Dal CES 2023

Hi-tech, servizi e tendenze da tenere d’occhio nel 2023

Dalla realtà virtuale alla cosmesi tech, passando dalle auto elettriche e le criptovalute: dal Ces 2023, uno sguardo privilegiato a quelli che saranno i trend su cui concentrarsi quest’anno e in quelli a venire

Pubblicato il 19 Gen 2023

Maurizio Stochino

Consulente ICT - Esperto di Sicurezza Informatica

diversity-at-ces-2023-600x334

La Fiera CES 2023, dopo due anni di stop per pandemia, è tornata a essere uno di quegli eventi irrinunciabili se si vogliono intravedere le tendenze che si svilupperanno nel corso dell’anno.

Esaminiamo dunque quali sono stati i maggiori trend mostrati durante la fiera, a cosa è stato riservato più spazio e su cosa sarà meglio concentrarsi durante il 2023.

Tecnologie digitali del 2023: le sfide strategiche per le aziende

La realtà virtuale

Più che di un trend completamente nuovo, si tratta di uno ormai tradizionale per questo genere di fiere. Non parliamo unicamente della Fiera CES 2023, che si dimostra comunque una delle più particolari e tecnologicamente avanzate, ma anche di tantissimi altri eventi svolti nel settore HiTech. Il settore della realtà virtuale non si può di certo considerare un trend dell’ultimo anno e nemmeno degli ultimi due. Che piaccia o no, si tratta di un trend ormai evergreen, in atto da tantissimi tempo, tant’è che sempre più aziende cercano, da vari anni ormai, d’impiegare le proprie risorse nello sviluppo di tecnologie adatte. Non a caso, i dispositivi della realtà virtuale crescono di numero e migliorano costantemente. Si cerca costantemente di rendere questo settore più completo, più aperto all’utilizzo da parte degli utenti. La realtà virtuale, insomma, viene sviluppata costantemente ed è in dubbio che resterà un trend in vigore anche per ii prossimi anni. Tutto ciò che occorrerà fare sarà sfruttarne le immense potenzialità.

WHITEPAPER
Hybrid Workplace: realizzarlo in 5 step con la giusta tecnologia
Networking
Risorse Umane/Organizzazione

Lo sviluppo del Metaverso

Il progetto Meta, presentato in passato da Mark Zuckerberg, è un altro trend che bisognerebbe seguire con un occhio di riguardo. Non solo per quanto concerne la trasformazione di Facebook in Meta, ma anche in relazione alla creazione del Metaverse, un’unione di vari metaversi che, in aggiunta all’utilizzo dei dispositivi di realtà virtuale, potrebbero creare un universo digitale unico nel suo genere. Anche da questo punto di vista le applicazioni e gli utilizzi possono essere così vari e differenti da creare un certo imbarazzo. Per esempio, Meta proverà a usare il famoso visore VR Oculus Quest, anch’esso appartenente alla categoria dei dispositivi collegati al campo della realtà aumentata, e cercherà di attirarsi le attenzioni di sempre più clienti, provando a spingerli all’acquisto. A confermare la tendenza di Meta a evolvere ulteriormente il suo progetto Meta ci hanno pensato anche diversi recensori e numerosi tester, non solo nel corso del CES 2023, ma anche durante tutto il 2022. E, sembra, che continueranno a farlo per tutto il 2023, perché è innegabile che si tratti di un tema ancora oggi estremamente popolare, sulla bocca di tutti.

Ovviamente, lo sviluppo del Metaverso riguarderà anche tutt’una serie di altre aziende, che cercheranno di prendere parte allo sviluppo della prossima generazione di Internet, il non meno famoso Web3. In tale fase prenderanno piede un gran ventaglio di tecnologie, di software, ma anche di tecnologie come NFT, Blockchain, di hardware per la realtà mista e di molto altro ancora. L’internet, a detta degli stessi appassionati di Web 3.0, dovrebbe diventare molto più decentralizzato, con meno limiti, più facilmente accessibile al grande pubblico e più disponibile in tutto il mondo. Si tratta di piani e progetti molto fantasiosi, anche piuttosto creativi, ma già con una certa popolarità. Quindi il Web3 è anche uno di quei trend che bisogna seguire per tutto l’anno successivo, in modo da capire anche cosa esso ci possa riservare e quali siano i suoi punti maggiormente vantaggiosi. Per esempio, seguendo lo sviluppo del Web3 si potrà scoprire che, a differenza di quanto avveniva in passato, non saranno più i giganti della tecnologia a detenere le chiavi della vita online delle persone. Ognuno, insomma, potrà allontanarsi dalla solita concentrazione del Web anche grazie allo sviluppo d’idee particolari, come quelle relative al Metaverso. Il tutto a patto di riuscire a fare un passo nel futuro, utilizzare le nuove tecnologie e lasciarsi trasportare dai software più innovativi collegati allo sviluppo del Web3.

Le criptovalute

Nonostante i grandi problemi registrati con una delle maggiori piattaforme di criptovalute, FTX, l’argomento è comunque stato presente durante tutta la fiera del CES 2023, sebbene in misura minore rispetto a quanto sarebbe stato possibile prevedere. E sebbene in un certo senso l’interesse verso le criptovalute stia comunque calando, non sarebbe difficile capire che anche nel 2023 si tratterà di un argomento decisamente molto importante. Non a torto, si direbbe, perché nonostante i vari problemi registrati nel corso dell’anno, vi sono state comunque diverse piattaforme che hanno avuto un notevole successo. Nel corso del CES 2023 le criptovalute hanno quindi rappresentato una di quelle tematiche degne di note, anche se un po’ controverse. Sono stati presentati dei nuovi hardware per detenerle, oltre ad alcuni annunci relativi alla nascita delle nuove valute digitali negli anni a venire. Si prospetta, insomma, un ulteriore sviluppo del settore collegato alle valute digitali non solo nel 2023, ma persino nel 2024. Tutto ciò che bisognerà fare è riuscire a prevedere lo sviluppo del mercato, intuire in quale direzione potrebbe muoversi e quali saranno le nuove criptovalute più interessanti che verranno immessi sul mercato.

Dispositivi per lo Smart Working

Da non dimenticare nemmeno un altro trend che nel 2023 sarà particolarmente forte: parliamo dei dispositivi per lo smart working, creati proprio durante il pieno infuriare della pandemia, che usciranno sul mercato solo nel prossimo anno. Device di vario genere, da quelli a bassa tecnologia fino ai dispositivi altamente tecnologici, grazie ai quali sarà possibile aumentare ulteriormente la qualità del lavoro svolto a casa. Il tutto a costi non troppo elevati e, anzi, fornendo alle persone la possibilità di ottenere numerosi device tecnologici a un costo sobrio ed equilibrato. In particolare, l’attenzione si è concentrata sui dispositivi di comunicazione, sulla creazione di stanze virtuali per il lavoro, sulla possibilità di chiamarsi, guardarsi, di scambiarsi i compiti lavorativi e così via. Per dirla brevemente, si tratterà di oggetti che potranno avvicinare le persone, facilitare lo svolgimento dei compiti lavorativi e, al contempo, di dare la possibilità di aumentare la qualità del lavoro effettuato da casa.

Sistemi per la smart home

Ma non è unicamente il lavoro quell’aspetto su cui si concentrerà lo sviluppo delle tecnologie nel prossimo anno. Tutt’altro! Un altro settore di cui bisognerà ricordarsi e che è stato ampiamente trattato nel corso del CES 2023 riguarda i sistemi domotici per la vita nella casa intelligente. Parliamo di tutte quelle tecnologie che permetteranno alle persone di vivere in una maniera decisamente più confortevole: sono tecnologie, accessori, dei piccoli device che aumenteranno la qualità della vita negli spazi domestici. Come accade anche per i device di altri settori, i dispositivi presentati all’attenzione della clientela non sono affatto pochi e ognuno avrà modo di scegliere quelli che si addicono meglio alle proprie esigenze abitative. A queste soluzioni se ne aggiungono anche tantissime altre, molte delle quali sono collegate direttamente alla sicurezza dell’abitazione: sensori, protezioni con l’utilizzo di particolari tecnologie innovative e quant’altro ancora. Anche in questo senso, insomma, le innovazioni di certo non mancheranno.

Automobili elettriche

Un altro tema caldo di tutto l’anno precedente è stato relativo all’utilizzo di auto elettriche. E sebbene anche in questo caso non si possa parlare di un trend univoco unicamente per il 2023, bensì di un evergreen di cui si parla ormai da qualche anno, proprio nel 2023 lo sviluppo di queste auto dovrebbe godere di una bella spinta in tutti i sensi. Durante il CES 2023, in particolare, sono state presentate varie tecnologie da abbinare all’utilizzo delle macchine elettriche di numerose tipologie e forme differenti. Senza dimenticarsi che, ormai da qualche anno, il mercato si muove in una direzione ben precisa: quella del costante sviluppo di queste auto, anche per quanto concerne il regime di alimentazione. Perciò durante la fiera è stato accennato anche alle auto elettriche che si potranno ricaricare grazie ai pannelli fotovoltaici e in questo modo viaggiare anche senza il bisogno di effettuare delle fermate per la ricarica. Un altro trend sembra quello relativo ai costi: il numero delle auto elettriche sta progressivamente aumentando e ormai è possibile comprare degli ottimi veicoli anche senza il bisogno di dover necessariamente spendere troppo.

Trend nel settore ecologico

Nonostante la fiera venga sicuramente dedicata alle nuove tecnologie, e quindi al consumo, l’ambiente circostante è un altro argomento di notevole importanza. Qui occorre ricordarsi di tantissime novità particolari, spaziando dai gadget realizzati per la pulizia dei corsi acquatici, per finire con le applicazioni che aiuteranno le persone a diminuire la quantità di energia utilizzata per i loro bisogni. Già oggi numerose compagnie rifiutano l’idea di utilizzare la plastica iniziando a preferire materiali biocompatibili. Molte aziende, inoltre, cercano di ridurre le emissioni di CO2, anche usando delle applicazioni innovative che permettono d’individuare la fonte degli sprechi.

L’avanzata dei nuovi oggetti ipertecnologici

Ovviamente, una fiera Hi-tech non sarebbe tale per davvero se non si concentrasse anche su tutto ciò che riguarda la produzione di nuovi oggetti ipertecnologici. Perciò durante la Fiera CES 2023 all’attenzione dei clienti è stata presentata una larga gamma dei display, tra cui è stato annunciato anche quello con la risoluzione in 5K, in grado di migliorare l’immagine, aumentare la nitidezza dei colori e in genere di aumentare la qualità della riproduzione video. Da questo punto di vista, il trend generale del settore tecnologico sembra effettivamente molto chiaro: il mondo si sta dirigendo in una direzione ben precisa ed è quella relativa alla produzione di gadget con degli ampi display installati sugli stessi. Per esempio, sono state annunciate anche delle innovazioni per le auto, tant’è che negli anni a venire aumenterà il numero dei veicoli che includeranno dei display anche sulle parti posteriori dei sedili. E questo trend riguarderà, probabilmente, anche molti elettrodomestici: lavastoviglie, forni, lavatrici e così via. “Intrattenimento ovunque!” – è il motto che caratterizzerà a pieno l’anno a venire.

I prodotti hi-tech nella cosmesi

Non è ancora sviluppato così tanto come gli altri trend, ma rappresenta comunque un argomento di notevole importanza, perché potrebbe caratterizzare lo sviluppo futuro della tecnologia. Di cosa si tratta precisamente? Di una tendenza che cerca di rinnovare il mondo della cosmesi, unendo le tecnologie a oggetti di uso comune, come i rossetti. Ancora è presto per capire quale sarà la forma che il mercato assumerà negli anni a venire, ma senz’altro si tratterà di soluzioni particolari, tant’è che già oggi tante compagnie cercano di apportare un qualcosa di proprio agli oggetti legati al campo della cosmesi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3