lo scenario

IA e lavoro, verso una nuova era di competenze e servizi: prepariamoci



Indirizzo copiato

Mansioni svolte dall’IA, cicli di sostituzione della forza lavoro, cambiamento delle competenze richieste dal mercato e necessità di una formazione continua. Non si può fermare l’onda dell’innovazione, ma possiamo navigarla e, per farlo, dobbiamo prepararci adeguatamente, sia a livello individuale che collettivo

Pubblicato il 24 apr 2024

Simona Romiti

Change agent Senior Advisor in Programmi ed ecosistemi europei



job_lavoro

Tutti parlano di intelligenza artificiale: le narrazioni più indicizzate espongono le sue molteplici implicazioni legate all’accessibilità, alla complementarietà con l’agire dell’uomo, e ai potenziali rischi associati alla produzione di risultati indistinguibili rispetto alla fonte produttiva.

Le sfide che ci pone davanti l’IA, in particolare quella generativa, sono molteplici e possono essere analizzate con un meta-riflessione progressiva, coerente con le sue caratterizzazioni principali, dirompente rispetto ai tradizionali strumenti di indagine.

IA e lavoro, ancora troppo presto per misurare l’impatto

La missione chiave dell’IA è la disintermediazione: finora abbiamo avuto evidenza di quella spazio-temporale, è tutto qui e ora, ma è quella relazionale, misurata dal rapporto uomo-algoritmo o algoritmo-algoritmo, insieme a quella generazionale, associata all’uso improprio o al non uso dell’IA, che inevitabilmente si ripercuoterà sulla vulnerabilità della capacità lavorativa più esposta ai rischi di produttività, di disuguaglianza dei redditi e di concentrazioni tecnologiche.

Presa singolarmente, senza tener conto di tutte le altre fonti di automazione, l’IA da sola può svolgere un’infinità di compiti in tutti i settori e in tutte le occupazioni.

Finora l’impatto quantitativo sulla domanda di lavoro è stato mitigato da un basso uso di tale tecnologia, sia da parte delle imprese che della Pubblica amministrazione; e dal periodo necessario perché sia pienamente implementata. Un altro fattore di resistenza è legato ai vincoli legislativi per cui le organizzazioni preferiscono fare affidamento su uno “scivolamento” naturale della forza lavoro, fatto di pensionamenti o dimissioni volontarie, piuttosto che sostituire la persona con gli algoritmi.

Per essere visibili e misurabili, i potenziali risvolti richiedono ancora del tempo.

È corretto chiedersi quale è l’impatto dell’IA generativa sull’occupazione, analizzare gli effetti di breve periodo della forza lavoro, ma sarebbe opportuno spingere l’analisi verso i cicli di reintegrazione della struttura occupazionale, studiare le fluttuazioni di valore della forza lavoro rispetto all’età media della popolazione occupata od occupabile, esplorare il tasso potenziale di servizitizzazione -servitization- delle economie.

Automazione, sostituzione, conversione, post-industrializzazione sono processi chiave che disegnano un possibile scenario evolutivo del condizionamento dell’IA sulla domanda di lavoro.

Effetto spostamento: quali attività saranno sostituite dall’Intelligenza artificiale

La prima analisi ci conduce inevitabilmente a valutare l’effetto di spostamento, vale a dire quali attività saranno sostituite dall’Intelligenza artificiale. Secondo uno studio della Goldman Sachs del 2023, in Europa e negli Stati Uniti, nel prossimo decennio, un quarto delle attuali prestazioni lavorative degli impiegati potrebbe essere automatizzato dall’intelligenza artificiale. A livello globale, la percentuale diminuisce al 18% per effetto della ponderazione operata dalle economie in via di sviluppo.

Coerentemente con questa previsione, l’impatto più significativo dell’IA potrebbe manifestarsi sulle professioni “pluriennali”, le cui funzioni principali fanno leva su una conoscenza esperienziale abbinata alla costruzione di contenuti disposizionali- burocratici, informativi, legali, gestionali, etc. Tale risultato è dimostrabile con la velocità con cui gli algoritmi di apprendimento automatico percepiscono, memorizzano e ordinano le informazioni e, per estensione, le decisioni.

L’effetto produttività e l’effetto reintegrazione: cambio delle competenze richieste

Oltre all’automazione c’è la complementarietà. Molte funzioni potrebbero essere completate con l’inserimento di applicazioni di IA, originando l’effetto produttività e/o l’effetto di reintegrazione. L’effetto produttività può tradursi in una espansione della domanda di lavoro per le competenze STEM o in una sua contrazione per le mansioni eseguibili dall’IA, perché ripetitive o a compensazione di una perdita di capacità dovuta all’obsolescenza delle competenze. L’effetto produttività è strettamente connesso al processo. L’effetto reintegrazione è invece legato ai fabbisogni produttivi di nuovi servizi, da qui la progettazione di nuovi compiti e la conseguente creazione di nuovi posti di lavoro. La complementarietà richiede l’acquisizione generalizzata di competenze STEM, di base o avanzate, di abilità di scrittura, e lo sviluppo di abilità comunicative, così come la capacità di innovazione e creatività, la tutela dei principi etici e l’integrità professionale. Questo vale per esempio per i medici, gli operatori sanitari, la formazione, l’intrattenimento, l’arte, il design e i media.

È importante intuire quale dei tre effetti è dominante nella determinazione dei risultati occupazionali. La ponderazione tra gli effetti di sostituzione, produttività e reintegrazione e la comprensione della loro correlazione, può guidare l’analisi dell’evoluzione della domanda di lavoro.

Cicli di sostituzione della forza lavoro e formazione continua

In un orizzonte di medio periodo, l’analisi strategica va spostata sulla frequenza dei cicli di sostituzione della forza lavoro. Il valore del capitale umano, insieme relazionale e produttivo, sarà fortemente condizionato dalla capacità di auto-determinazione con cui l’IA di prossima generazione, per esempio l’AGI -Intelligenza artificiale generale- occuperà sia le funzioni ripetitive che quelle cognitive e predittive. La velocità con cui una base occupazionale può essere convertita dipende dall’età media dei lavoratori, come anche dal sistema formativo pubblico in capo agli Stati e dai processi di apprendimento permanente, messi a sistema dalle organizzazioni private. Già in questa fase è necessario un monitoraggio continuo dell’avanzamento dell’IA e delle altre fonti di automazione rispetto ai tempi e ai costi di attuazione di una funzione.

Il ruolo crescente dei servizi nell’era dell’automazione

Infine, a completamento della riflessione, è importante avere la consapevolezza che i compiti che l’IA sarà in grado di svolgere sposteranno gli investimenti dalla manifattura ai servizi, trasformando di fatto l’industria manifatturiera in fornitori di servizi, sia nelle economie avanzate che nei paesi in transizione. Le sue applicazioni sono destinate a performare i processi produttivi ma soprattutto ad aumentare l’importanza della relazione impresa-cliente, PA-cittadino.

Conclusioni

Da un punto di vista sociale, l’unico rilievo certo è che sostituzione, produttività e reintegrazione produrranno una profonda trasformazione della struttura della forza lavoro, in fatto di funzioni e competenze, e una radicale cambiamento della domanda di lavoro in termini di mobilità orizzontale, da un settore a un altro, o di un trascinamento delle competenze e dei redditi associati verso il basso.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4