Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Il grafico

I dati sul disastro dell’export: quando l’Italia ha perso il treno di internet

di Francesco Sacco, università Bocconi di Milano

24 Ott 2016

24 ottobre 2016

Il 1995 è cominciato l’inizio della fine per l’export italiano. E’ quanto risulta da uno studio che ho condotto sui dati di settore, i quali ci dicono che l’export italiano è cresciuto solo del 150 per cento negli ultimi vent’anni. Meno della metà di Germania e Usa e un decimo della Cina. 

Il dramma parte appunto dal 1995, quando inizia l’era di internet: non è una coincidenza, a mio avviso. Abbiamo perso il treno del digitale, ne stiamo pagando le conseguenze, e questi dati lo dimostrano.

 

 

 

 

 

 

  • Alberto

    Mi scusi, ma il treno del digitale direi che c’entri poco.
    Che cosa si dovrebbe esportare, quando il settore industriale e manufatturiero è in caduta libera? Quando le fabbriche chiudono e il nostro diventa perlopiù un paese di terziario e servizi (scadenti)?

Articoli correlati