scenari

Intelligenza artificiale: come bilanciare opportunità e sfide sociali



Indirizzo copiato

L’incremento esponenziale delle applicazioni dell’intelligenza artificiale porta con sè notevoli potenzialità in termini di produttività ed efficienza in vari settori, ma anche sfide sociali ed etiche emergenti: dalla privacy, alla discriminazione fino all’impatto ambientale

Pubblicato il 9 nov 2023

Laura Brandimarte

Assistant Professor of Management Information Systems, University of Arizona



intelligenza artificiale ai act

Le tecnologie di intelligenza artificiale (IA) hanno registrato un incremento esponenziale negli ultimi mesi. Dal dicembre 2022, quando OpenAI ha rilasciato al grande pubblico gratuitamente l’IA generativa di testo basata sui Generative Pre-trained Transformers (GPT), o trasformatori generativi pre-addestrati, abbiamo assistito ad una velocissima evoluzione di modelli di IA generativa di ogni tipo: testo (come ChatGPT e Bing Chat), immagini (come DALL-E e Midjourney), presentazioni (Canva ha recentemente integrato un’IA nel suo prodotto che consente di creare una serie di slides automaticamente partendo soltanto da una breve descrizione del progetto), video (come Synthesia e Pictory), musica (come Amper Music e Soundraw).

I vantaggi dell’IA, settore per settore

Le potenzialità di queste tecnologie sono impressionanti e possono aumentare produttività ed efficienza in moltissimi settori. Forniscono un utile punto di partenza che, seppur limitato e a volte impreciso, può essere controllato, corretto e/o migliorato dall’intelligenza umana. Come molti sostengono da tempo, la combinazione uomo + macchina (nota bene: non la sostituzione dell’uomo con la macchina) può generare guadagni sostanziali sia in termini economici sia di soddisfazione personale del lavoratore.

  • Nell’educazione, l’IA è in grado di personalizzare l’esperienza di apprendimento dello studente in base ai suoi specifici punti di forza e debolezza.
  • In campo sanitario, è di sostegno al personale medico nella diagnostica, nella previsione di determinati esiti per il paziente, nel personalizzare piani di trattamento in base alle specifiche caratteristiche del paziente, persino nella scoperta di nuovi farmaci e nella ricerca genetica.
  • Nel campo della sicurezza pubblica, con l’IA si può automatizzare l’analisi di video ripresi da telecamere di sicurezza in modo da identificare attività sospette; si può anche coordinare più efficacemente la risposta di servizi di emergenza in caso di necessità (come disastri naturali o attacchi terroristici).
  • Nel trasporto, l’IA è alla base dei veicoli autonomi, sia per la gestione della navigazione sia per evitare ostacoli; l’IA viene poi utilizzata per ottimizzare i tragitti dei veicoli di consegna merci, contribuendo così anche alla riduzione del consumo di combustibile e di emissioni di CO2.
  • In agricoltura, l’IA analizza suolo, meteo ed altri dati per fornire agli agricoltori indicazioni su come aumentare la resa delle colture e ridurre gli sprechi.
  • In finanza, l’IA è in grado di segnalare transazioni potenzialmente fraudolente, automatizzare i movimenti di acquisto e vendita nel mercato azionario e dare consigli finanziari personalizzati che poi possono essere discussi con il proprio consulente di fiducia.
  • Nell’intrattenimento, l’IA serve a suggerire raccomandazioni personalizzate per film o musica basate sulle preferenze dell’utente, a creare video games realistici ed altre forme d’arte.
  • Nella manifattura, l’IA è in grado di ottimizzare processi di produzione, segnalare guasti previsti nelle attrezzature e migliorare il controllo qualità.
  • Nella vendita al dettaglio, l’IA può essere utilizzata per prevedere le scelte del consumatore, ottimizzare la gestione di prezzi ed inventario e personalizzare le esperienze di shopping.

I problemi della diffusione massiccia dell’IA

Tuttavia, la mancanza pressoché totale di basi legali per la distribuzione di strumenti di IA sul mercato e per il loro utilizzo sta creando problemi di natura etica e sociale che non possono essere ignorati. Unica eccezione degna di nota, insieme all’AI Act, che però non è ancora entrato in vigore, il GDPR, con il suo provvedimento che nega decisioni automatizzate che abbiano conseguenze rilevanti nella vita del cittadino Europeo. Analizziamo quindi alcune di queste problematiche nel dettaglio.

I problemi privacy

Abbiamo appena menzionato il GDPR quindi partiamo dai problemi di privacy. Tutti gli algoritmi alla base dell’IA, di qualunque tipo essa sia, necessitano di una quantità formidabile di dati per essere addestrati. Se ci focalizziamo anche solo sull’IA generativa, organizzazioni come Microsoft (il colosso dietro Bing AI ed OpenAI, con i suoi prodotti più celebri, ChatGPT per generare testo e codice e DALL-E per generare immagini) e Google (con il suo Search Experience, SGE) hanno raccolto, senza consenso esplicito dei soggetti interessati, tutto ciò che hanno potuto da quell’immenso deposito di dati che è Internet. Hanno quindi utilizzato tutti questi contenuti per addestrare i loro algoritmi così da riuscire ad eccellere nel compito di generare testo ed immagini, cioè di calcolare quali siano le parole o la serie di pixel più probabili dopo quelli usati nel prompt (la domanda che si pone all’IA).

Il Garante italiano della privacy intervenne immediatamente dopo il rilascio di ChatGPT per bloccarne l’utilizzo in Italia (salvo poi tornare a consentirlo subito dopo) perché non era chiaro come OpenAI avrebbe poi utilizzato tutti i dati forniti dagli utenti durante le loro conversazioni con ChatGPT. X, fino a poco fa noto come Twitter, ha recentemente modificato i propri termini di utilizzo specificando che utilizzerà tutti i dati forniti dagli utenti – post pubblici, messaggi, informazioni biometriche se disponibili – per addestrare la propria intelligenza artificiale, cambiamento che ha per l’ennesima volta preoccupato gli esperti di privacy.

I problemi di diritti sulla proprietà intellettuale

Ci sono anche dei problemi di diritti sulla proprietà intellettuale che potrebbero essere stati violati per l’addestramento dei grandi modelli di linguaggio come GPT-3 e GPT-4, tanto che alcuni artisti hanno deciso di adire le vie legali contro le organizzazioni responsabili che, a loro detta, si sarebbero appropriate delle loro opere utilizzandole come base e mischiandone dettagli per generare immagini simili.

La discriminazione dell’IA

Un secondo problema sociale legato all’utilizzo dei sistemi di IA, anch’esso legato all’addestramento degli algoritmi, è quello della discriminazione. I sistemi intelligenti di riconoscimento facciale, ad esempio, sono molto più efficaci su visi di individui di razza bianca che su visi di qualsiasi altro tipo. Joy Buolamwini, fondatrice di Algorithmic Justice League, un’associazione di artisti e ricercatori che promuovono principi di responsabilità e trasparenza nello sviluppo ed utilizzo di IA, è stata la prima ad accorgersi di questo problema, avendone avuto diretta esperienza personale, ed ha scoperto che per gran parte è dipeso dal fatto che i dati utilizzati per l’addestramento si riferiscono per la stragrande maggioranza ad individui di razza bianca, mentre tutte le altre razze sono pesantemente sotto-rappresentate.

Ciò è problematico perché gli algoritmi di IA vengono utilizzati come base per decisioni che hanno un impatto significativo sulla vita degli individui. Ad esempio, se un sistema di riconoscimento facciale viene utilizzato nel corso di un’investigazione, è molto più probabile che commetta errori con individui di colore che con individui bianchi, risultando più spesso in condanne ingiuste per i primi che per i secondi. In modo simile, un’IA utilizzata per individuare frodi online in base a come un individuo utilizza la tastiera o il mouse (la velocità dei movimenti, il percorso tracciato, il numero di volte in cui torna sui suoi passi per cambiare la propria risposta…) potrebbe risultare discriminatoria verso individui sottorappresentati nel dataset di addestramento, come potrebbero essere gli anziani o chi soffre di dislessia o di disturbi neuro-motori.

Lo sfruttamento di popolazioni svantaggiate per etichettare i dati

Altro problema che riguarda l’addestramento degli algoritmi è poi quello dello sfruttamento di popolazioni svantaggiate per etichettare i dati. Affinché un algoritmo sia in grado di riconoscere che due immagini rappresentano, ad esempio, un cane o una sedia è necessario che una persona aggiunga l’etichetta di cane o sedia a molte immagini di cani e, rispettivamente, sedie. Addestrata con tutte quelle immagini etichettate, l’IA sarà poi in grado di classificare un animale come cane o un oggetto come sedia anche non avendo mai ricevuto nella fase di addestramento l’immagine di quella specifica tipologia di cane o sedia.

Etichettare un’immagine è un compito piuttosto semplice per un essere umano, tanto semplice che le aziende che lo richiedono non sono disposte a pagare gran che per portarlo a termine. Gli unici disposti a farlo sono dunque coloro che non possono dire di no, spesso cittadini di Paesi in via di sviluppo appartenenti a classi economiche basse o disagiate, come i carcerati.

Queste persone sono pagate pochissimo e spesso esposte a materiale offensivo, violento o comunque spiacevole, e potrebbero di conseguenza soffrire di disturbo da stress post-traumatico. Queste popolazioni non sono solo quelle esposte ai maggiori rischi dello sviluppo dell’IA – sono anche quelle che con maggiore probabilità saranno escluse dalla fruizione dei relativi benefici, perché il loro status economico non consente loro l’utilizzo di quella stessa tecnologia che hanno contribuito a creare.

Le considerazioni di impatto ambientale

Vi sono poi considerazioni di impatto ambientale da tener presenti. Nel suo ultimo rapporto sulla sostenibilità, Microsoft ha rivelato che il proprio consumo globale di acqua è aumentato del 34% dal 2021 al 2022 (arrivando a quasi 1,7 miliardi di galloni, ovvero più di 2.500 piscine olimpioniche). È stato stimato che ChatGPT consumi mezzo litro d’acqua ogni volta che gli si rivolgono dalle 5 alle 50 domande. E così per Google, che nello stesso periodo ha registrato una crescita del 20% nell’utilizzo dell’acqua, in gran parte attribuibile al suo lavoro sull’IA.

Lo strapotere dei produttori di chip

Un ultimo aspetto che vorremmo considerare in questa sede riguarda la dipendenza che lo sviluppo e l’utilizzo di IA sta creando da pochissime aziende che si occupano del design e della produzione di semiconduttori, avanzatissimi chip indispensabili per l’IA ed, ormai, per qualsiasi dispositivo di uso comune: dallo smartphone all’automobile, dal televisore al condizionatore. Questa manciata di aziende ha di fatto un enorme potere di mercato perché, di fatto, da esse dipende il mondo intero. Come perfettamente spiegato da Chris Miller in Chip War, ciò crea squilibri geo-politici preoccupanti ed, in più, seri problemi nella catena globale di fornitura: basta un singolo evento avverso imprevedibile come un terremoto o uno tsunami, o uno forse solo in parte prevedibile come una guerra o una pandemia a mettere fuori uso quei pochi produttori responsabili di tutta l’offerta mondiale di chip ed a mandare così in crisi la catena di fornitura di computer, automobili, dispositivi intelligenti e così via. Tanta concentrazione di potere è sempre rischiosa.

Conclusioni

Concludiamo questa breve carrellata di benefici e rischi dell’IA ricordando che sono le scelte che facciamo a determinarne il bilanciamento. I rischi non sono una necessaria conseguenza dei benefici, non dobbiamo per forza sostenere quei rischi per fruire dei benefici. Lo sviluppo e l’utilizzo di tutte le tecnologie, anche quelle di IA, sono dettati da scelte consapevoli, che hanno conseguenze in gran parte prevedibili. Come sostiene Cory Doctorow, blogger, autore di science fiction ed attivista, il determinismo tecnologico, ovvero la teoria secondo cui la tecnologia segue la sua strada ed influenza autonomamente cultura e società, è solo una scusa utilizzata da chi non vuole o non ha interesse ad assumersi la responsabilità di indirizzare lo sviluppo tecnologico verso una massimizzazione dei benefici ed una minimizzazione dei rischi, per tutti.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4