il premio nobel

Giorgio Parisi, una risorsa preziosa che l’Italia non ha saputo sfruttare (ma si può rimediare)

Di occasioni in cui sarebbe stato utile il parere di una persona come Giorgio Parisi l’Italia ne ha avute nei decenni in cui il Premio Nobel è rimasto a lavorare a Roma. Eppure, a nessuno è venuto in mente di coinvolgerlo delle decisioni importanti e ci accorgiamo solo ora di avere un genio in casa

21 Ott 2021
Massimo Bernaschi

Istituto Applicazioni del Calcolo, CNR

giorgio parisi

Il grande pubblico ha scoperto solo martedì 5 ottobre 2021 di avere un genio in Italia, quando l’Accademia Reale delle Scienze Svedese ha annunciato i vincitori del premio Nobel 2021 per la fisica, assegnato a Giorgio Parisi insieme a Syukuro Manabe e Klaus Hasselmann.

Premetto che quando si tratta di Giorgio Parisi non posso essere neutrale. Ho avuto la fortuna di essere studente e l’onore di collaborare con lui, anche molto recentemente[1]. Per quelli come me, il fatto che gli sia stato assegnato il Nobel è normale. Attenzione, non scontato (basta ricordare, come ha fatto Parisi stesso, quello che è successo con Nicola Cabibbo), ma normale perché sapevamo che il numero e il livello dei contributi dati da Giorgio Parisi alla fisica lo ponevano sicuramente tra i migliori teorici al mondo (come ha ben descritto Enzo Marinari)[2].

Classico o quantistico purché sia ottimo: problemi “Qubo” e possibili soluzioni

Giorgio Parisi, una risorsa preziosa mai coinvolta nelle decisioni importanti

Da qui vorrei far partire le mie considerazioni. La prima è che Giorgio Parisi non è bravo. Di persone brave, anzi bravissime, veloci, precise, etc. ne ho conosciute tante ma Giorgio Parisi non è niente di tutto questo. È in una categoria a parte in cui ci sono talmente poche persone che potrebbero, anzi direi dovrebbero, essere ben note a tutti quelli che prendono decisioni importanti, soprattutto in un paese come l’Italia che non brilla per cultura tecnico-scientifica (nessun intento polemico, si tratta di una semplice constatazione).

WHITEPAPER
Mobilità sostenibile: una guida a progetti, incentivi e ruolo chiave di sharing e veicoli elettrici

Persone come Giorgio Parisi sono risorse preziose non solo per la capacità tecnica, ma anche perché hanno una speciale passione per risolvere i problemi. Io non so se Parisi sarebbe stato interessato a essere coinvolto attivamente in processi decisionali, ma il punto è che a nessuno è venuto in mente di chiederglielo, prima che qualcuno da Stoccolma ci suonasse la sveglia, e forse anche adesso. Chi, tra i decisori, sa chi potrebbe essere veramente utile coinvolgere quando si tratta di prendere decisioni in cui c’è una componente scientifica o tecnica non banale? Non sto parlando di sapere chi invitare a una trasmissione televisiva, ovviamente.

La richiesta inascoltata di accesso ai dati riservati

Adesso che Giorgio Parisi ha vinto il Nobel, (ri)spuntano fuori vari interventi in cui Parisi, chiedeva, come Presidente dell’Accademia dei Lincei, non come privato cittadino, come pure sarebbe stato suo diritto, un accesso a quei dati che erano riservati, per ragioni mai del tutto chiarite, solo ad alcune persone/gruppi. Non si è mai capito da chi e sulla base di quale criterio di capacità fosse stata fatta la scelta. Alla fine, grazie anche all’azione di Parisi, i dati sono stati resi disponibili a vari altri gruppi ed enti (anche se con una serie di vincoli e con incomprensibili ritardi temporali) oltre che ai primi gruppi beneficiari. A scanso di equivoci, non sto dicendo che quelle persone fossero incapaci, ma non rendere immediatamente disponibili e nella forma più completa i dati a Giorgio Parisi fornisce una chiara misura di quanto sia scarsa la capacità dei nostri decisori di valutare quali siano le migliori risorse intellettuali disponibili nel Paese, soprattutto in un momento di difficoltà.

L’esempio della commissione Rogers negli Usa

Emblematico di quello che succede da altre parti, è un fatto accaduto negli Stati Uniti 35 anni fa. Nel gennaio del 1986 ci fu uno dei più gravi incidenti nella storia delle esplorazioni spaziali: l’esplosione dello Shuttle dopo appena 73 secondi dal decollo. Della commissione Rogers (dal nome del presidente della commissione stessa) incaricata di investigare le ragioni del disastro, faceva parte Richard Feynman, premio Nobel per la fisica nel 1965 per il suo fondamentale contributo allo sviluppo dell’elettrodinamica quantistica (premio diviso con Schwinger e Tomonaga). Sorvoliamo sul fatto che la commissione concluse i suoi lavori in meno di 6 mesi. Il modo di lavorare di Feynman[3] fece, come si dice, la differenza, anche se Feynman non era uno specialista di voli spaziali ma soltanto una mente eccezionale, con un amore infinito per la risoluzione dei problemi e senza vincoli di appartenenza, se non alla categoria dei geni. Presidente degli Stati Uniti era Ronald Reagan, non certo il presidente ideale per una persona come Feynman (ed è molto probabile che Reagan lo sapesse).

Non voglio fare un confronto tra Richard Feynman e Giorgio Parisi (alcuni lo considererebbero un sacrilegio) e neanche mi auguro ci sia nel futuro una sciagura in cui mettere alla prova le capacità di Parisi, ma occasioni in cui sarebbe stata utile una persona come Giorgio Parisi l’Italia le ha avute sicuramente nei decenni in cui è rimasto a lavorare a Roma. Nel caso di Parisi, infatti, non ci si può neanche rifugiare nel solito ritornello “… peccato che lavori all’estero”. Il solo fatto di aver provato a coinvolgere seriamente una persona come Parisi avrebbe fatto onore ai decisori di qualunque schieramento politico. Come già scritto, non posso sapere se Parisi avrebbe accettato, ma sono sicuro che se avesse accettato avrebbe lavorato con lo stesso entusiasmo e straordinarie capacità che ha messo in altre imprese che potevano sembrare lontane dal suo specifico campo di competenza, come nello sviluppo del computer APE. Parlo di lavorare concretamente a un problema e non semplicemente di rilasciare una dichiarazione su questo o quel tema (Parisi, tra l’altro ha sempre espresso le sue opinioni in maniera chiara e coerente).

Conclusioni

Qualche commentatore ha scritto che Giorgio Parisi corre adesso il rischio di trasformarsi in un “guru tuttologo” lasciando intendere che c’è troppo clamore mediatico intorno a lui. Invece di rammaricarsi di non aver sfruttato (in senso positivo) le sue capacità, ci si preoccupa adesso che possa comparire troppo sugli organi di informazione. Sembra che si abbia quasi paura che la sola competenza (eccezionale nel caso di Parisi) possa permettere di risolvere problemi. Può cambiare qualcosa dopo questo premio? Non dico per Giorgio Parisi che avuto semplicemente quello che meritava (da tempo), ma per il Paese? Chi di dovere lo dimostri concretamente. Se qualcosa cambierà dovremo essere grati a Giorgio Parisi (e all’Accademia Reale delle Scienze Svedese) anche di questo.

Note

  1. https://www.agendadigitale.eu/mercati-digitali/classico-o-quantistico-purche-sia-ottimo-problemi-qubo-e-possibili-soluzioni/
  2. https://www.scienzainrete.it/articolo/parisi-nobel-magistrale-fra-storia-individualit%C3%A0-e-contaminazioni/enzo-marinari/2021-10-18
  3. https://en.wikipedia.org/wiki/Rogers_Commission_Report#Role_of_Richard_Feynman
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati