Nuove professioni

Professione science diplomat: cosa fa e come diventarlo

La diplomazia scientifica opera per la cooperazione scientifica internazionale e utilizza la scienza per migliorare le relazioni interstatali: vediamo quali competenze deve avere il science diplomat, i corsi di formazione già esistenti e come incentivarli

24 Ago 2022
Simone Arnaldi

docente di Sociologia generale, Università degli Studi di Trieste

Free image/jpeg, Resolution: 4256x2832, File size: 1Mb, Photo of Soyuz rocket spaceport

La stretta relazione fra scienza, tecnologia e politica internazionale ha contribuito all’affermazione della diplomazia scientifica come campo di ricerca e azione.

La figura del science diplomat è caratterizzata da un profilo ibrido, che supera i confini fra scienza e relazioni internazionali e che, per questo motivo, non trova un corrispettivo negli attuali percorsi di formazione.

L’ampliamento delle opportunità di formazione capaci di offrire una base di conoscenza comune, oltre i diversi e distinti contesti specialistici, appare dunque necessario per sostenere lo sviluppo di questa figura.

Carpini (Maeci): “Perché la diplomazia è cruciale per vincere le sfide dell’era digitale”

Di cosa si occupa il science diplomat

La diplomazia scientifica è un ambito di lavoro ibrido e composito. Secondo una definizione influente, data ormai oltre dieci anni fa dalla Royal Society e dalla American Association for the Advancement of Science (Aaas), include:

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
  1.  l’attività diplomatica finalizzata a facilitare la cooperazione scientifica internazionale,
  2.  l’attività di consulenza scientifica (science advice) alle autorità pubbliche per l’elaborazione di obiettivi e strategie di politica estera,
  3.  il ricorso alla collaborazione fra scienziati e istituzioni scientifiche per migliorare le relazioni fra Stati.

Questa articolata definizione implica il superamento della distinzione fra scienza e politica, e radica la diplomazia scientifica, simultaneamente, in entrambi questi ambiti.

Per il science diplomat è dunque necessario sapersi muovere fra questi due mondi differenti, con la consapevolezza che la partecipazione ad iniziative di diplomazia scientifica non equivale alle attività di collaborazione scientifica internazionale che gli scienziati abitualmente promuovono.

Alla dimensione della collaborazione fra scienziati, esse affiancano infatti l’interazione con le autorità pubbliche allo scopo di contribuire al raggiungimento di obiettivi di politica estera, obbligando il science diplomat a svolgere un’attività di “superamento dei confini”, di intermediazione fra diversi tipi di conoscenza, relativi sia alla scienza che alla politica.

La peculiare natura ibrida di questo ruolo pone quindi il problema di quali competenze caratteristiche debba avere chi lo svolge. Si tratta infatti di un profilo necessariamente disallineato rispetto alle carriere scientifiche tradizionali, ma anche rispetto alla formazione alla diplomazia e alle relazioni internazionali, che, per la loro stessa natura disciplinare, non possono foggiare un profilo che necessariamente le travalica.

I corsi di formazione già attivi

Per formare operatori che possano operare con successo nel campo della diplomazia scientifica, è pertanto cruciale creare nuove opportunità di apprendimento multi- e interdisciplinari, capaci di offrire un patrimonio comune di conoscenze e competenze agli studenti e agli operatori che si affacciano su questo campo, indipendentemente dal percorso specialistico di appartenenza.

Una breve ricerca sul web può mostrare come stia fiorendo un numero significativo di queste iniziative formative, promosse, ad esempio, da organizzazioni internazionali come Unitar o da enti locali come il SciTech DiploHub di Barcellona.

Anche in Italia, troviamo diversi programmi di formazione, realizzati, anche in questo caso, da enti e istituzioni a carattere internazionale, come Twas, da consorzi interuniversitari come Viu, oppure organizzati nell’ambito di collaborazioni fra atenei italiani, come fra Università di Padova e Università di Roma Tre, o su iniziativa di singole università, come l’Università di Trieste.

Non mancano, infine, i corsi di formazione interamente online, come quello progettato nell’ambito del progetto europeo S4D4C.

Formazione del science diplomat: le sfide da affrontare

La diffusione di queste esperienze, all’estero come in Italia, è senz’altro positiva ed indica un crescente interesse per la diplomazia scientifica. Tuttavia, la sfida di contribuire allo sviluppo e al consolidamento di questo ambito di lavoro attraverso la formazione richiede, a mio avviso, di agire in due direzioni in modo da superare alcuni limiti delle iniziative esistenti.

La prima direzione riguarda l’ampliamento del tipo di programmi offerti. Tutti gli esempi prima citati propongono infatti “summer school”, cicli di seminari, singole lezioni o formule didattiche ugualmente brevi.

La scelta di questi modelli così agili risponde senz’altro alle esigenze di formazione continua dell’utenza professionale, ma, per definizione, non può che offrire solo una sommaria e iniziale introduzione alla diplomazia scientifica.

La realizzazione di corsi più articolati, a livello di master o di perfezionamento, potrebbe invece colmare questa lacuna, permettendo di trasmettere una conoscenza più approfondita di questo tema complesso.

La seconda direzione riguarda invece l’introduzione di insegnamenti sulla diplomazia scientifica nei corsi di laurea, soprattutto magistrali, sia nelle scienze “dure” sia nelle scienze sociali e politiche.

L’obiettivo di questa azione è di diffondere sin dagli anni della formazione universitaria la consapevolezza della rilevanza politica della ricerca scientifica nelle relazioni internazionali e, per converso, l’importanza del contesto politico nella cooperazione internazionale fra istituzioni scientifiche.

In questo modo, due percorsi tradizionalmente distinti troverebbero un punto di contatto, contribuendo così a costruire fra gli studenti un patrimonio comune di conoscenze e sensibilità multidisciplinari, che potranno successivamente servire da base per ulteriori attività formative più direttamente finalizzate a formare i science diplomat.

In entrambi i casi, l’università viene chiamata naturalmente in causa come motore principale di queste innovazioni. Traducendole in realtà, essa potrà dare un importante contributo a formare i professionisti e le competenze necessari in un campo la cui rilevanza appare ogni anno più evidente.

WHITEPAPER
8 benefici dell’hybrid work che faranno bene al tuo business
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4