la lettura

I ricchi sono sempre più ricchi e a noi va bene così: il grande inganno del gigacapitalismo

Basterebbe una piccola quota dei profitti delle multinazionali e della ricchezza dei miliardari e redistribuirla per ottenere investimenti in istruzione e salute dieci volte superiori agli attuali aiuti internazionali. Eppure, si torna a parlare di flat tax. Le riflessioni del libro “Gigacapitalisti” di Riccardo Staglianò

09 Set 2022
Lelio Demichelis

Docente di Sociologia economica Dipartimento di Economia- Università degli Studi dell’Insubria

capitalismo2

Avete presente Re Mida, il mitico re della Frigia, celebre per la sua capacità di trasformare in oro qualsiasi cosa toccasse? O avete presente zio Paperone che nuota felice nell’oro del suo mega-forziere mentre Paperino e Qui, Quo, Qua lo guardano? Oggi siamo oltre Re Mida e oltre zio Paperone.

Ora abbiamo i gigacapitalisti e noi li guardiamo affascinati e insieme arricchendoli sempre di più, noi invece impoverendoci sempre di più e senza reagire (ovvero, i ricchi sono sempre più ricchi per una sorta di lotta di classe a rovescio – ne hanno scritto ad esempio Luciano Gallino e Marco Revelli – che dura da quarant’anni). Gigacapitalisti è anche il titolo dell’ultimo libro (Einaudi) di Riccardo Staglianò, giornalista del Venerdì di Repubblica, sempre molto attento a tutto ciò che è web o deriva dal web e dalle nuove tecnologie/piattaforme – e ricordiamo, tra gli altri, i suoi volumi “Al posto tuo. Così web e robot ci stanno rubando il lavoro”, del 2016; “Lavoretti. Così la sharing economy ci rende tutti più poveri”, del 2018.

Cosa ci salverà dal tecno-capitalismo? Due esempi di cosa rischiamo col “governo” degli algoritmi

Chi sono i gigacapitalisti

Gigacapitalisti al posto dei vecchi e più poveri megacapitalisti, dunque. Diventati ricchissimi dopo quarant’anni di neoliberalismo e di tecno-capitalismo e diventati ancora più ricchi grazie alla pandemia, con Jeff Bezos – che lotta con Elon Musk per essere il più ricco del mondo – che proprio grazie alla pandemia ha aggiunto altri 80 miliardi di dollari al suo gigapatrimonio.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

E già questo dovrebbe porci qualche problema in termini di ciò che un tempo – ma ne abbiamo perso il significato dopo appunto quarant’anni di egemonia del pensiero neoliberale egoista e anti-sociale – si chiamava giustizia sociale, redistribuzione della ricchezza, etica e moralità, responsabilità sociale; e invece, nulla accade, neppure una reazione di indignazione e a fatica i lavoratori cercano di strappare all’autocratica Amazon condizioni di lavoro almeno non di sfacciato sfruttamento, mentre troppi paesi e governi stendono tappeti rossi quando, ad esempio sempre Amazon, vuole aprire un nuovo centro di smistamento in qualche paese, considerandolo come il nuovo che avanza e che non si deve e non si può fermare, cioè confondendo Amazon con il progresso e dimenticando che sono sempre le vecchie vendite per corrispondenza anche se integrate/gestite con un algoritmo.

Ricchi sempre più ricchi – giga, appunto – mentre in Italia qualcuno rilancia per l’ennesima volta l’idea di una flat-tax, modello di imposizione fiscale neoliberale e profondamente ingiusto e sempre fallimentare (oltre che incostituzionale), finalizzato appunto all’arricchimento di pochi e all’impoverimento dei molti, ma venduto propagandisticamente come una forma di vera giustizia fiscale, ma sempre secondo il metodo appunto neoliberale di rovesciare il senso e il significato delle parole.

I ricchi sono sempre più ricchi, e a noi va bene così

I ricchi sono sempre esistiti, lo sappiamo. Ma non erano mai arrivati ad essere gigaricchi. Eppure era inevitabile che si producesse questo effetto, perché (1) il neoliberalismo premia deliberatamente i ricchi e la produzione di ingiustizia sociale è una sua scelta politica deliberatamente perseguita, secondo l’economista Joseph Stiglitz; e (2) sempre racconta, nonostante le smentite, la favola del gocciolamento della ricchezza (cioè: più i capitalisti sono ricchi, più la loro ricchezza gocciolerà per legge di gravità verso il basso) favorendo l’arricchimento di tutti e alzando la marea del benessere; quindi non più per scelta politica verso una società più giusta – era questo il senso delle politiche keynesiane di redistribuzione della ricchezza negli anni 1945-fine anni ‘70 – ma per il libero e magico gioco del mercato. Che è un’altra favola neoliberale/capitalistica, perché il mercato non è mai libero; mai è la domanda a generare l’offerta ma è sempre l’offerta a generare (si chiamano marketing e pubblicità e oggi algoritmi predittivi) la domanda; l’oligarchia della ricchezza è nel Dna del capitalismo; il profitto si basa sempre sullo sfruttamento del lavoro altrui – ancora Amazon come caso paradigmatico – e quindi il capitalismo non si fonda mai sulla benevolenza dei ricchi che fanno cadere un po’ di gocce di ricchezza verso i meno ricchi e i poveri.

Ma i gigacapitalisti non solo sono diventati sempre più ricchi – grazie alla nostra benevolenza nei loro confronti, noi felici di comprare su Amazon, di navigare con Google, sognando di viaggiare nello spazio grazie a Elon Musk – ma mai hanno avuto un potere così grande, ce lo ricorda appunto Staglianò. E a noi va bene così, noi continuando a comprare su Amazon fremendo in attesa del prossimo Black Friday; noi continuando a socializzare via social senza vedere che sono imprese private votate a massimizzare il proprio profitto privato espropriandoci dei nostri dati, cioè della essenza (e anche questo era la privacy) della nostra vita; a continuando a cercare informazioni su Google.

E tutto questo mentre i grandi media sono sempre più house organ della Silicon Valley, cioè dei gigacapitalisti, media ormai incapaci di qualsiasi pensiero critico/riflessivo, di reazione e di indignazione e tutti (politici, economisti, imprenditori, mass/social media) parlano e scrivono di alfabetizzazione digitale e di dover essere sempre connessi, come se non ci fosse vita anche prima, oltre o senza il digitale. Tranne poche eccezioni – e Riccardo Staglianò è una di queste voci capaci di pensiero critico, di indignazione, ma anche di proposta.

Social non è sociale: il grande inganno in cui tutti siamo caduti

Scriveva Mark Zuckerberg a un amico agli inizi di Facebook, come troviamo nel libro di Staglianò. “Ho oltre 4000 email, foto, indirizzi, screenshot”. E l’amico: “Ecchec…?! E come sei riuscito ad averli?”. E Zuckerberg: “La gente me li ha dati spontaneamente. Non so perché. Perché si fidano. Coglioni che non sono altro”. Se è vera, questa frase esprime perfettamente il vero core business di Mark Zuckerberg – uno dei gigacapitalisti – e qual è la nostra condizione esistenziale di dipendenza nei suoi confronti. E Zuckerberg ha studiato anche psicologia, sa quali sono i punti deboli della nostra psiche e li sfrutta per il proprio profitto. Scrive Staglianò: “Ed è proprio grazie alla conoscenza approfonditissima di quel che ci passa nella capoccia che Zuckerberg diverrà il più corteggiato dall’industria pubblicitaria”, trasformando quello che veniva offerto (ma era marketing) come un luogo di socializzazione ideale per fare comunità in nome di quel bisogno umanissimo che si chiama amicizia, nella più grande agenzia di spionaggio (questo è il vero nome di profilazione) e nella più grande agenzia di pubblicità della storia, secondo l’opinione dell’inglese John Lanchester – per tacere di Cambridge Analytica e dei comportamenti solo apparentemente infantili di Zuckerberg davanti ad ogni scandalo che lo concerne (non lo faccio più!, per poi continuare a farlo in altro modo), ovunque cercando compulsivamente una fonte di profitto e di potere per sé. Analogamente Jeff Bezos, per il quale “più che vendere cose (merci) è importante comprare persone (clienti) e una volta conquistate, rifilargli di tutto”.

Scrive ancora Staglianò: “I patrimoni dei Bill Gates, Jeff Bezos, Elon Musk, Mark Zuckerberg del mondo hanno raggiunto dimensioni incompatibili con un buon funzionamento della democrazia. Nel senso che quelle spaventose quantità di denaro si traducono inevitabilmente in altrettanto potere. Compreso quello di interferire con le leggi che decidono ad esempio quante tasse far pagare e a chi – e vale la pena rammentare come questi signori hanno tutti almeno due mestieri: il proprio e quello di elusore fiscale. Studiandone le biografie, il topos più ricorrente e storicamente inedito è che si tratta di privati cittadini in grado di fare cose prima appannaggio solo degli Stati”. Ad esempio: Bezos “si candida a diventare l’emporio unico dell’umanità. Prima di Musk nello spazio c’erano andati solo Russia, Stati Uniti e Cina. E infine c’è Zuckerberg, di cui sempre più commentatori (e investitori) chiedono la testa per offrirla in pasto alla pubblica opinione scandalizzata dalla serie crescente di rivelazioni su un cinismo aziendale innalzato a forma d’arte. E parliamo di uno che, se la sua creatura fosse appunto una nazione, con quasi tre miliardi di cittadini, sarebbe a capo di un Paese più popoloso della Cina. Con un livello di sorveglianza, sia detto per inciso, che Pechino si sogna”.

Ovvero, abbiamo a che fare con imprese della manipolazione attraverso l’economia dell’attenzione e il “fracking dei nostri cervelli”, perché più tempo passiamo sui social (e non solo), maggiori sono i profitti per queste imprese e per i loro gigacapitalisti (cioè: “i peggiori contenuti dal punto di vista sociale, sono i migliori contenuti dal punto di vista del traffico generato” ricorda Staglianò; ovvero l’odio produce profitti e quindi l’odio va sostenuto e sempre attivato, generando quello che potremmo definire come il capitalismo dell’odio: sempre nella logica del conformismo, chiamato oggi network effect (perché più persone ci sono, più persone vogliono esserci, che è appunto il vecchio conformismo, le vecchie anime collettive delle folle secondo Gustave Le Bon, oggi anch’esse digitalizzate…) – perché se stiamo online più a lungo, vediamo più pubblicità, e Zuckerberg diventa più ricco…

Conclusioni

E tuttavia, “i gigacapitalisti sembrano più amati che disprezzati”, commenta Staglianò. Colpa anche “dell’eterno elemento afrodisiaco del potere, di politici spesso non all’altezza della situazione e di tanti giornalisti – oh quanti che si bevono la retorica siliconvallica di rendere il mondo un posto migliore o che di ogni nuovo smartphone non trovano di meglio da dire che è il migliore di sempre – giornalisti che preferiscono vestire i panni dei cheerleaders che quelli dei guastafeste”.

Ma allora: cosa fare e come “contro una manciata di plutocrati che non ambiscono a influenzare solo che cosa compriamo, ma anche che cosa pensiamo?” E che appaiono davvero oligarchi too big to fail? Certo, non è facile, eppure “bisogna provarci”, scrive Staglianò. Con “tasse giuste, leggi migliori, più diritti ai lavoratori sfruttati e una nuova consapevolezza collettiva”, capace di smontare la narrazione siliconvallica e neoliberale – magari ricordando che negli Usa (ma il resto del mondo non è molto diverso), “negli anni Settanta i ricchi versavano al fisco oltre metà del proprio reddito, cioè il doppio dei lavoratori, mentre nel 2018, dopo l’ultima riforma fiscale” di Trump, di tasse “i miliardari ne hanno pagate il 23 per cento, meno di metalmeccanici, insegnanti e pensionati”.

E quindi? “Basterebbe prendere una piccola quota dei profitti delle multinazionali e della ricchezza dei miliardari e redistribuirla in maniera proporzionale alla popolazione per ottenere investimenti in istruzione e salute dieci volte superiori agli attuali aiuti internazionali”. Eppure, nessuno osa proporre una simile strada, anzi si torna a parlare appunto di flat tax. Conclude Staglianò: “C’era una vecchia battuta sugli enarchi, gli allievi della scuola di eccellenza della pubblica amministrazione francese, del genialmente perfido François Mitterand: Sanno tutto. Peccato che sappiano solo quello. Lo stesso vale per i nostri gigacapitalisti. Hanno undici decimi di secondo per scovare ogni possibile connessione di un mercato con un altro. In una sinossi del business che ha del preternaturale, ma poi sono ciechi come gattini di fronte alla più macroscopica delle ovvietà: chi più ha, più deve dare. Punto”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4