psicologia

Dal patriarcato alla società digitale: il declino del padre e le sue conseguenze

Gli studiosi sono pressoché concordi sull’odierno declino della società patriarcale. Nella società digitalizzata, l’accesso al sapere e al potere è stato democratizzato e il padre autoritario e i suoi succedanei hanno poco credito. La funzione di gestire le relazioni e l’angoscia è demandata agli oggetti digitali

10 Set 2021
Roberto Pozzetti

Psicoanalista, Professore a contratto LUDeS Campus Lugano, Professore a contratto Università dell'Insubria, autore del libro 'Bucare lo schermo. Psicoanalisi e oggetti digitali', già referente per la provincia di Como dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia

teoria complessità

Quello che maggiormente viene oggigiorno messo in discussione, sia più estesamente nella nostra società sia in modo circoscritto alla pratica della psicoanalisi, concerne la priorità del legame fra padre e figli nella formazione della soggettività.

La netta disparità fra genitori e figli, la differenza non soltanto generazionale ma anche quanto allo svolgimento dei ruoli fra adulti e minori, stava al cuore dei legami sociali tradizionali. Basti ricordare come, in certe famiglie di una volta, il patriarca diveniva il capo di tutta un’organizzazione allargata che includeva i suoi figli e i suoi nipoti e ci si rivolgeva a lui con il “voi” come rispettoso appellativo. All’epoca vi era anche una notevole differenza di potere fra il padre e la madre, nella maggior parte dei nuclei familiari, con le seconde situate spesso in una posizione subalterna.

La spinta verso la privacy e la difficoltà di ottenerla nell’era digitale

Emancipazione femminile e diritti dei minori: le prime spallate al patriarcato

L’emancipazione femminile ha dato un primo colpo a questa struttura sociale, favorendo un’autonomia delle donne non soltanto a livello economico ma anche in termini culturali e intellettuali. Si formano, dunque, connubi nei quali fra uomo e donna, fra marito e moglie, fra padre e madre vi è una sostanziale parità o quantomeno si tende verso questa parità.

WHITEPAPER
Smart Working: lo stato dell’arte e cosa succede con la fine dello stato di emergenza
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

I movimenti volti alla rivendicazione dei diritti dei minori, anzitutto il movimento studentesco, hanno avuto il loro ruolo nel portare una seconda spinta verso l’uguaglianza. Ora i bambini e soprattutto gli adolescenti sono considerati dei soggetti a tutti gli effetti, le loro istanze vengono ascoltate, i loro pareri accolti con spirito democratico.

Jacques Lacan, in linea con i precedenti studi del sociologo Emile Durkheim, sosteneva che il declino del padre stesse alla radice della grande nevrosi contemporanea. Coglieva inoltre nei nuclei familiari decompletati, nei quali i figli restano con la madre in assenza del padre fin dalla più tenera età, le condizioni favorevoli allo schiudersi delle psicosi. Il padre era considerato da Lacan cruciale per favorire il percorso di sublimazione che eleva la pulsione a mete socialmente accettabili e riconoscibili come la produzione lavorativa oppure l’opera artistica o letteraria.

Oggigiorno, il padre non è più indispensabile neppure per costruire un legame familiare che funzioni in modo efficace. Basti considerare quanto avviene con le donne che creano a tutti gli effetti una famiglia, centrata sull’amore saffico, avvalendosi soltanto dello sperma di un donatore in molti casi di procreazione medicalmente assistita.

La nostalgia del padre

La società contemporanea si caratterizza a volte per una certa nostalgia del padre dei tempi passati. Dinanzi a crisi economiche, al declino dei valori solidi, davanti a forme di godimento poco moderato o persino sfrenato, a contatto con le nuove usanze non manca di farsi sentire un appello al padre che ci avrebbe abbandonato. Il padre è evaporato, come dice Lacan: si tratterebbe dunque di restaurare una società di tipo paterno. Come si stava meglio una volta! Si stava meglio quando si stava peggio!

Con un certo moralismo, sulla scorta di questi dati, alcuni rievocano in maniera nostalgica i tempi passati nei quali l’autorità del padre era centrale e operante nelle famiglie. Si cercano ancora, sebbene più raramente, sostituti paterni nelle organizzazioni religiose o nei partiti politici o ancora nelle istituzioni scolastiche oppure perfino nelle istituzioni totali come le comunità per tossicodipendenti. Una recente serie televisiva come “Sanpa”, reperibile su Netflix, ha il pregio di riportare l’attenzione su questa ricerca del padre di mille figli.

Una, cento, mille “famiglie”

Non è questa la posizione della psicoanalisi anche perché la persona del papà va distinta dalla funzione simbolica del padre che è determinata, in fondo, dal campo del linguaggio.

Figura eminente se non addirittura fondatore della moderna sociologia è considerato il francese Durkheim. Egli studiava le rappresentazioni collettive che coinvolgono un gruppo sociale regolato, attraverso una posizione da osservatore esterno, in modo tendenzialmente imparziale. Si occupava di studiare i fatti sociali e le credenze collettive, tipiche della maggior parte delle persone di una certa società. Società che viene considerata come un organismo non strettamente riconducibile alla somma degli individui dai quali è composta: la società è qualcosa in più dell’insieme dei suoi singoli membri. La responsabilità di quanto avviene in un collettivo deriva dal gruppo stesso, dalle dinamiche di questo ambito e non soltanto dal soggetto che ne fa parte. Durkheim si è occupato dello studio della famiglia che va disgiunta dai suoi aspetti biologici: come scritto sopra, vi sono e vi sono sempre state famiglie che nulla hanno a che fare con l’organizzazione biologica basata su madre, padre e bambini. Nell’antica Roma, prevaleva la gens, composta da individui con lo stesso cognome e la stessa discendenza (gens Flavia, gens Fulvia, eccetera): la potremmo accostare ai moderni clan; in seguito, si sviluppa la più ristretta famiglia agnatica ovvero un’aggregazione formata da più famiglie; si giunge poi alla famiglia basata sulla patria potestà con genitori e figli; infine, si riscontra la famiglia normata dallo Stato, che Durkheim definisce “famiglia coniugale”. Ai tempi nostri incontriamo appunto inedite configurazioni familiari come le cosiddette “famiglie arcobaleno”, con due mamme oppure due papà, che dimostrano ancor più palesemente quanto il contesto familiare prescinda dai dati di fatto biologici.

I limiti della sociologia

Diventa impossibile cogliere effettivamente il soggetto utilizzando soltanto il vertice della sociologia. Si moltiplicano tuttavia le letture dei cambiamenti socio-culturali dal vertice sociologico. Ecco, allora: la società dell’incertezza e la società liquida di Bauman; la società dei consumi per citare il titolo di un famoso e interessante libro di Baudrillard; la società dello spettacolo di un Guy Debord in una prospettiva tendenzialmente marxista; la società della vetrinizzazione come concetto proposto pochi anni or sono da Vanni Codeluppi dal momento che vi sono sempre più oggetti in vetrina nelle forme della pubblicità e ci si pone spesso in vetrina come i social più diffusi fra le nuove generazioni mettono palesemente in evidenza; la società del rischio di Ulrich Beck; la società della trasparenza di Byung-Chul Han.

Non che non siano interessanti queste costruzioni sociologiche, non che non scorgano qualcosa di peculiare. Basti considerare il valore ai fini del nostro lavoro dell’estensione dell’accesso agli oggetti di consumo e la dimensione assunta dallo spettacolo, in un mondo che affianca al teatro e agli schermi televisivi i dispositivi digitali dei quali tutti siamo dotati. A proposito dell’opulenta società dei consumi, in cui gli uomini sono circondati da oggetti più che da altri esseri umani e cui produrre degli oggetti diviene meno importante che consumarli, Baudrillard nota come la felicità viene sempre più collegata alla possibilità di consumare; vi è il mito dell’uguaglianza in quanto tutti hanno diritto di consumare: “bisogna che la felicità sia misurabile. Bisogna che sia un benessere misurabile in base ad oggetti e a segni”. Secondo Baudrillard, l’epoca contemporanea si basa su una simulazione, su un inganno per cui i prodotti, i beni di consumo, gli oggetti disponibili vengono utilizzati per darsi un’immagine e rivestire così il reale.

Vi sarebbero migliaia di modi di leggere i cambiamenti sociali facendone un paradigma generale. L’applicazione di queste letture sociologiche alla psicoanalisi lascia comunque a desiderare.

L’epoca del digitale non è peraltro più quella della società liquida; non lo è più anche in quanto il digitale lascia traccia, lascia una traccia indelebile. La nostra identità diventa sempre più spesso un’identità che si costruisce sul web, anzitutto sui social, comunicando le nostre informazioni anche più intime e private selezionandole in base alle opzioni relative alle informazioni sulla privacy. A volte, questo avviene inconsapevolmente come nei casi di giovani e giovanissimi i quali fanno circolare in rete immagini e informazioni su di sé, anche molto intime, senza considerare i rischi che tutto questo implica. Il fenomeno del sexting, nel quale vengono inviati brevi video o foto piccanti senza considerare il rischio di una divulgazione di questi dati nelle forme del revenge porn, ne costituisce una delle forme più eclatanti. In termini lavorativi, invece, molti giovani dimenticano la consuetudine di alcuni professionisti che si occupano di risorse umane di andare a sbirciare i profili social dei candidati con il rischio di lasciar trapelare informazioni su di sé che potrebbero diventare compromettenti.

Dal padre agli oggetti

Il declino della società patriarcale, probabilmente inesorabile, fa emergere la rilevanza dell’oggetto in psicoanalisi. Si tratta di una tesi ampiamente sviluppata dagli psicoanalisti francesi Eric Laurent e Jacques-Alain Miller. Nella psicoanalisi non è nuovo il tema del rapporto con l’oggetto. Molti analisti nella storia della psicoanalisi si sono ampiamente dedicati al rapporto con l’oggetto. Dopo Freud, lo hanno fatto suoi eminenti allievi come Karl Abraham e hanno ampiamente sviluppato questo argomento Melanie Klein con il concetto di oggetto buono/oggetto cattivo e Winnicott con il celebre oggetto transizionale del bambino che può essere un peluche oppure una copertina di Linus oppure un giochino. Freud ne scrive, fra l’altro, nei suoi saggi sulla teoria sessuale. Osserva la rilevanza dell’oggetto sin dalla primissima infanzia, quando il soddisfacimento sessuale del bambino è collegato all’assunzione di cibo e “la pulsione sessuale aveva un oggetto sessuale al di fuori del proprio corpo nel petto della madre”.

L’oggetto è ciò con cui il soggetto si relaziona: vi si relaziona in una dimensione di desiderio, di ricerca di piacere e talora di godimento. L’oggetto determina in buona parte il soggetto; infatti, è l’oggetto a causare la mancanza nel soggetto. Senza un oggetto, il soggetto non sarebbe neppure vivificato. Si tratta allora di capire se gli oggetti della contemporaneità abbiano qualcosa a che vedere con il fondamentale oggetto causa del desiderio, velato e rivelato dalle operazioni interpretative.

Le funzioni degli oggetti digitali

Nella nostra società, tecnologicamente avanzata, gli oggetti causa di godimento prescindono in larga misura dalle zone erogene del corpo. Non è affatto indispensabile accedere a qualcosa del godimento direttamente attraverso il corpo proprio né tantomeno a livello sessuale. I modi per giungere al godimento si dimostrano dunque molteplici e i dispositivi economici delle aziende industriali sono spesso implicati in questo.

Gli oggetti digitali hanno acquisito un valore inedito per lo svolgimento di molte attività professionali e per assicurare la reperibilità delle persone care. Del resto, da tempo, per qualunque esigenza, il ricorso alla navigazione sui motori di ricerca costituisce una modalità del tutto consueta al fine di orientarsi nella propria esistenza quotidiana. Gli oggetti digitali assolvono anche funzioni di svago, di divertimento, di ricerca di piacere come si può cogliere nei molteplici usi che se ne fa: essi vanno dai giochi online all’intrattenimento sui social, dalla pornografia ai siti di incontro. Molteplici sono le funzioni del digitale, che si struttura sull’asse del linguaggio, secondo l’alternativa binaria fra 1 e 0. Ricordiamo che digitale deriva da digit, cifra in inglese oltre che dal latino digitus cioè dito; significativo è il termine francese numérique che traduce appunto la parola digitale. Gli oggetti digitali sono strutturati dal campo del linguaggio e hanno la funzione di padroneggiare il linguaggio stesso così come le relazioni sociali. Il vocabolo francese ordinateur si dimostra in questo più efficace dell’inglese computer per indicare l’opportunità di mettere ordine, nel mondo esterno ma anche nella propria mente, attraverso l’organizzazione offerta dai dispositivi digitali. I passaggi ricorrenti per compiere un’operazione, i meccanismi sempre riproponibili che caratterizzano le connessioni al web si dimostrano in questo emblematici. Le relazioni erotiche e affettive instaurate su Internet appaiono eclatanti nel dimostrare il tentativo, per quanto illusorio e friabile, di maneggiare da una posizione di padronanza questi scambi ben sapendo che vi è sempre l’opportunità di disconnettersi, di rimuovere dagli amici o di bloccare il profilo di qualcuno se il livello di angoscia o di sofferenza sale oltre il livello di guardia e quando diviene intollerabile. Ogni essere umano ha il diritto di difendersi dall’inquietudine e dal dolore, provando a lenirlo.

La società digitalizzata vede un declino di forme di comunicazione da uno a molti, tipiche di sistemi più autoritari, come il comizio in piazza o il discorso alla radio e alla televisione del leader politico sostituto del padre. In quel caso, la comunicazione era verticale; dall’alto della gerarchia si parlava a chi si trovava alla base: era la voce del padrone. Tende oggi a dissolversi il punto centrale della comunicazione. Byung-Chul Han, filosofo di origine coreana ma che insegna a Berlino, che si è interessato a questi argomenti nei suoi libri. La società della trasparenza e nello sciame. Visioni del digitale, sottolinea come la connessione digitale favorisca la comunicazione simmetrica. Siamo nell’epoca di scambi orizzontali, fra persone pari grado.

Vi è una democratizzazione dell’accesso al sapere e al potere. Il padre autoritario e i suoi succedanei hanno solitamente poco credito oggigiorno. L’assenza di questo riferimento ideale, che faceva da raccordo di un’organizzazione formale i cui prototipi per Freud erano Esercito e Chiesa, favorisce il posizionarsi di ciascuno come individuo isolato anziché come membro di un’istituzione. Se Byung-Chul Han sembra esprimere un certo giudizio morale sulla società digitale, che definisce come senza cuore e volta allo sfruttamento e al profitto, la posizione dello psicoanalista sta nel sospendere il giudizio. Accogliamo gli esseri umani della società contemporanea, riscontriamo queste novità, riconosciamo che il digitale sta determinando una sorta di rivoluzione e ci asteniamo da qualunque moralismo.

Conclusioni

Salvo eccezioni, gli studiosi concordano sull’odierno declino della società patriarcale che ha visto un certo superamento della figura del pater familias. Molti sono i tentativi di inquadrare le nuove forme di legame sociale, puntualizzandone a volte la liquidità, altre volte il consumismo, altre volte ancora la trasparenza o la vetrinizzazione. Al centro delle società contemporanee, nel mondo tecnologicamente avanzato, vi sono comunque gli oggetti digitali con la loro funzione di gestire le relazioni e l’angoscia.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati