Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RUBRICA DI A. VISCONTI

I rischi di internet per i bambini e come difenderli (video)

La settima puntata della rubrica “rimbambire i bambini con la tecnologia” di Andrea Visconti

01 Feb 2019

Ma nei giochi online o comunque su internet si può incorrere anche in alcuni rischi da cui però possiamo imparare a difenderci.

Il rischio più grande è sempre il rischio della libertà di nostro figlio. Lui è libero anche di non seguire le nostre indicazioni e i nostri insegnamenti, ma questo rischio fa parte dell’educazione. Per cui non pensiamo di poter tenere lontani i rischi per i nostri figli proteggendoli noi perché non si può. L’istinto ovviamente è quello, quando il mio secondo figlio Riccardo corre e salta come un matto, la mia tentazione è sempre quella di dirgli non correre che ti fai male, e da genitore è anche giusto dirglielo. Una volta. Poi basta, non possiamo limitare la loro libertà anche di farsi male e di imparare facendo. Siamo tutti circondati da rischi di ogni tipo da quando veniamo concepiti e il genitore non è in grado di sottrarre se stesso o i propri figli da questi pericoli. Per fortuna.

Nella fiaba che ho fatto per la nascita di mia figlia Diletta ho provato a spiegarla questa cosa.

Con internet è identico. Ci sono dei pericoli, ma per proteggere tuo figlio non serve impedirgli di accedere ad internet (è impossibile oltre che dannoso per lui), semmai serve prendere delle precauzioni in base alla sua età e insegnarli come affrontare questi pericoli, esattamente come facciamo per strada, quando gli insegniamo a guardare prima di attraversare o gli insegniamo che quando corrono devono guardare davanti, ma poi alla fine spesso è il cemento ad insegnarglielo e dobbiamo accettare questo rischio, per quanto sia difficile, che sia il cemento ad insegnarglielo. Da genitore mi vengono i brividi a dire queste cose, perché è difficilissimo, ma mi accorgo sempre di più di quanto sia meglio per loro. Se provi a impedire ai rischi e al dolore di raggiungerli li rendi incapaci di difendersi. Se fino a 18 anni non li fai uscire di casa (o non li fai navigare), quando a 18 anni uscirà per la prima volta sarà spaventato ed impreparato ad affrontare la città. Lì si che sarà veramente in pericolo.

Guarda il video per scoprire quali sono i tre principali rischi che si corrono online.

Spero che questo video ti sia piaciuto. La prossima settimana come navigare online in tutta sicurezza secondo un guru di internet. Salvatore Aranzulla!

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4