gestire persone e team

Musk e la cultura tossica del lavoro: così le neuroscienze ci aiutano nel worklife balance

Elon Musk: innovatore carismatico o simbolo di una cultura spaccona del lavoro? Di sicuro è l’emblema di una leadership “bulla” che i dipendenti non accettano più e ci dà lo spunto per capire come neuroscienze, possono aiutare le organizzazioni a gestire le situazioni di crisi e cosa ci insegnano sul worklife balance

25 Nov 2022
Laura Cavallaro

Partner P4I

Marco Planzi

Partner, P4I

musk twitter

Elon Musk, genio innovatore o esponente di una vecchia cultura tossica del lavoro? Musk, com’è noto, non si è limitato a più che dimezzare la forza lavoro in un colpo solo (a circa 3000 dipendenti) ma ha anche posto un aut aut ai superstiti: chi rimane dovrà lavorare moltissimo e senza guardare l’orologio e addio allo smart working; l’alternativa è il licenziamento, appunto. 

La ribellione dei dipendenti di Twitter al modello di lavoro di Elon Musk

I dipendenti avrebbero dovuto affrontare un periodo di lavoro “hardcore” (tante ore ad alta intensità), durante il quale soltanto le persone con performance eccezionali avrebbero avuto una promozione. I collaboratori che non avessero accettato queste condizioni avrebbero avuto la possibilità di dimettersi entro una settimana con il beneficio di tre mesi di stipendio come liquidazione.

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Quest’ultima comunicazione ha scatenato una vera e propria ribellione, culminata in un’ulteriore ondata di 900 dimissioni volontarie (quasi un quarto dei dipendenti rimanenti), così imponente che Twitter è stata costretta a chiudere i suoi uffici.

Focalizzandoci però non tanto sulle conseguenze economiche di queste decisioni (tra cui anche il fatto che alcune aziende come General Motors, Pfizer, L’Oreal hanno ritirato o sospeso gli investimenti pubblicitari su Twitter), emergono due considerazioni:

  • Oggi, anche un leader carismatico come Elon Musk, che ha dimostrato in passato di saper suscitare un’incredibile attrazione motivazionale verso i suoi progetti, nel caso di Twitter fa fatica e mostra il fianco quando cerca di mobilitare le energie nascoste dei team. Se da un lato Musk esprime una visione ambiziosa di cambiamento di Twitter, dall’altro mette in pratica azioni attraverso le quali dimostra apertamente di considerare i collaboratori come un mero fattore della produzione e non come persone. La cultura spaccona (in gergo chiamata hustle culture), su cui si basano una parte dei successi della prima ora di colossi digitali molto ammirati, non è priva di conseguenze e mostra molti limiti.
  • La seconda osservazione è che effettivamente le priorità delle persone stanno cambiando e il work-life balance sta diventando sempre più importante, anche in quelle organizzazioni come le Big Tech che, quasi per definizione, non lo hanno mai considerato un valore distintivo.

Come sta evolvendo il concetto di lavoro e di work-life balance

Eppure, ci sono segnali, nemmeno così deboli, che le priorità delle persone sono oramai diverse dal passato. Privilegiare unicamente le “performance eccezionali”, per usare le parole di Musk, senza considerare le energie che servono per ottenerle è una pessima applicazione pratica delle teorie organizzative del lavoro per obiettivi. Se davvero intendiamo lavorare per obiettivi, al binomio prestazione elevata ed esaurimento va sostituito il binomio produttività ed equilibrio.

Musk, ma quale visionario: a Twitter ha mostrato il peggio del capitalismo

L’idea del lavoro h24, della sveglia alle 5 del mattino per lavorare, del saltare i pasti per non perdere tempo utile al lavoro, sta gradualmente evolvendo verso un modello di lavoro che viene considerato innovativo, ma è semplicemente più umano. Nel 2019, Forbes pubblicava una ricerca secondo cui i Millennials erano affetti dal cosiddetto “workaholism”, tant’è che il 32% dichiarava di lavorare anche seduto al bagno, il 63% affermava di lavorare anche in malattia, il 70% rimaneva attivo anche durante il weekend.

Ebbene, emerge ora come le organizzazioni siano chiamate a riallinearsi con ciò che muove davvero la motivazione delle persone, perché rischiano in primis di rimetterci loro. Infatti, secondo uno studio compiuto da MIT Sloan a gennaio 2022, la cultura tossica del lavoro è la ragione numero uno per cui le persone lasciano il proprio lavoro e che sta quindi trainando fenomeni come la Great Resignation e il Quiet Quitting: tra le abitudini tossiche troviamo proprio la violazione della fiducia e il continuo sconfinamento nella vita privata delle persone.

E le alternative sono a portata di mano! Le organizzazioni possono continuare a premiare l’intraprendenza, la capacità e l’etica del lavoro, purché riconoscano che le persone devono essere in grado di prendersi cura di sé stesse oltreché del proprio lavoro. Se vogliamo crescere verso una vita più equilibrata, dobbiamo rendere la cura di noi stessi una parte intenzionale della nostra giornata lavorativa, abituandoci a pensare che sia un vero e proprio vantaggio sia individuale che per l’impresa, visto che questo equilibrio determina la qualità del lavoro e, in fin dei conti, fa ottenere proprio quelle “performance eccezionali” che stanno a cuore a Musk senza esaurire le risorse delle persone e dell’organizzazione. Tradotta in termini banali, senza arrivare a scomodare il poeta Giovenale e il suo “Mens sana in corpore sano”, quando le persone si riposano a sufficienza, si idratano, si alimentano e si sentono serene, sono maggiormente pronte ad affrontare attività complesse e difficili, sono più sensibili nei rapporti interpersonali, prendono migliori decisioni e sono colleghi più apprezzabili.

Di conseguenza, l’equilibrio non deve più essere considerato un capriccio, bensì uno dei valori aggiunti all’esperienza lavorativa dei collaboratori. Per comprendere però le ragioni più scientifiche che stanno alle spalle di una presa di posizione di questo tipo, ci vengono in aiuto le neuroscienze.

Cosa ci insegnano le neuroscienze sul work-life balance e perché è utile conoscerle all’interno delle organizzazioni

Le Neuroscienze, ovvero l’insieme degli studi scientificamente condotti sul sistema nervoso e combinati con psicologia e linguistica, stanno prendendo sempre più piede nel contesto lavorativo e offrono diversi spunti che possono venire utili per comprendere al meglio l’importanza del work-life balance con una base scientifica e non solo come componente “soft” della cultura aziendale e lavorativa.

Uno dei concetti cardine delle neuroscienze è, infatti, la connessione corpo-cervello: per anni nel business si è creduto che ciò che pensavamo e sentivamo non avesse alcun impatto sul corpo e che viceversa le condizioni fisiche non impattassero in alcun modo sulla nostra capacità di prendere decisioni o sulla nostra propensione al rischio. Gli studi neuroscientifici hanno invece dimostrato che non è così e che cervello, comportamenti e attitudini organizzative sono strettamente collegati.

Percepire questa connessione però non è semplice, soprattutto perché non siamo più allenati a cogliere i segnali del corpo. Vi è un senso, oltre ai 5 che ben conosciamo, chiamato interocezione – percezione della fisiologia del corpo comprendente le emozioni e le sensazioni date dalle viscere[1]che è fondamentale sviluppare per essere un buon leader.
E proprio in questo le Neuroscienze risultano efficaci: rappresentano un supporto nella gestione delle persone attraverso la scoperta di come funziona il cervello umano e di come le sostanze neurochimiche e gli ormoni guidano e influenzano il comportamento umano anche in un contesto lavorativo.

Primo tra tutti, il cortisolo: conosciuto anche come ormone dello stress, rappresenta una di quelle sostanze che devono essere gestite correttamente all’interno dei team per evitare sovra-stress e un peggioramento delle performance e della capacità di concentrazione.
In questo senso, è il leader (o manager) che “sets the tone”, ovvero che definisce l’umore del suo team: un basso livello di stress e di cortisolo del leader corrisponde ad un livello contenuto di stress nelle persone che lavorano con lui.
Quindi, essendo consapevoli degli effetti del nostro ambiente lavorativo e dei colleghi con cui lavoriamo sul cervello e sul nostro modo di agire e pensare, possiamo moderare e gestire meglio emozioni, reazioni, pensieri e relazioni interpersonali.

Le Neuroscienze però ci suggeriscono anche altre attitudini di comportamento problematiche che devono essere modificate e che impattano negativamente sulla cultura organizzativa, rendendola tossica:

  • La mancanza di sonno: secondo le Neuroscienze, infatti, il riposo è fondamentale per il corretto funzionamento del cervello, perché attraverso il riposo si eliminano le tossine che si accumulano durante il giorno e che sono le stesse riscontrabili in malattie degenerative come il Parkinson o l’Alzheimer.
  • La scarsa idratazione: l’idratazione è fondamentale per la memoria e l’apprendimento. Arrivare ad un livello di disidratazione superiore che va dall’1% al 3% può essere deleterio per il continuo apprendimento e per un buon rendimento.
  • Saltare i pasti: il cervello è un organo metabolicamente molto attivo, ma non è in grado di immagazzinare glucosio (il suo principale nutrimento). Di conseguenza, saltare i pasti appositamente per lavorare è scorretto perché non si fornisce energia al cervello e si rischia di avere effetti negativi sulla memoria, sulle performance e sulla concentrazione.
  • La sedentarietà: senza una corretta ossigenazione, nel senso di ossigenazione nel sangue, che arriva poi direttamente al cervello, viene meno l’efficacia di alcuni elementi come il fattore neurotrofico cerebrale che favorisce lo sviluppo del cervello e il suo buon funzionamento. Per questo è importante prendere pause, allenare la respirazione e anche ricavare alcuni momenti della propria settimana all’esercizio fisico.

Conclusioni

In conclusione, gli studi neuroscientifici forniscono strumenti utili e concreti per la gestione innovativa di team e persone: ciò va proprio incontro alle nuove esigenze e alle nuove priorità dei lavoratori, che desiderano un ambiente lavorativo sano, equilibrato e non “spaccone” come quello che è stato proposto da Elon Musk. E forse uno studio attento del sistema nervoso, applicandolo al contesto lavorativo odierno, ci permetterà di uscire dalla narrativa tossica oltreché ormai “antica” del capo geniale e bullo.

Note

  1. Per approfondire: Frontiers | Interoception and Empathy Impact Perspective Taking (frontiersin.org)

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4