita la domanda. Una traduzione, la scrittura di codice in un determinato linguaggio di programmazione, la sintesi di un documento, la generazione di immagini per una presentazione, la presentazione stessa e tantissimi altri task passano oggi e passeranno sempre più spesso in futuro attraverso richieste fatte agli assistenti virtuali, andando di fatto a potenziare le nostre capacità professionali e creative.

Cheshire Cat: l’assistente virtuale open source

Ma è possibile pensare di costruire noi stessi il nostro assistente virtuale? È possibile in altre parole costruire un assistente virtuale in modo da potenziarlo, aggiungergli funzionalità specifiche e renderlo così più efficace e più adatto a quello che è l’uso che ne vogliamo fare e a quelle che sono realmente le nostre esigenze?

Cheshire Cat è l’idea che nasce dall’intuizione di Piero Savastano, data scientist esperto di Big Data e Intelligenza Artificiale, noto tra le altre cose per essere anche un divulgatore di questi temi sul suo canale YouTube nonché su TikTok. Cheshire Cat (Stregatto) prende il nome da uno dei personaggi del romanzo “Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll ed è un interessantissimo progetto Open Source che si sta rapidamente diffondendo all’interno delle comunità di sviluppatori che cooperano alla crescita del progetto e che sta avendo sempre più successo tra un numero crescente di utilizzatori.

L’idea che sta alla base è quella di poter consentire a tutti, cittadini, professionisti, imprese e pubbliche amministrazioni di “reclamare il diritto di costruirsi in casa e di gestirsi il proprio assistente virtuale”.

Un assistente virtuale non legato a un unico modello di IA

Va detto che lo Stregatto non implementa un particolare modello di intelligenza artificiale ma “vive” al di sopra di essi. Questo vuol dire che una volta installata, l’applicazione può essere configurata per lavorare con uno o più modelli LLM a scelta tra quelli oggi disponibili, connettendosi a essi quando si tratta di eseguire i vari task richiesti dall’utente.

Si tratta in sostanza di un’applicazione indipendente che può essere facilmente installata sul proprio computer e che una volta configurata consente di interagire con gli LLM desiderati attraverso API. Ad esempio, per poterlo utilizzare con GPT è necessario essere in possesso di un’API Key di OpenAI.

Le funzionalità aggiuntive di Cheshire Cat

Questo aspetto presenta il vantaggio di poter aggiungere all’applicazione una serie di funzionalità che non sono invece presenti negli assistenti virtuali di default. Lo Stregatto può ad esempio “ricordare” i dettagli delle conversazioni e delle richieste fatte in precedenza, rendendolo particolarmente efficace nelle risposte da fornire all’utente man mano che le conversazioni si sviluppano e proseguono. Vengono ricordati anche i documenti che vengono caricati nelle conversazioni. In questo modo le risposte terranno conto dei contenuti dei documenti caricati, rendendo l’assistente virtuale particolarmente adatto per poter essere impiegato, ma questo è solo uno dei possibili esempi, all’interno di uffici sia pubblici che privati.

Cheshire Cat come framework: l’utilizzo dei plug-in

In realtà è riduttivo chiamare il “Gatto” un’applicazione. Si tratta infatti di un vero e proprio framework per cui diventa possibile anche aggiungere funzionalità attraverso l’utilizzo di plug-in. Sono diversi quelli già disponibili e pronti per essere installati ma è possibile ovviamente crearne di totalmente nuovi in base alle proprie necessità e avendo la consapevolezza di poter contare sul supporto di una intera community che sta crescendo e che sta maturando attorno a questo progetto.

Cheshire Cat si ispira infatti al funzionamento di Wordpress, il content management system più popolare e utilizzato nel mondo attraverso cui possiamo realizzare di tutto: blog, siti web, e-commerce, siti aziendali di ogni tipo grazie proprio ai tanti plug-in e ai tanti temi disponibili, su cui si è sviluppato un intero mercato. È il meccanismo della coda lunga, dove ci sono progetti giganti attorno a cui si sviluppano schiere di iniziative più piccole. Cheshire Cat può così rappresentare per l’IA e gli LLM quello che Wordpress rappresenta per il Web.

Una community attiva e in crescita attorno a Cheshire Cat

Ci si aspetta quindi che si cominci a parlare sempre più di “Agenti” estensibili attraverso plug-in e non soltanto di LLM, che diventeranno essenzialmente una commodity da utilizzare e su cui costruire nuove funzionalità e nuovi progetti. Partito come un gioco, come un tutorial, dopo un po’ sono arrivati e si sono uniti a Cheshire Cat numerosi sviluppatori indipendenti, tra cui diverse imprese. Si tratta di circa 3000 partecipanti provenienti da varie parti del mondo che è possibile incontrare su Github e Discord, ma anche nei Meetup delle maggiori città d’Europa. Un modo “sano” di vivere l’IA, decentralizzato e legato più a creare e a condividere, nella piena logica Open. Questo è un aspetto molto importante da sottolineare, in quanto è una cosa che in Italia accade raramente.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4