app e questioni di genere

Il “caso” Absher: se un’app deve farci riflettere sull’universalità dell’etica

La vicenda dell’app Absher spalanca le porte a una serie di questioni su cui occorre necessariamente riflettere: la prima riguarda il senso da dare, nell’età dell’informatica, a parole come “pubblico” e “privato”, la seconda riguarda l’aspetto etico degli strumenti che tutti noi utilizziamo ormai ogni giorno. Vediamo perché

04 Mar 2019
Giovanni Salmeri

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

ABSHER_Sign_Panel

Passata l’ondata di sdegno provocata dall’app Absher del Governo dell’Arabia Saudita – che consente, tra le altre cose, agli uomini di controllare gli spostamenti delle loro donne, come vedremo meglio di seguito – dovremmo tutti fermarci a riflettere su una serie di questioni che continuano purtroppo a restare ai margini del dibattito: dal rapporto tra il mondo dell’informatica e la discriminazione di genere (a partire dall’atteggiamento fin troppo pilatesco di Apple e Google) al senso da dare, ai nostri giorni, al concetto di universalità dell’etica.

Iniziamo, però, per chi non la conoscesse, a spiegare cos’è Absher.

Absher, cosi gli arabi possono controllare le donne

È possibile che il nome Absher resterà agli annali, o perlomeno occuperà una sostanziosa nota a piè di pagina per chi vorrà scrivere la storia del rapporto tra informatica, politica ed etica.

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

La vicenda in due parole è questa: nell’app store di Android e di Apple è presente un programma, chiamato appunto Absher, presentato dal governo dell’Arabia Saudita, che tra le tante finalità di interazione con lo Stato ha anche la finalità di offrire agli uomini uno strumento efficace per controllare gli spostamenti delle (loro) donne: nelle schermate si inserisce il nome della donna, il suo numero di passaporto, e si decide quanti viaggi può fare e per quanto a lungo può viaggiare. Si può comodamente concedere e ritirare alle donne il permesso di viaggiare, o ricevere un SMS ogni volta che esse usano il loro passaporto (più o meno come le app bancarie possono inviare un messaggio quando viene usata la carta di credito).

La risposta di Google e Apple alle proteste

La notizia non finisce qui: Google ed Apple sono stati prevedibilmente subissati di richieste di ritirare immediatamente l’applicazione. La risposta di Apple nel momento in cui scrivo ancora si fa attendere; quella di Google è invece che l’app resterà al suo posto, perché non vìola nessuno dei termini di servizio. Leggendoli attentamente, la risposta è in effetti corretta: i termini di servizio proibiscono applicazioni che «promuovono violenza» o «incitano all’odio»: in questo caso, se vogliano conservare alle parole il loro significato consueto, non c’è né l’uno né l’altro: c’è la sottomissione, che è altra cosa. Piccolo particolare: è forse anche peggiore che odio e violenza, perché più subdola, più facile ad essere interiorizzata. Perlomeno, così la pensa praticamente chiunque sia cresciuto nelle nostre società liberali occidentali.

Mondo Ict e discriminazione di genere

La prima reazione a questa notizia è un sanissimo sdegno. È facile sperare che prima o poi la questione si risolva positivamente, anche se per motivi non necessariamente nobili (forse Apple ha in questo momento l’opportunità facilissima di mostrarsi più «buona» di Google e quindi di costringere di rimbalzo il concorrente a cambiare idea?). Ma il fatto stesso che tale questione sia potuta nascere è veramente sgradevole: sarebbe bene che un po’ di indignazione fosse manifestata, per esempio almeno quanto quella che cinque anni fa costrinse Brendam Eich a dare le dimissioni dopo appena 11 giorni dalla carica di amministratore delegato di Mozilla. La causa delle donne dell’Arabia Saudita (e di altri Stati, peraltro) credo che meriti un po’ di mobilitazione da parte della società occidentali, e anche del mondo dell’informatica. Ecco una buona occasione, oltre alle meritevoli iniziative sul «coding in rosa», per mostrare davvero che l’informatica non vuole prestarsi a perpetuare «discriminazioni di genere».

I concetti di pubblico e privato e l’ossessione della trasparenza

Smaltita l’indignazione, rimangono però sul tappeto molte questioni, che purtroppo sono più difficili da affrontare. Vediamone solo un paio.

La prima riguarda il senso da dare nell’età dell’informatica a parole come «pubblico» e «privato». Molti luoghi ed epoche della storia dell’umanità hanno grosso modo identificato queste due grandezze con «ciò che avviene fuori casa» e «ciò che avviene dentro casa»: ma tale distinzione aveva un senso completamente diverso in tempi (di pochissimo anteriori al nostro) in cui anche stare fuori casa significava essere facilmente al riparo da occhi indiscreti. Lo spazio pubblico era insomma lo spazio in cui le proprie parole e le proprie azioni potevano avere una rilevanza sociale estesa: ma non necessariamente. Per questo lo stesso concetto di privacy non aveva motivo di esistere: qualcosa di paragonabile alla «tutela dei dati personali» esisteva per ammissione comune riguardo a preti e avvocati (in misura minore medici e giornalisti), a cui veniva riconosciuto il diritto o il dovere di articolare in una maniera particolare la loro presenza nello spazio pubblico.

È evidente che la febbre contemporanea della privacy, a volte anche un po’ nevrotica, è la risposta immunitaria allo sfaldamento dei confini di un tempo. Non solo nello spazio pubblico ogni parola e gesto è sempre più controllata e registrata, ma anche il privato, ciò che avviene «dentro casa», raramente resta entro quelle mura. Un ragazzo di oggi che ascolta La solitudine di Laura Pausini (era il 1993) si chiede perplesso perché la fanciulla col cuore spezzato, anziché frignare e cercare di immaginare che cosa faccia il suo Marco, non prenda lo smartphone e faccia una videochiamata. Che cosa c’entra questo con Absher? Moltissimo. In questa app anzitutto viene focalizzata una possibilità sempre più diffusa, sempre più ovvia: la possibilità che tutti vedano tutti. Che ciò avvenga lì in maniera unidirezionale (gli uomini vedono le donne) non toglie nulla al fatto che questa trasparenza alla lunga è in ogni caso ossessiva. Il filosofo Jeremy Bentham alla fine del Settecento immaginava il Panopticon come il luogo trasparente in cui tutti potevano essere osservati senza che potessero sapere se davvero in quel momento lo erano: ma era il progetto del carcere ideale. Enunciata la questione, sarebbe bello presentare anche la soluzione: purtroppo ancora non c’è, anche perché investe non solo problemi tecnici (l’informatica in effetti moltiplica la necessità di porre confini ad un flusso di informazioni fin troppo facile): riguarda anche problemi umani e culturali.

L’aspetto etico della “questione” Absher

Una seconda questione riguarda più propriamente l’aspetto etico. C’è da scommettere che coloro che hanno sviluppato quest’applicazione siano rimasti increduli di fronte all’alzata di scudi avvenuta in Occidente. Che c’è di male, avranno pensato. In fondo quest’applicazione non fa altro che rendere più semplice ed efficace ciò che è stabilito nella nostra legge e cultura. Anzi, migliora addirittura le cose, perché ad un pedinamento fisico se ne sostituisce uno più lieve ed elettronico (come insomma il braccialetto elettronico è meno oppressivo del carcere).

Che cosa bisognerebbe replicare? Certamente qualsiasi persona educata ai valori della civiltà occidentale saprà rispondere in maniera convincente, ma il punto non è questo. La coscienza delle grandi diversità culturali ed etiche dei popoli è stata spesso presente anche nei secoli scorsi, ma questa creava meno problemi. Gli «imperi», da quello romano in poi, potevano tranquillamente accettare al loro interno enormi differenze e grandi autonomie. L’età dell’informazione, e poi quella della facilità dei viaggi, e poi il crescere delle migrazioni, rendono i problemi più acuti: le differenze incompatibili e laceranti non sono raccontate riguardo ad una parte irraggiungibile del globo, di «altri», ma sono a portata di mano. Ma (e qui volevamo arrivare) l’era informatica aggiunge un tipo di globalizzazione prima non vista: non solo c’è informazione, ma tutti possono usare, o usano di fatto, gli stessi strumenti: strumenti che, come mostra il caso di Absher, nelle loro funzionalità incorporano sempre, in maniera più o meno scoperta, un’etica, un orientamento di vita.

Il «semplice strumento» praticamente non esiste. Tuttavia, questa non è solo la causa sgradevole dell’esplosione di problemi: è anche l’opportunità preziosa di discuterli. Uno dei caratteri tipici dell’etica è la sua aspirazione all’universalità: finito il giustificato sdegno, sarebbe bene che il caso Absher spingesse a percepire l’importanza del problema, e anche a risvegliare noi occidentali da troppe pseudo-soluzioni di cui spesso ci siamo accontentati. Purtroppo non basta dire che ognuno deve fare ciò che gli pare bene, non basta dire che la differenza tra le culture è bella.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati