le prospettive

Moderatori online, un lavoro fondamentale ma non pagato: come rimediare?

Il NYT approfondisce il tema dei volontari online, con particolare riferimento alle attività (pseudo-lavorative?) dei moderatori che operano all’interno delle piattaforme online. L’attività – oggi non remunerata – potrebbe rappresentare una nuova interessante frontiera occupazionale emergente

12 Lug 2022
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

social hacking

Il ruolo dei moderatori online – web e social – è stato sinora decisivo non solo per combattere la disinformazione e l’hate speech ma anche per incentivare l’aggregazione di utenti all’interno di spazi pubblici creati in Rete.

E così favorire la circolazione di informazioni destinate ad alimentare il dialogo politico e sociale, stimolando l’opinione pubblica grazie al prezioso lavoro di creazione, gestione e mantenimento del flusso comunicativo monitorato online dai moderatori volontari.

The Horrors of Being a Facebook Moderator | Informer

Si pone ora quindi la necessità di trovare un modo per valorizzare il ruolo di queste figure, senza snaturarle. Senza comprometterne lo spirito originario.

L’idea è anche quella di sostenere questa via “umano-centrica” alla moderazione, rispetto allo sviluppo pervasivo dei sistemi tecnologici di IA (come GPT-3) in grado di imparare a scrivere in auto apprendimento con una capacità dialettica di argomentazione stilistica non facilmente distinguibile dalle tradizionali tecniche di stesura testuale umana.

Un’attività fondamentale ma non retribuita

Ricordiamo che quest’attività al solito nelle community online non è pagata. E questa lacuna è un problema, come riporta un recente articolo del Nytimes.

WEBINAR
23 Settembre 2022 - 10:00
DIGITAL360 Semestrale 2022: scopri tutte le novità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

Può essere utile attribuire un compenso a tali soggetti nello svolgimento di un’attività “fondamentale” per assicurare la corretta gestione di una comunità online, nell’ottica di ridurre la dilagante diffusione di contenuti violenti, falsi, fuorvianti e offensivi e garantire la condivisione di un sano e stimolante flusso comunicativo costantemente presidiato dal vigile controllo di operatori nella veste di attenti supervisori delle informazioni veicolati dagli utenti.

Prendendo atto della mancata erogazione di un pagamento, per evitare di continuare a prestare un lavoro gratuitamente, è possibile ipotizzare anche l’opportunità di stabilire un equo compenso come giusta retribuzione in grado di formalizzare, in termini economici, il valore associato alla rilevante funzione di controllo e di monitoraggio assunta dai moderatori online, spesso costituente l’asse portante delle piattaforme da cui dipende non solo il quotidiano funzionamento dei relativi sistemi ma soprattutto la crescita esponenziale dei profitti generati dai lucrativi servizi pubblicitari offerti dalle aziende “hi-tech”.

Il NYT cita alcune ricerche di settore, secondo cui, tenuto conto del complessivo flusso delle informazioni organizzate e selezionate rispetto agli specifici thread di discussione generati all’interno di piattaforme e forum, per prevenire la proliferazione di contenuti violenti di incitamento all’odio o comunque avente natura lesiva e/o offensiva, i moderatori – pari a circa 21.000 utenti identificati solo nella piattaforma Reddit – trascorrendo almeno 466 ore al giorno in svariate funzioni di controllo e supervisione – svolgono complessivamente, pur essendo considerati semplici volontari virtuali, un’attività equivalente a “almeno 3,4 milioni di dollari di lavoro non retribuito ogni anno”, corrispondente al 2,8% delle entrate annue registrate da Reddit (tale somma è ricavata dall’applicazione della tariffa oraria media statunitense pari a$ 20/ora prevista quando ci si avvale di servizi freelance a pagamento).

Il valore effettivo dell’attività prestata gratuitamente

Una delle principali problematiche riscontrate che impedisce di corrispondere un’adeguata remunerazione a tali utenti sembra individuarsi nella mancanza di consapevolezza sul valore effettivo dell’attività prestata gratuitamente, pur risultando determinante per animare e mantenere in vita le comunità virtuali grazie alla messa a disposizione di mansioni “para-lavorative” prive però di un corrispondente equo scambio, a causa della mancata remunerazione di un corrispettivo riconosciuto. Si crea, in altri termini, un rapporto asimmetrico di sfruttamento unilaterale che consente alle aziende telematiche, approfittando dell’eccessivo sbilanciamento a proprio vantaggio, di incrementare i profitti legati al sistema algoritmico di indicizzazione dei contenuti organizzati online, a svantaggio dei moderatori volontari, così alla “mercé” delle imprese digitali.

Per colmare tale deficit di tutela, alcuni studi ipotizzano l’introduzione di un vero e proprio sussidio quantificabile sulla base di un possibile specifico parametro di calcolo riferibile alle attività dei moderatori virtuali in grado di “misurare il valore monetario del lavoro di volontariato online”, tenuto conto del tempo impiegato dai moderatori per eseguire una serie di attività propedeutiche alla corretta e regolare pubblicazione dei contenuti (come ad esempio, l’approvazione dei post, la rimozione di commenti offensivi, ecc.) da cui si potrebbe misurare il valore del tempo medio impiegato per eseguire ciascuna di tali azioni.

Le prospettate ricerche sottolineano la funzione fondamentale dei moderatori volontari online per garantire il corretto funzionamento delle piattaforme telematiche, pur non essendo pagati nello svolgimento nel rilevante ruolo di facilitatori mediante attività di selezione e filtro delle comunicazioni veicolate online, unitamente al prezioso contributo finalizzato a favorire l’intensificarsi di relazioni sociali nell’ambiente virtuale.

Certamente, ipotizzando la progressiva affermazione di un nuovo ecosistema digitale a trazione “Big Tech”, come la terza economia più grande del mondo, si potrebbe immaginare di superare l’attuale qualificazione dei moderatori virtuali alla stregua di meri volontari reclutati secondo il principio della gratuità, nell’ottica di promuovere, anche mediante l’offerta di servizi ad hoc in abbonamento, contenuti extra personalizzati a pagamento generati da creatori “qualificati”, dietro il pagamento di un corrispettivo incentivante legato alla capacità di stimolare l’interazione degli utenti mediante comunicazioni complete, pertinenti e affidabili in grado di contrastare il fenomeno della disinformazione sempre più dilagante in ambiente digitale.

Gli strumenti di monetizzazione introdotti da Meta

Seguendo tali coordinate, ad esempio, “Meta”, oltre a progettare strumenti di monetizzazione per consentire agli utenti di guadagnare sui contenuti prodotti, ha lanciato l’iniziativa “Supporting Independent Voices” per fornire supporto a scrittori, esperti e giornalisti che pubblicano informazioni in modo indipendente, con l’intento di facilitare la condivisione del relativo flusso comunicativo incentivando l’attività editoriale online. Per tale ragione è stata anche creata la piattaforma “Facebook Journalism Project” che consente ai creatori/editori di ottenere guadagni dalle interazioni personalizzate con il proprio target, grazie all’incremento di specifiche abilità oggetto di corsi di formazione, programmi di finanziamento e partnership in grado di realizzare un modello interattivo e sostenibile di giornalismo di qualità strettamente connesso allo sfruttamento efficace delle funzionalità “social” per diffondere notizie a livello globale, combattere la disinformazione, promuovere l’alfabetizzazione giornalistica, finanziare nuove iniziative e condividere le migliori pratiche che aiuteranno gli utenti a reperire facilmente nuovi contenuti.

Senza dubbio, l’attività – oggi non remunerata – dei moderatori online potrebbe quindi rappresentare una nuova interessante frontiera occupazionale emergente anche come opportunità professionale di premialità prevista nei confronti di utenti – spesso particolarmente qualificati e oltremodo edotti delle specificità proprie dell’ambiente digitale – preposti ad espletare, nell’ambito di un vero e proprio “lavoro civico”, mansioni centrali nella gestione delle comunità virtuali, mediante svariate attività di creazione e controllo delle informazioni pubblicate online che giustificano il riconoscimento di un’adeguata retribuzione come corrispettivo delle prestazioni svolta.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3